venerdì 17 gennaio 2014

Notizie dalla Tanzania

Stamattina nevica! Lo so che è inverno, ma qui siamo tra Tanaro e Bormida, come diceva Eco, mica in montagna. Ho un brividino lungo la schiena anche se il riscaldamento pompa al massimo. E' che devo uscire per andare a fare la coda in comune per farmi fare i conteggi della miniIMU, quindi non credo che sia dovuto al freddo. Certo che son problemi grossi che ti fan venire la nostalgia dell'Africa passata, lì sì che stanno bene al caldo, quasi quasi mi leggo con soddisfazione la mail che mi è appena arrivata dalla Nina, che se ne sta in mezzo alla Tanzania. Sicuramente lei non ne ha di problemoni grossi come i miei; deve solo occuparsi dei conti della missione, dei soldi che ci vorrebbero e non ci sono, del generatore che non funziona bene, di Padre Fabiano che ha una bella piaga che non guarisce, delle ragazze della scuola che se volta l'occhio un momento gliele mettono incinte e poi adesso che sono cominciate le piogge bisognerà far fronte anche alla malaria, ma non tanta, che poi, se si riesce a indovinare subito il ceppo, con le giuste pastiglie non si muore quasi neanche più. Sì, ce ne sono di cose da fare da quelle parti, così non hai neanche tanto tempo per trastullarti in pensieri negativi, a momenti non si ricorda neanche più, che prima di Natale, per darle un po' una mano, qualche persona di buon cuore le ha vuotato la casa, mentre era uscita un attimo a sistemare le cose prima di partire, così aveva meno impicci da portarsi dietro, soprattutto quei quattro soldini messi da parte per fare quelle cosette necessarie e urgenti alla missione. 

Beh, subito le sono uscite un po' di espressioni diciamo un po' forti, forse imparate in giro per il mondo, forse di quelle che nascono così, spontanee, ma adesso che bisogna sistemare il fosso dello scarico dietro la missione, non se ne ricorda quasi più; alla fine la nostra Nina ha pensato che questi disgraziati avranno avuto bisogno anche loro a Natale. Gira un po' l'anima, ma a Kibaigwa non c'è tanto tempo per fare troppi rimuginamenti sui fatti accaduti ieri, bisogna pensare al contingente, così l'altro giorno eccola in piena attività con la mia amica Suor Consuelo a sistemare 'sto benedetto fosso di scarico, che adesso che sono cominciate queste benedette piogge non scarica affatto e, diciamo, la roba, rimane tutta lì, che non è una bella cosa anche per via dell'odore. L'acqua che è venuta nei giorni precedenti deve aver fatto franare una parte della sponda esterna. Bisogna andare a tirarla su un po'. Cosa volete che sia per una saltafossi come la nostra Nina, che avrebbe voluto fare la trattorista da grande. Ecco appunto che prende la rincorsa, ma sarà un po' per il terreno scivoloso, un po' per la gamba corta, che la poverina atterra proprio sul bordo scosceso, la fanghiglia è scivolosa come una saponetta, ma non altrettanto profumata, così per evitare di finire a testa in giù nel fosso, che non sarebbe una cosa piacevole neanche nelle risaie vercellesi, figuriamoci nella periferia di un paesotto tanzaniano, mi dà un bel colpo di reni, tanto la forza ce l'ha ancora e si mantiene a forza sulla riva opposta. Solo che la caviglia fa crack. 

Suor Consuelo, che è più cauta, fa tutto il giro e la tira su e finge di non sentire le parole che escono, così un po' in libertà, ma accidenti deve fare un male cane, viste le lacrime che non si riuscivano a trattenere, anzi, diciamo che si è anche un po' spaventata. Non son cose da prendere sottogamba, così con l'aiuto delle ragazze la caricano sul fuoristrada. Suor Consuelo afferra il volante e anche se con la testa arriva appena sopra il limite del parabrezza, data la sua statura contenuta, da buona filippina di Mindanao, che saranno pure piccoli, ma girano sempre col machete appeso alla vita ed è meglio averli amici, guida a tutta birra verso Dodoma. In un'oretta sono lì, nel primo pomeriggio, ma ahimè, siamo comunque in una capitale africana, così dopo mezzogiorno il pronto soccorso è già chiuso, fino a domani, se no che pronto sarebbe. Ragazzi siamo in Africa, mica a Trino Vercellese! La lacrima scorre di nuovo e dietrofront con la caviglia ancora coperta di fagotti di ghiaccio ormai sciolto. Passano due giorni, la caviglia è un bel po' gonfia, sembra una salama da sugo; intanto arriva padre Fabiano a cui la piaga si sta allargando sempre di più. Ha parlato con la missione di Mlali dove c'è un piccolo ambulatorio ortopedico con medico italiano che mette a posto le fratture varie, meglio dello stregone del villaggio. Una manna dal cielo.

