mercoledì 27 aprile 2011

Legittimo impedimento nucleare.

Nella credibilità, un punto fondamentale è la coerenza, quantomeno non bisogna mostrare di avere, almeno smaccatamente, secondi fini. Un bellissimo evento descrittivo di questo assunto lo abbiamo avuto in questi giorni. Chi mi legge sa quanto io appoggi incondizionatamente un approccio scientifico ai problemi, che deve essere sempre supportato da dati e da fatti reali, provati e ripetibili. Quindi decisa distanza da biocavolate varie e omeopatie  basate sul furore polare. Al nucleare invece, sono sempre stato e rimango, decisamente contrario. Mi sto contraddicendo? Non credo. Il problema va, come tutti gli altri esaminato sotto tutti i punti di vista e nel suo complesso. Dal lato economico, il nucleare non è come ci hanno raccontato, conveniente. Soprattutto se si considerano i costi, dalla costruzione delle costosissime centrali, al loro completo decommissioning (ancora più costoso della erezione). Dal punto di vista della disponibilità del combustibile poi, si sa che non abbiamo miniere di uranio e che queste, poche, si esauriranno addirittura prima delle fonti fossili.

A questo vanno aggiunti i costi per lo smaltimento delle scorie, di cui si continua a far finta che sia un problema secondario e non una patata bollente che non ha ancora risolto come quelle di Trino Vercellese, tanto perchè si sappia. Inoltre saremmo debitori anche della tecnologia, che è esclusivamente francese, come ben si sa. Ma la cosa più dura da accettare, riguardante la sicurezza, che in sé, potrebbe essere accettabile ed è il problema che mi spaventa di meno in linea teorica, è che sappiamo tutti cosa succederebbe in Italia, posto che qualche regione le accetti, all'assegnazione degli appalti. Cemento alla sabbia, strutture di sicurezza di cartone e assegnazione dello smaltimento delle scorie ad associazioni campane per lo sversamento nelle campagne casertane. Ma suvvia, come potete avere fiducia su questo lato della questione. Mi meraviglio e questo non c'entra nulla con la fiducia nella scienza, senza contare che come dice Rubbia, le strade tecnologiche accettabili, sono da studiare e non sono ancora quelle attuali. Chiuso il mio punto di vista è molto divertente esaminare quello di chi ci governa.

Uno dei punti fondamentali del programma era proprio il ritorno al nucleare, in barba alle decisioni degli italiani, che ci era stato presentato come unica soluzione sicura ed intelligente, da facce gravi e dispiaciute che il nostro paese fosse rimasto arretrato nel tempo a causa di pochi deficienti (mi sembra oltre l'80% di chi votò) che avevano condannato l'Italia al medioevo energetico quando il Giappone ricavava quasi tutta la sua energia proprio dal nucleare. Salvo i leghisti, naturalmente che mentre danno del coglione a chi al nucleare si appose, sono naturalmente contrari a farle nelle regioni dove governano. Non esageriamo la coerenza è una cosa, il consenso è un'altra. Certo le motivazioni erano ottime; da un lato, dai gruppi di appaltatori che già si stavano fregando le mani al profumo del grasso che cominciava a colare e dall'altro i famosi sondaggi, ormai unica fonte delle decisioni politiche. Poi appena succede il patatrak e i sondaggi cambiano bandiera, invece di venire a sostenere le loro decisioni, che se erano giuste ieri non saranno certo sbagliate oggi, ché la scienza non cambia in base ai sondaggi, gli stessi personaggi, con la stessa faccia grave, ci spiegano la necessità di sospendere prima e poi di cancellare le norme che erano state promulgate sulla questione.

