giovedì 24 luglio 2014

Serata a Fenestrelle

Scusate se mi prendo una piccola pausa nella saga albanese, ma tanto l'estate è lunga e avremo tutto il tempo a disposizione per andare avanti in quel filone. Il fatto è che qui nella Val Chisone, come nel resto dell'Italia del resto, continua, come si dice qui, a piovere da "magnìn", nel senso che, per carità, sarebbe pure un bellissimo novembre, ma per essere alla fine di luglio si starebbe anche bene con un po' di sole. Non per me, a dire il vero, che me ne sto benissimo anche così, sul mio terrazzino, come adesso, nella pausa tra un piovasco e l'altro, ma per tutti quei disperati che anelano il bel tempo per armarsi di tutto punto di bastoncini da nordic walking, pedule e zaino affardellato di panino, uovo sodo, tavoletta di cioccolata Novi e fruttino Zuegg e via a camminare per le montagne fin che non si raggiunge la cima di giornata, la cosa è fastidiosa. Anche i locali, bar e ritrovi, piangono disperati perché fanno dieci caffè al giorno, insomma altre lacrime oltre a quelle che piovono dal cielo un giorno sì e l'altro pure. E' pur vero che con questo tempo, i boschi, i pascoli e i fianchi della montagna non sono mai stati così verdi e rigogliosi, un seguito di sfumature così cariche che mai si sono viste, ma se continua con questo ritmo, va a finire che i funghi ci cresceranno anche tra le dita dei piedi, che così si risparmia tempo ad andarli a raccogliere. 

Cosa che comunque è sempre stata al di là della mia capacità. Diciamo che a questo punto preferisco andare giù dall'amico Cristiano dei Cacciatori a Castel del Bosco (di cui vi ho già parlato qui, non perdetevelo se passate da queste parti) e lui me li serve direttamente nel piatto, oggi tagliatelle con le "garitule", altrimenti dette finferli, per i miei lettori milanesi e porcini fritti appena raccolti, bicchierone di mirtilli con gelato alla crema con un nulla di Grand Marnier e direi che si sta bene e abbiamo fatti contenti anche i vegetariani. Forse non i vegani di quinto livello, quelli che mangiano solo vegetali che non fanno ombra, ma direi che per la maggioranza va anche bene così. Dunque adesso mi riposo, poi darò un'occhiata alla presentazione di foto che farò questa sera nella sala comunale di Fenestrelle (abbinata furbescamente alla presentazione del mio libro) e poi la giornata è belle che andata anche oggi. Dunque se qualcuno fosse in zona e non sa come passare la serata, fate un salto alle 21:00, proiettore nuovo appena arrivato al Comune e alla Pro Loco e io che chiacchiero. Tanto non è obbligatorio l'abito scuro.





Nessun commento:

Where I've been - Ancora troppi spazi bianchi!!! Siamo a 102 (a seconda dei calcoli) su 250!