sabato 10 settembre 2011

Recensione: P. Moore – Coccolata a colazione.


Mi è venuto tra le mani questo vecchio Oscar Mondadori di tanti anni fa. Lo ricordo bene, un libro scandaloso che girava sottobanco ed il cui enorme successo editoriale (oltre 500.000 copie solo in Italia) era di certo dovuto a questa sua fama di trasgressione inaudita. Letto oggi fa davvero sorridere e scorrendo le vicende di questa ragazzina che si aggira come sperduta in un mondo devastato e devastante alla ricerca soprattutto di sé stessa, ci si chiede come mai ogni generazione trova il modo di autodefinirsi generazione perduta o gioventù bruciata. Perlomeno questo viene loro imposto dagli altri ed i ragazzi finiscono per convincersene. Il libro era del 56 e la gioventù che dipinge, appartenente al mondo più dorato di New York e di Los Angeles e carica della rabbia e della voglia di rivoltarsi contro tutti e tutto in cui si leggono già i profumi del 68 ancora da venire. Tutto viene annegato in fiumi di alcool con cui cancellare il vuoto di pensieri e di ideali che occupa la loro vita. Allora la droga era ancora lontana, ma il senso della ricerca ossessiva dello sballo di per sé stesso, per sentirsi vivi in qualche modo, per cancellare il senso di inutilità che avvolge tutto è evidentemente una costante di ogni epoca, come la ribellione verso la famiglia e il mondo intero. Al fondo di tutto in queste creature sprecate, dopo la perduta innocenza, soltanto grande malinconia, struggimento e tenerezza patetica. Gli occhi tristi e la rabbia hanno la piega triste di Jeams Dean con il suo seguito di giovani vite inutilmente gettate. L’autrice stessa è pervasa completamente da questo spleen e otto anni dopo questo grande successo si suicida a New York a 27 anni con un colpo di carabina in bocca.

7 commenti:

maaleeesh ha detto...

Non poi cosi' diversi dai giovani di sempre questi del '56.
Ho avuto la fortuna di leggere parecchi Oscar Mondadori di quegli anni (purtroppo ho problemi a ricordare autori e titoli) perche' una vicina di casa lavorava alla Mondadori e quando trasloco' me ne regalo' tanti, ma proprio tanti, che aveva in casa da anni.
Credo siano tra i piu' belli che ho letto.

Martino ha detto...

Sai, Enrico, ho letto questo post già due giorni fa e non mi ero reso conto del lapsus - freudiano? - in cui sei cascato.

Il tuo titolo dice "Coccolata a colazione" ma quello del libro è ovviamente "Cioccolata a colazione".

In effetti, benedetti ragazzi, di ieri di oggi e di domani, un po' di coccole oltre al bottiglione non andrebbero meglio...

maria ianniciello ha detto...

Ciao. Scusa per l'intrusione, ma volevo segnalarti un'iniziativa. Sul mio blog puoi leggere e vedere (è anche in versione video) gratuitamente il mio racconto "Ricordi di donna", pubblicato a puntate. Oggi c'è il gran finale. Grazie. Maria

enrico ha detto...

@Maal - e tra l'altro costavano poco!

@Marty - Assolutamente non voluto ma geniale, tanto che ho deciso di lasciarlo.

@Mary - Vado subito a dare un'occhiata.

enrico ha detto...

@Maal - e tra l'altro costavano poco!

@Marty - Assolutamente non voluto ma geniale, tanto che ho deciso di lasciarlo.

@Mary - Vado subito a dare un'occhiata.

cristiana2011 ha detto...

Non sapevo della tragica fine dell'autrice.
Ricordo i giochi di prestigio e i sotterfugi per leggere quel libro che, come dici tu, oggi fa sorridere.
Cristiana

enrico ha detto...

@Cri - Assolutamente in linea col romanzo, completamente autobiografico, direi.

Share It