Coerenti come sempre; si fa non quello che è giusto, ma quello che sempra piacere al popolo, che non sia mai che si perda qualche voto; magari come la Lega, attentissima a queste cose, si fa una cosa in parlamento e si dice il contrario nelle piazze, tanto per essere sicuri. Comunque l'importante di questo stop, non è certo il nucleare, che si sa è ormai morto e sepolto, salvo poter essere ripreso di nuovo, appena i sondaggi cambieranno allo spirar dei venti, ma il famoso secondo (e terzo) fine. Infatti l'inutile provvedimento di cancellazione di questi giorni, come ognuno ha capito, serve soprattutto a cancellare il referendum, che non sia mai che si capisca che la maggioranza della gente non ne può più di questi personaggi. Ma per calare anche l'asso, nei prossimi giorni verrà sistemato ed eliminato anche il referendum sull'acqua, per essere certi che vada poi in malora anche l'ultimo, quello davvero importante naturalmente, quello sul legittimo impedimento. Mah, mettiamola in ridere, date un'occhiata a questo video di un mio caro amico, grande attore che avevo cercato di distogliere dall'arte per fargli vendere pezzi di plastica.




PS. Leggo in questo momento sul giornale e porto alla vostra attenzione una notizia che mi lascia talmente basito da non riuscire a formulare nessun commento. Il nostro ineffabile capo del governo, ha confermato pubblicamente questa mattina che certamente la cancellazione dei provvedimenti riguardanti il nucleare è stata fatta solo per evitare il referendum, in quanto "gli italiani sarebbero indotti dall'emozione a votare male" e che tra due o tre anni il programma nucleare riprenderà come previsto. Questo incredibile candore non ha spiegazioni di sorta, lo lascio quindi al vostro giudizio sereno.


Se ti è piaciuto questo post, ti potrebbero anche interessare:

9 commenti:

Galatea ha detto...

Gran bel post, chiaro e deciso, condivido in pieno, eccezionale anche il video.

Sandra ha detto...

Sempre cialtroni-cioccolatai, noi, vero?!
La coerenza cosa sarebbe...qualcosa che si mangia?
Buona giornata.
Sandra

cristiana2011 ha detto...

CAVOLI, dici bene!
Bello il filmato nella sua tragicomicità.
Cristiana

maaleeesh ha detto...

esatto! non conviene, non si sa dove mettere le scorie (non sappiamo nemmeno dove mettere l'immondizia), non lo vuole nessuno (e non lo volevamo manco prima della brutta storia del giappone). c'e' da chiedersi cosa ha promesso sarko' ai nostri...

Angelo azzurro ha detto...

Coerenza è una parola sconosciuta nel dizionario di questo governo, per la precisione, soprattutto in quello del premier. Giudizio sulle ultime affermazioni sul nucleare? Non posso esprimermi, potrebbero scire parole pesanti, credimi!! :O)
Forte il video!! ;O)

Anonimo ha detto...

I produttori di petrolio e di gas leggono questo post e questi commenti e si sbellicheranno dalle risate e per altri 50 anni potranno trastullarsi allegramente a nostre spese.GLM

enrico ha detto...

@Gala - E' bravo Nunzio, ne sta preparando un secondo.

@Sandra - Coerenza è una parola grossa. Ma tutto serve per blandire il popppolo.

@Cri - ne parliamo tra un paio d'anni

@Maal- $$$$$$$$$$$$$$$$

@Angi - L'importante è fottere i referendum.

@GLM - Caro Gian i petrolieri riderebbero comunque, visto che gas e petrolio si esauriranno comunque dopo l'Uranio. Comunque i costi reali del nucleare sono ben noti a tutti quelli che li vogliono sapere. Quelli di un eventuale nucleare italiano poi, quelli è meglio non saperli.

massimo ha detto...

analisi lucida, la tua. Mi trovi d'accordo.Una considerazione: dici che il nucleare magari verrà ripreso appena i sondaggi cambieranno. Io temo il contrario. Questo personaggio non segue i sondaggi, mi pare, decide lui quello che penseremo noi. Ti ricordi ad esempio quando il voto dei senatori a vita era l'emergenza nazionale? Ma come, non eletti dal popolo e votano lo stesso? Ora che non sono più funzionali al suo scopo politico chissenefrega, che votino pure. E nessuno che dica ma come, non lo risolviamo più il Problema?

enrico ha detto...

@Max - Hai ragione, rimane comunque il fatto che la maggior parte delle dichiarazioni del personaggio (a parte quelle che gli scappano perchè non riesce a trattenerle, si sa che con l'età tutti gli orifizi sono meno efficienti) sono studiate in riferimento a precisi sondaggi.

Where I've been - Ancora troppi spazi bianchi!!! Siamo a 104 (a seconda dei calcoli) su 250!