giovedì 21 aprile 2011

Euroflora 2011.




Euroflora è una magia che si ripete ogni cinque anni, sempre uguale e sempre diversa. Sarà che l'uomo si sente naturalmente affascinato dal verde dagli alberi, ma soprattutto dai fiori, per giustificare il successo travolgente che ha questa, come del resto altre manifestazioni simili. Un sacco di persone sono ben contente di pagare un biglietto per passeggiare, ammirare, godere di piante che arrivano da tutte le parti del mondo. Certo si dirà che questa edizione è in tono leggermente minore a causa della crisi e dei soldini che mancano. Certo tutti, se possono, limitano le spese, ma non rimarrete comunque delusi da questa che comunque rimane un punto fermo tra le floralies europee.




Io, essendo stato coinvolto per fare il giurato in 5 dei numerosissimi concorsi, me la sono potuta godere, diciamo in privato e con più calma, nella giornata che ha preceduto l'apertura, evitando la folla pressante che sicuramente ci sarà nei prossimi giorni. Che delizia passeggiare tra i vialetti, facendosi largo tra le fronde, confrontando i concorrenti, valutando la consistenza dei capolini, la grandezza di petali, i colori, la rispondenza varietale. Discutere sulla bellezza è sempre una cosa straordinaria, farlo con la simpaticissima e competente signora con cui mi sono accompagnato è stato anche un piacevole privilegio. Un tripudio di colori e di cose belle, anche se alla sera il gonfiore ai piedi si è fatto sentire in tutta la sua potenza distruttrice. Per fortuna che i delicati piatti a tema floreale della cena della premiazione, hanno saputo attutire il grido di dolore. Accompagnati da fragranti focaccine, ecco incedere bagnati da un profumato pigato, pinzimonio nel bambu, riso con seppioline, spigola ripiena di verdure e gelato al cioccolato elegantemente presentati, mentre i membri delle varie giurie si mimetizzavano tra le felci per sottrarsi alle ire di chi aveva mancato di poco gli ambiti premi. Per dare gioia anche a voi ecco le foto dei piatti, per i fiori, mi spiace, ma dovrete pagare il biglietto.











Se ti è piaciuto questo post, ti potrebbero anche interessare:



6 commenti:

Angelo azzurro ha detto...

Ci sono stata cinque anni fa e ho un bellissimo ricordo: i colori, la magia delle cascatelle, i fiori e le piante... Almeno una volta, è proprio da visitare!

maaleeesh ha detto...

io non ci sono mai stata, ma sento sempre commenti entusiasti da chi ha potuto essere presente.
pero' non vale, ci fai vedere queste meraviglie... che invidia!

Adriano Maini ha detto...

Fortunato, eh!

enrico ha detto...

@Angy - Fiori e piante danno una bella sensazione.

@Maal - Dalle tue parti fanno qualcosa di analogo?

@Adri - Dipende da che lato. I piedi si sono lamentati moltissimo, Ieri sera sembravano due zampogne.

Blogaventura ha detto...

Tanti auguroni di Buona Pasqua e... Buon Venticinque Aprile, Fabio

enrico ha detto...

@Bloga - e altrettanti auguri a te, carissimo e viva la Sardegna!

Where I've been - Ancora troppi spazi bianchi!!! Siamo a 104 (a seconda dei calcoli) su 250!