lunedì 16 giugno 2014

Il Bar Baleta: Tariffa night

Leen e il sax - (gent. concessione di Gino "Baleta" Gemme)

Gino, tra i suoi straordinari disegni che continua a regalarci, nel "nostro" gruppo di FB di nostalgici frequentatori del bar, ha postato questo, qualche giorno fa. Così a poco a poco è riemersa una storia che mi ero completamente dimenticato. Il bar ad una certa ora, dopo la mezzanotte, perdeva i clienti meno motivati; i turisti poi, rari per la verità, erano presenti solo di giorno ed a quell'ora se ne erano andati già da un pezzo. Rimanevano solo gli aficionados, i giocatori di carte incalliti che volevano fare l'ultima mano e i tiratardi cronici. Gino cominciava a dare una rassettata, e proclamava ad alta voce la cosiddetta "tariffa nigth" che voleva essere un po' un avviso ai naviganti che se si cominciava a sgomberare, non era poi una gran brutta cosa. Ma dopo l'ora delle streghe, accadevano a volte cose strane in quel bar, mentre qualche vecchio avventore terminava le discussioni più accanite sul nulla, attorno ai tavoli della sala col bancone, intanto che le altre, ad una ad una si facevano deserte e si spegnevano le luci. Ci fu un periodo in cui, verso quell'ora, cominciò ad apparire un tipo strano, assolutamente fuori contesto per il locale e per la stessa città, ancora non abituata a presenze estranee. 

Qualche via più in là infatti, era da tempo aperto un locale, il Dollar Club, quello che un tempo si chiamava appunto il Night club, luogo che non era chiaro da chi fosse frequentato, dato che in una cittadina di provincia ci si conosce tutti e si sa tutto di tutti, salvo che si favoleggiava di signorine poco vestite che assistevano gli avventori e cose di questo genere, insomma le famigerate entraineuses. Un luogo di peccato che per la verità nessuno ha mai capito come facesse a campare, tanto è vero che apriva e chiudeva continuamente. Il locale per peccatori apriva dopo mezzanotte ovviamente e Leen che lavorava lì, passava da Baleta prima di cominciare il lavoro, insomma per bere qualcosa tanto per farsi la bocca. Era un nero, anzi a quel tempo si diceva proprio negro; veniva da Trinidad e di mestiere faceva il musicista. Suonava appunto al Dollar, poteva avere un cinquantina di anni, con quelle facce un po' segnate dalla vita, lo sguardo disilluso, ma con la bocca sempre atteggiata ad un sorridere stanco. Solo gli occhi forse erano tristi. Aveva occhiali pesanti cerchiati di tartaruga, si sedeva un po' appartato in un angolo a bere un rum, aspettando che venisse l'ora di andare ad allietare con la sua musica qualche vecchio viveur che aveva altro per la testa che prestare attenzione alle sue note. Per la verità non lo si sentiva mai parlare ad alta voce, un mansueto insomma, come tutti quei musicisti abituati dalla vita a saltare i pasti. Divenne una figura costante nel bar e come tale dopo un po' fu accettato come uno degli altri, tanto che nessuno ci faceva più caso. Anzi anche lui dopo un po' ebbe il suo bravo diritto di "segnare" le consumazioni sul famigerato libretto di Gino. 

