sabato 1 dicembre 2012

Pesce nel Monferrato?

Il carpaccio

Intanto segnatevi subito l'indirizzo che se no me lo dimentico: Locanda dell'Arzente - Loc Guatrasone 100 - San Salvatore Monferrrato (AL) - Tel. 0131.233969. Dall'unica pagina del sito, caverete poco, ammettendo i gestori di essere poco amici del digitale. Bisogna venirci, dunque, in questa ultima propaggine del Monferrato a trovare questo agriturismo accoccolato su un poggio di fronte al paese ed alle sue colline ricoperte di bruma in questa stagione amica dei cibi e della buona tavola a gustare la classica cucina monferrina sotto l'ampio portico vetrato che guarda la valle. Ma se volete una sorpresa e cercate un posto lontano dal mare per sfogarvi col pesce, tenete conto che l'ultimo venerdì di ogni mese il locale propone un menù marino di tutto rispetto. Lasciatevi andare tra le braccia avvolgenti dell'offerta dei piatti, che a seconda della disponibilità stagionale, arriveranno a getto continuo. Noi siamo partiti da un buon carpaccio di pesce spada, seguito da una classica insalata tiepida di polipo e patate e pomodori secchi. Ecco poi arrivare ciotole di conchigliette e ed altri molluschi ad impegnarvi all'estrazione dell'animaletto ber ricoperto di salsa ghiotta. 
  
Ben studiata, poi, la rosetta di pane fragrante che contiene una densa e saporosa zuppetta di ceci, moscardini e scampi. Anche la presentazione, pur se qui non se ne vuole abusare, vuole la sua parte. Segue, tanto per non farvi mancare niente, un bello scodellone di cozze giganti il cui inquilino arancione grasso e cicciotto farà capolino tra le valve nere in maniera ammiccante, invitandovi a a cogliere il frutto proibito. Infine, a tempi debitamente scadenzati, ecco arrivare un cartoccio di mezzi paccheri alle cicale di mare, anche questi delicati e non aggressivi come si conviene. Segue la classica orata al forno, davvero buona, prima del trionfo del vassoio di gamberoni e scampi. Un semifreddo alla panna con gocce di cioccolato e agrumi completeranno la strippata e considerate che ai ghiottoni che conosco io, viene ad ogni portata offerto un generoso bis. Caffé e limoncello maison per sigillare il tutto (oppure un grappa dalla ricca collezione di cui il locale mena vanto) e unendo il tutto  a un vermentino sardo mosso, gradevolmente abboccato, si deve davvero dire che il conto tutto incluso di 45 Euro a testa è davvero un buon rapporto qualità prezzo. Direi che sarà il caso di tornare per testare la cucina del territorio, un po' più avanti.












Se ti è piaciuto questo post, ti potrebbero anche interessare:

Piccoli piaceri.

1 commento:

il monticiano ha detto...

Pensa tu che effetto possa avermi fatto questo tuo post dal momento che io adoro il pesce in modo quasi maniacale.
Ne farei uso tutti i giorni.

Where I've been - Ancora troppi spazi bianchi!!! Siamo a 102 (a seconda dei calcoli) su 250!