martedì 16 novembre 2010

Vieni via con me.

Mi sono preso una settimana di tempo per vedere la seconda puntata prima di dire la mia al riguardo. Il successo come si sa è figlio di tanti padri, ma non si può negare che tutto quello che Fazio tocca diventa oro, anche se tutti cercano di dargli una mano. Intanto la polemica con Masi sembra fatta ad hoc, non credo che nessun esperto di immagine avrebbe potuto inventarsi qualche cosa di più efficace per guadagnare share. Detto questo, bisogna dire che la grande invenzione questa volta, è stata quella di studiare una trasmissione televisiva che più antitelevisiva non poteva essere. Credo che proprio qui stia il segreto, oltre ai contenuti naturalmente, che però riguardano solo la platea dei fedelissimi.

Facendo un discorso puramente metatelevisivo, bisogna rimarcare che la totale mancanza di ritmo, che al contrario di solito è la prima cosa che viene richiesta nella televisione moderna, ha dato al programma una sua teatralità che ha saputo stupire e comunque affascinare lo spettatore. E non è che sia stato tutto oro. Un Abbado completamente fuori ruolo, ha tenuto il suo pezzo con grande difficoltà, il buon Saviano rigido e chiaramente poco tagliato per lo show, ha anzi saputo fare di questa mancanza un pregio, dando la netta impressione di credere in quello che fa, anche se francamente i suoi interventi sono un po' troppo lunghi e si sa che non si riesce a mantenere l'attenzione delle persone, qualunque cosa si dica, per più di venti minuti. Forse è questo che la gente chiede. Stanca di sentire proclami, vuole ascoltare gente credibile.

Mi è piaciuto poco anche Rossi, un po' confuso, mentre la conferma di uno stepitoso Albanese, ha bissato il buon Benigni che, anche se è partito, sottotono e un po' ingessato, ha finito in un crescendo irresistibile, forse il momento topico delle due serate. Comunque il nostro buon Fabio, che di certo ha tratto ispirazione dalle liste del penultimo libro di Eco, ieri sera era nervosissimo, si mordicchiava frequentemente il labbro inferiore, mostrando la classica salivazione azzerata di chi è sottoposto ad uno stress pesante. Mettersi in gioco ogni volta, circondato da un cerchio che aspetta solo il momento buono per farti lo sgambetto, non deve essere facile. La presenza dei due politici con il loro comizietto, chiave indispensabile purtroppo per l'aumento dell'ascolto, hanno dimostrato ancora una volta i minimalia della politica italiana. Mirabile il finale degli Avion Travel. Per le prossime due puntate, se ci saranno, consiglierei qualche coup de theatre. Comunque il fatto che di certo anche ieri sera, il Grande Fratello, sarà andato sotto, si può definire consolante in senso lato.



Se ti è piaciuto questo post, ti potrebbero anche interessare:

Sport e politica.
Manovra di bilancio.
Elezioni.

9 commenti:

il monticiano ha detto...

Ieri sera sono rimasto deluso.

Primo Estinto ha detto...

Io no,mi e' piaciuto molto.Ho dovuto,in un primo tempo, concedere spazio al "grande fringuello".Le donne di casa,cioe' le morose dei miei figli lo recriminavano,e come si puo' dire di no a quelle "meravigliose creature estetiche" che mi spiegavano quali intrecci di rapporti rappresentavano i vari personaggi.Cetto la qualunque e' sublime........cazzo,cazzo.

diego ha detto...

mi sono appisolato un paio di volte.
purtroppo ero sveglio con Paolo Rossi..

enrico ha detto...

@Monty - ma secondo me ce ne fossero...

@Primo , allora ti sei beccato il meglio

@Diego - anche secondo me è un po' lento, però potrebbe essere voluta la cosa, per rompere gli schemi grandefratelleschi.

viola ha detto...

A me sono piaciute entrambe le serate. Saviano diventa un pò prolisso e veramente l'attenzione scema, ma con quello che sta passando in tv di sti tempi...La trovo una cosa "diversa". Ha contenuto ma fa anche a tratti sorridere e divertire, oltre che riflettere. Bè, era ora.

Eva ha detto...

Qualunque cosa purchè non sia il grande fratello!

Sandra Maccaferri ha detto...

Concordo con tutto le considerazioni...che noia, siam sempre d'accordo.
Barbosi nervosi e "un po' in prèeest" Bersani e Fini.
Il top del top: il mitico Albanese!
Mah...speriamo che "tengano botta".

enrico ha detto...

@Viola - però ci vuole qualche novità nelle ultime due puntate

@Eva - beh c'è anche l'isola dei famosi...

@Sandra - Però fa male a non accettare Maroni, sarebbe un altro colpo di share.

Ambra ha detto...

Eh no! Allora aggiungo va tutto bene purché non sia né il grande fratello né l'isola dei famosi.
Sulla trasmissione non posso commentare perché non l'ho vista.

Where I've been - Ancora troppi spazi bianchi!!! Siamo a 104 (a seconda dei calcoli) su 250!