Un'altra oretta di pista piena di buche (con acqua come nel film di Tognazzi) stringendo i denti per gli scossoni, ma il fuori strada è abbastanza grande per allungare la gamba, per la piaga di padre Fabiano e per Suor Consuelo alla guida, che però tiene pochissimo posto. La missione è in un paesaggio idilliaco. Aveva ragione Hemingway, le verdi colline d'Africa, appena dopo la pioggia sono di un verde smeraldino che luccica e incanta, ma fare tutte quelle scale in mezzo al paese per arrivare alla missione saltellando su una gamba come un topo da risaia, non te le fa apprezzare nella loro giusta luce; questo aspetto lo lasciamo ai turisti che trovano l'Africa così pittoresca, mentre si asciugano le mani con le loro belle salviette detergenti e antisettiche, dopo aver accarezzato la testa di qualche bambino scrofoloso ed essersene liberati con qualche caramella. Comunque dietro alla stanzuccia dell'"ambulatorio" c'è il ripostiglio medicinali e attrezzature varie, da cui salta fuori una macchinetta portatile per i raggi X. La Nina ci ficca il piede sotto, dopo che il Doc le ha tirato un giubbetto da indossare come "protezione" ruspante e fa la lastra. Niente fratture, siamo a posto, lacrime sprecate, andiamo, si torna a Kibaigwa che c'è da fare. Ma sì, vado a fare 'sto conteggio della miniIMU a cuor leggero, mi scappa da ridere, al più mi metto le scarpe pesanti.





Se ti è piaciuto questo post, ti potrebbero anche interessare:

5 commenti:

barni ha detto...

Questo ci fa capire quanto i nostri problemi, che a noi sembrano così grandi, siano in realtà ben poca cosa di fronte a certe realtà di altre parti del mondo.
E anche il nostro pronto soccorso, che tu hai purtroppo conosciuto e così ben descritto recentemente, è vero che fa schifo, che sembra un lazzaretto, l'anticamera dell'inferno, e ti costringe a lunghissime e disperanti attese, ma almeno è aperto 24 ore su 24.
Ti informo comunque, amche se è forse troppo tardi, che sul sito del Comune c'è un ottimo e facilissimo calcolatore della mini-IMU, che ti stampa anche il F24 per pagarla. Potevi risparmiarti di bagnarti i piedi nella neve...

NINA ha detto...

Vabbe' che sono un ragazza(molto ex) di campagna, quindi su usava dire meno sveglia(eufemismo), ma dopo la caviglia sinistra ti comunico che ho sistemato anche la destra, ri-oca.Scalvando piante ostello mi sono intortata nei rami e...altra caduta epica. Sin comentarios por favor!

cristiana2011-2 ha detto...

Che brave persone, e menomale che hanno il sole.
Cristiana

Enrico Bo ha detto...

@barny - lo so, lo so, e così ho fatto, ma volevo sincerarmi di alcuni dubbi.

@nina - oh mia povera, ma allora devi andare a farti benedire...e direi che sei nel luogo adatto!!

@cri - in effetti è una bella consolazione, ma nel periodo delle piogge nemmeno quello.

barni ha detto...

Tu hai dei dubbi per non sbagliare di pochi euro il pagamento della mini-IMU di un alloggio, la Armellini ha 1.200 e passa alloggi e non ha mai paghato una lira di niente... Che paese strano l'Italia!

Where I've been - Ancora troppi spazi bianchi!!! Siamo a 102 (a seconda dei calcoli) su 250!