Un giorno, passò al bar di mattina, prese Gino da parte e gli spiegò che doveva partire, non aveva un soldo, figuriamoci per saldare il conto, forse al night neanche lo avevano pagato, però lui non se l'era sentita di filarsela all'inglese, come si diceva allora "in punta di piedi". Volle a tutti i costi lasciare a Gino in pegno un flauto, il suo secondo strumento, promettendo che sarebbe ritornato a regolare, poi scomparve. Gino, che nonostante i nostri rimproveri e le prese in giro, ha un gran cuore, rimase quasi ossessionato da quel fatto. Il topo morto stava lì in un cassetto, oltre che sul suo stomaco e come lui stesso ha detto, ogni volta che lo apriva, "si sentiva come un negriero, un padrone di casa sfruttatore di disgraziati". Due anni dopo, inaspettato, Leed ricomparve sulla porta del bar, accolto come un amico che arriva da lontano. Voleva pagare il suo debito, ma Gino rifiutò e concesse la cosiddetta grazia e benedizione. Leen fu sorpreso naturalmente e forse capì di trovarsi tra amici. Senza dire nulla, estrasse dalla custodia, che portava sempre con sé, il suo sax e appoggiò sui tasti le sue grosse dita. Tre note morbide e calde come il rum del suo paese quando il primo sorso comincia a scorrere in gola e attaccò I walk alone uno dei pezzi preferiti da Gino. Quelli che erano lì, rimasero muti ad ascoltare quello che voleva essere un suo gesto di ringraziamento. Finito il pezzo, riavvolse lo strumento ed uscì dalla porta con un gesto della mano. Non si vide più da quelle parti.

Se ti è piaciuto questo post, ti potrebbero anche interessare:


9 commenti:

Gino Gemme ha detto...

Centrato l'obiettivo. Hai descritto quel lontano episodio,come se fossi stato presente. Onore al merito e alla tua espressivita'. Grazie Enrico.

cristiana2011-2 ha detto...

Un racconto bellissimo col sapore d'altri tempi.
Cristiana

il monticiano ha detto...

Che bel personaggio Leen, veramrente da tenere in considerazione come un buon amico.
Ottimo racconto-ricordo.

Juhan van Juhan ha detto...

Ma si dice "tariffa night" o "tarifa nöit"?

Enrico Bo ha detto...

@Gino - Grazie detto da te è un gran complimento e poi l'episodio meritava assolutamente di essere ricordato.

@Cri - Sì allora a nessuno venivano neppure in mente i problemi e i contrasti legati all'immigrazione, poi siamo diventati tutti più duri.

@monty - Se ne trovavano tanti di quei personaggi in giro a quei tempi

@juhan - siamo ad Alessandria e quindi poteva essere "Tarifa noch", ma veniva usata solo la dizione italiana in quel caso.

tentare, nuoce ha detto...

Che 'narrata carogna in sentimento', caro Enrico, questa tua che m'ha riaggallato alla mente un Gran Bar di via Solferino, Brera la ancora Brera, dove di notte ci si chiudeva a chiave e, nobiltà miseranda d'una volta, bevendo a schiattabudella si cantava per poi, a saracinesca di mezz'asta, fuori e l'alba

Ambra ha detto...

Questo Gino. Mi ricorda tanto il bar del Giambellino.
Devo dire che il tuo commento mi ha strappato un sorriso. Non ci vediamo mai, non ci sentiamo mai, non ci commentiamo mai, ma se mi metto in viaggio, chissà perché, ti colpisce. A te che sei un viaggiatore per eccellenza. E allora mi lasci un commentino. Grazie comunque per avermi fatto sorridere.

Anonimo ha detto...

Sai che ho un vago ricordo di un nero che frequentava il centro ( io allora abitavo in via Trotti )e del Dollar club che mi sembra fosse in via Legnano.Ma data la giovane età ed il periodo preistorico in cui siamo vissuti non mi viene in mente nient'altro se non che i proprietari del suddetto night fossero forse i Bolognini.Boh?? e' così?
Paola

Enrico Bo ha detto...

@tent - sentimento balordo che rode dentro, anzi dendro, perchè nero , rododendro.

@Ambra - Sono contento quando la gente lascia detto che viaggia, intanto vuol dire che sta bene ed è già molto. Immagino sarai già tornata! Buon prox viaggio allora.

@Paola - Non è in via legnano ma nella parallela prima e credo che sia tuttora aperto, una saracinesca triste di giorno chiusa.

Where I've been - Ancora troppi spazi bianchi!!! Siamo a 102 (a seconda dei calcoli) su 250!