Maldive - Istr. per l'uso

Malé sud



A travel survival kit

Questa pagina è costituita unicamente da suggerimenti pratici e consigli di viaggio per tutti coloro che decideranno di programmare un viaggio alle Maldive. Molti li ho già dati di volta in volta nei singoli post dedicati e quindi potranno esserci delle ripetizioni. Se qualcuno ha bisogno di info più dettagliate, può chiedermele direttamente via e-mail.

Itinerario

Questo è un viaggio in cui non è previsto l'itinerario ma di norma si esaurisce nella classica settimana da villaggio con qualche breve escursione di natura marina attorno al proprio isolotto. Le alternative come ho detto sono: la crociera tra le isole e a permanenza in un hotel di villaggio nelle isole dove questi sono ormai presenti. Io ho scelto il resort di Sun Island, che mi sembra abbia un buon rapporto qualità prezzo. Dopo l'arrivo all'aeroporto internazionale dovrete raggiungere il luogo prescelto. A seconda della distanza ci arriverete con un volo interno (ATR 42 per le mete sovrappopolate, piccoli aerei, idrovolanti dove non c'è aeroporto locale, barche se la meta è vicina). Tenete conto che con l'aereo, meglio ancora se piccolo,avrete una spettacolare vista dell'arcipelago dall'alto che può valere il prezzo del biglietto. Il costo dovrebbe essere standard di 240 $ per aereo + barca e di 40 $ per la sola barca, che vi viene comunicato prima della partenza nel sito dove prenotate e pagherete poi col conto finale. A titolo di curiosità vi ricordo che gli italiani rappresentano il paese che fornisce il maggior numero di visitatori, oltre il 20%, seguiti da Russi e adesso dai Cinesi in grande crescita, vengono poi gli altri Europei, principalmente Tedeschi e Francesi e Australiani. Se volete visitare la capitale, avendo tempo tra l'arrivo all'aeroporto e lapartenza del volo, lasciate ilbagaglioal deposito (6$ a collo) e poi prendete il ferry di fronte (1$ a tratta per 10 minuti)

Scelta dell'atollo

Questo è il problema principale che assilla chi sta decidendo il viaggio. Innanzitutto scegliete il livello di prezzo che siete disposti a spendere, ricordandovi che si parte dal Cheval Blanc nell'isola di Randheli che parte da 4000 € a notte, ma tranquilli che lo trovate in offerta anche a 3000, poi vedete i diversi atolli considerando che anche dove ci sono le soluzioni più lussuose ci sono proposte più o molto più economiche a distanza magari di solo qualche chilometro ed evidentemente il mare e la barriera sono le stesse. Comunque ricordatevi che gli atolli sono 26 disposti lungo oltre 70 chilometri di lunghezza. A detta dei vari viaggiatori Ari sud è uno di quelli che presenta i fondali migliori, Malé nord è consigliato ai surfisti, Lhaviyani è noto per le spiagge migliori (anche se sono tutte bellissime). L'isola abitata di Mahafushi nell'atollo di Malé sud presenta le soluzioni più economiche ed è suggerita per chi voglia spendere poco e conoscere il paese più da vicino, anche se ovviamente è molto turistica. L'atollo di Shaviyani è dichiarato come il più isolato ed incontaminato, mentre l'atollo di Baa va ora molto di moda ed è tra i più ricchi di vita marina (sito Unesco). Comunque tra le soluzioni che vengono indicate sul web come tra le migliori come rapporto qualità prezzo ho trovato: Biyadhoo, Embudu, Eryadu,  Flitheyo, Fihalhohi e Angaga (ma siamo già nel lusso), oltre a Sun Island che ho scelto io. Diciamo che ce n'è per tutti i gusti.

Visti

Non serve il visto turistico per gli italiani e anche alla frontiera non si pagano tasse od oneri vari. Qui il turismo è incentivato al massimo e si cerca di agevolare il percorso degli ospiti stranieri, cercando di instradarli su un percorso obbligato che li faccia pervenire direttamente al luogo da loro scelto e farli ritornare lungo la stessa strada, possibilmente senza contatti con la realtà locale. 

