mercoledì 8 aprile 2015

Calcutta o Kolkata?


Per le vie di Calcutta


Un mese è tanto ed è poco. Passa in un attimo, ma quando ti sposti ogni giorno ed ogni giorno incontri persone diverse, vedi cose nuove e spettacoli che cambiano continuamente, alla fine nella tua povera testa di vecchietto pretenzioso di capire, si affastella una tale quantità di informazioni che alla fine la confusione totale è il minimo che tu ti possa aspettare. Quando arrivi a casa stanco e confuso, fai fatica a mettere in ordine le cose e le emozioni, a volte le confondi con le aspettative che avevi, spesso troppo esagerate, altre inattese e ancor di più per questo memorabili. Se poi il luogo che hai lasciato è l'India, un paese dove già di per se stessa, la confusione è sovrana, le cose si complicano ancora di più, per questo, come avrete notato, continuo a rinviare l'inizio del mio raccontare. Nella speranza, vana, che i faldoni sulla scrivania si rimettano a posto da soli, che tutto riprenda l'ordine che fa scorrere racconti e ricordi con un fluire gradevole e senza scosse. Niente da fare, le cose non si sistemano da sole, bisogna prenderle in mano e con fatica cominciare a dipanare la matassa. 

Così eccomi riemergere dalle nebbie padane del parcheggio Mariuccia, intabarrato per il freddo e l'umidità e uscire dopo un tempo indefinito (chissà perché chi non riesce a dormire in aereo ha sempre l'impressione di rimanere in un limbo indeterminato, prima di uscire dallo stargate che lo immette in un altro spazio tempo, un po' stordito e con gli occhi cisposi che bruciano a forza di sfregarli) da una sliding door dove, dove la zaffata di caldo umido ti attacca alla gola assieme a odori e suoni già provati, che avevi messo in una parte di cervello da tempo non utilizzata, ma che comunque riconosci subito. E' una parte di India ancora sconosciuta, forse rimasta ancora indietro nella corsa selvaggia allo sviluppo o forse travalicata da questa rivoluzione che tutto macina lasciando indietro la parte debole. Un treno in marcia che non ha lo stesso effetto trascinatore per tutti. Così, nella terra dei più poveri , dovi i ricchi sono tanti ed esageratamente ricchi, tutto diventa ancora più difficile e agganciarsi a quel treno spesso significa anche esserne travolti. Calcutta è lo specchio di questa metafora. 

Voglio chiamarla Calcutta e non Kolkata, come vorrebbe essere etichettata adesso che è ancora cresciuta e si crede importante, la terza città dell'India, perché solo così la senti reale, come la sua miseria dura e cattiva, con il suo odore di fogne e di sporco che neanche il monsone più violento riesce a spazzare via, assieme al peso insopportabile della calura estiva. È la sua povertà marcia che ti prende alla gola, anche se sfiori soltanto le baracche di legno e lamiera degli slam seminascosti dietro i piloni delle sopraelevate o le montagne di immondizia dove tanti vivono e abitano, sotto teli di plastica nera o dentro i cilindri di cemento delle fogne future che sono lì da decenni in fila, in attesa di essere usati.  È il suo sentore di India che avvolge tutto con il profumo di curry, i fumi di incenso, la polvere della stagione secca che ti attacca alla gola o l'umidità spessa dell'estate che tutto bagna e corrode lasciando pareti nere, strade nere, stoffe nere. 

Calcutta dove cammini facendoti largo tra i fagotti senza forma coperti di stracci lerci che ancora non si muovono perché è mattino presto, con qualche bambino nudo che comincia a correre in strada per andare alla pompa pubblica ad illudersi di portare via lo sporco della giornata sotto il fiotto violento dell'acqua. Violento come tutto quello che lo circonda, perché la povertà è violenta e non ha pena per chi cade. Calcutta dove la folla ti circonda e ti schiaccia come un unico corpo vivente, per le strade, nei cento mercati, per entrare negli edifici dalle piccole porte buie a cercare la propria anima perduta; Calcutta dove i mille e mille risciò si muovono ancora tirati da un uomo, animale dis-umano che porta altri uomini. Calcutta dove i fagotti sul marciapiede si agitano e scoprono corpi e membra che cercano di sopravvivere per un altro giorno, anche se ogni tanto qualcuno, ogni mattina, non si muove più, esausto infine di questa vita e forse pronto a ricominciarne una nuova, magari finalmente migliore. Calcutta, dove l'India di oggi è  rimasta quella che era ieri.



SURVIVAL KIT

Parking a Malpensa. - Anche questa volta sono andato al CERIAPARK che pur se un po' più lontano dall'aeroporto (12 Km) offre tariffe molto convenienti per le soste lunghe. Infatti applica un prezzo di 25 € fissi + 1 € al giorno. Così in totale ho speso solo 51 €. Il parcheggio è annesso ad un albergo (Da Mariuccia 4* - da 45 €) che risulta molto comodo per chi partendo presto ha necessità di fermarsi una notte. Consigliatissimo.

Volo Air India - Milano -Delhi (via Roma) - Kolkata. Acquistato molti mesi fa a prezzo stracciato 450 €. Compagnia un po' stringata nel servizio, ma posti abbastanza larghi. Cambiano spesso orari anticipando o ritardando un po'. All'andata l'aereo fa scalo a Roma allungando in viagio di un paio di orette, ma al ritorno è diretto, cosa abbastanza comoda. Comunque era il miglior prezzo del momento.


Se ti è piaciuto questo post, ti potrebbero anche interessare:

6 commenti:

Juhan van Juhan ha detto...

Un post sui nomi ci vorrebbe; generano discussioni anche qui (Torino, non Piubes per quel che ne so): Mumbai, Chennai, Bharat finanche.

Enzo Chiara ha detto...

India, incredibile, indimenticabile. Bellissime foto, ti seguiamo anche da facebook :-)

Enrico Bo ha detto...

@Ju - La toponomastica è una scienza di grande interesse e alla fine i nomi vogliono pur ben dire qualche cosa.

@EnCh - grazie carissimi, come sapete bene l'India è morbosamente calamitante.

Paolo nullo Pedone ha detto...

Perché la povertà è violenta e non ha pena per chi cade, tu dici; e non ci son fontane per lavarla via, questa disgrazia umana coltivata da chi di violenza fa mestiere di vita e le magioni messe su in collina, lontane dalla puzza dell'umano e vasche di Coty che coprano il loro lezzo di assassini compiaciuti

Enrico Bo ha detto...

Quanta verità, ma quel che cambia in questa città di morte è che manca la collina e le ville così nascoste che forse non ci sono affatto, pur la ricchezza è sprofondata nel lezzo dello sporco della folla e ci si crogiola.

Paolo nullo Pedone ha detto...

Ci si crogliola...te lo copia il Matteo quello Salvini

Where I've been - Ancora troppi spazi bianchi!!! Siamo a 102 (a seconda dei calcoli) su 250!