Come raggiungere il villaggio

All'arrivo dopo l'ingresso trovate un salone dove sono presenti un centinaio di piccoli stalli numerati. Cercate quello che ha il nome dell'hotel della vostra destinazione, che vi sta aspettando e vi guiderà nelle mosse successive, portandovi con i mezzi necessari alla vostra destinazione finale.


L'albergo


Se decidete per l'alberghetto, spenderete certamente poco e vivrete in mezzo alla  realtà locale. Se optate per il resort che di norma occupa completamente un'isolotto avrete prezzi superiori ma trattamento via via migliore a seconda del divario di prezzo la cui forchetta è molto larga. Tutti i nuovi resort che vengono via via creati per la nuova clientela russo/cinese è di 5 stelle minimo (anche qui). Se volete contenere i costi dovrete ripiegare con quelli più tradizionali e i nuovi piccoli hotel sulle isole abitate come già detto. Tenete conto che la spesa cala notevolmente se vi organizzate il tutto via internet, cosa ormai banale e alla portata di tutti. In questo caso ci sarà una scelta tra almeno tre livelli di bungalow, da quelli interni a quelli sulla spiaggia, infine a quelli sul mare (waterbungalow). Ricordatevi che comunque all'interno i bungalow sono abbastanza simili e il mare è sempre uguale per tutti, nonché i servizi esterni (cibo, attività, ecc.) per cui valutate se vale la pena di investire una cifra anche considerevole per upgradare la sistemazione.

Periodo di viaggio

In realtà le Maldive accolgono ospiti in tutto l'anno, grazie al fatto che la temperatura è grosso modo costante tra i 28 e i 32 °C. Il discrimine è costituito dalle piogge che comunque non impediscono o non rovinano la vacanza più di tanto anche nella stagione monsonica. Comunque il periodo di punta va da dicembre a marzo, periodo in cui piove pochissimo, il peggiore da giugno a settembre (monsone), durante il quale ci sono diversi violenti scrosci giornalieri. Nel restante periodo tempo variabile ma godibilissimo, con qualche pioggerella di tanto in tanto che comunque, vista la temperatura non è per nulla fastidiosa. Tenete conto che fuori dal periodo secco di punta che coincide anche con le vacanze natalizie e pasquali, in cui i villaggi fanno il pieno, nel resto dell'anno c'è sempre posto a disposizione e si possono sfruttare ottime offerte con riduzioni di prezzo anche della metà o oltre. Controllare bene i vari siti di prenotazione per trovare le occasioni migliori.

Ristoranti

Di norma nel pacchetto viene offerta l'opzione che include il solo B&B, l'HB o il Full Board. La differenza è abbastanza bassa ingenerale. Il mio consiglio, dato che solitamente il tutto si svolge in un sito centrale a buffet sterminato, va alla mezza pensione. Tra colazione e cena, infatti ingurgiterete talmente tanto cibo che difficilmente ce la fareste anche ad avere un pranzo. Di norma il resort offre opzioni di un paio di ristoranti più pretenziosi, magari uno italiano e uno orientale, a pagamento, per chi vuole fare una cosa un po' più esclusiva o non ne ha ancora abbastanza. Ci sono poi bar e coffee shop per bere qualcosa in riva al mare o al chiaro di luna. Quasi sempre è prevista un'happy hour a metà prezzo, specialmente nei periodi meno affollati.

Attività

Ovviamente la fanno da padrone tutte le attività marine, principalmente snorkelling e diving, che sono comunque piuttosto care con uscite minime attorno ai 50 $ a botta. Risulterebbe che cercando bene nella zona dei centri sport acquatici ci siano personaggi con barche proprie che offrono uscite di snorkelling a prezzi molto più concorrenziali. Controllate prima di cascare sul banchetto ufficiale della reception. Facilmente troverete i vari sport di spiaggia, parasailing e kytesurf  ecc. Ci sono poi escursioni che offrono un giro di isolotti abitati da locali, tipo visita allo zoo, che il turista, specie quello che ha speso molto, apprezza particolarmente sul versante oh poverini, guarda  come sono felici anche se hanno le mosche addosso, come siamo buoni ad aiutarli a casa loro se no vengono anche questi ad invaderci. Queste in generale sono molto care e lasciano un po' il tempo che trovano. Alla sera vengono normalmente organizzati  spettacoli, musica locale e non e altre attività varie per chi si annoia troppo.

Voli Aerei

Si trovano generalmente cercando per tempo e con attenzione, tra i 450 e i 600 € con stop nei vari paesi del golfo, dove potreste approfittare di uno stop over che darebbe maggior senso al viaggio stesso. Attualmente c'è anche un volo diretto da Roma di Alitalia che vi ci porta in 7 ore circa ad un prezzo un po' superiore. Se invece andate con una organizzazione che vi fa un pacchetto diretto dall'Italia,  usufruirete spesso di charter diretto, anche per l'altro aeroporto dell'arcipelago.

Soldi

Nel resort pagherete tutto con carta di credito alla fine o in dollari. Tenetevi spicci per le mance, che sono molto gradite e su cui il personale conta, ovviamente in proporzione alla lussuosità del posto. La moneta locale è la Rufiyaa Maldiviana il cui cambio ufficiale è  al momento 1 € = 19 MVR circa. In pratica la maggioranza dei turisti non le vede neppure. Vi capiteranno solo se siete nelle isole minori, dove comunque potrete anche pagare in dollari che a tutti gli effetti è valuta alternativa. Ad esempio il biglietto del ferry a Malé si paga con un dollaro a tratta. 

Sicurezza

Ovviamente non ci sono problemi da questo punto di vista nelle isole e nei resort. Consuete cautele nella capitale specialmente se ci sono manifestazioni politiche come in questi giorni.  Da un paio di settimane è stato promulgato lo stato di emergenza, cosa abbastanza comune nei paesi piuttosto rigidi,quando cominciano ad esserci un po' troppe manifestazioni di oppositori politici, ma non mi preoccuperei troppo. Se non lo sapete, probabilmente non vi accorgerete di nulla. Per il resto tranquillità assoluta.

Salute

Tutti i resort hanno un servizio medico a disposizione anche per le emergenze. Tuttavia portate ovviamente con voi i farmaci di cui avete bisogno e tanta crema solare 50. Per le zanzare fanno tutte le sere il trattamento, per cui respirerete solo un po'di prodotto. Se sono riportate presenze di sand fly, fastidiose  moschine che mordono le chiappe conformazioni di pustoloni rossi che durano a lungo, non sedetevi direttamente sulla sabbia, ma non è cosa frequente.  Nelle isole abitate invece, le zanzare sono frequenti nonostante la presenza di gechi e pipistrelli. Consueti problemi intestinali per il troppo cibo.

Comunicazioni

Ormai il Free Wifi c'è dappertutto e non avrete problemi a comunicare con casa con i vostri smartphone senza bisogno di schede locali. Ormai il mondo è tutto interconnesso. Punti internet per chi è sprovvisto di tecnologia propria.


Altre notizie e consigli spiccioli sul mio itinerario li ho già dati nelle sezioni Survival Kit in fondo ad ogni post e lì vi rimando.

In questo momento non mi viene in mente altro, quindi per chi vuol conoscere qualcosa di più approfondito, più che altro sensazioni ed emozioni cotte e mangiate,  date un'occhiata ai link sottostanti o mandatemi una email:

enricobo200 chiocciola gmail punto com

E non dimenticate che tra qualche mese uscirà l'ennesimo libro /falsa guida di viaggio. Questa volta data la brevità ci sarà soltanto l'e-book.



Se ti è piaciuto questo post, ti potrebbero anche interessare:

Nessun commento:

Where I've been - Ancora troppi spazi bianchi!!! Siamo a 108 (a seconda dei calcoli) su 250!