sabato 18 gennaio 2014

Giuseppino in America

Nella baracca di Amarillo - Nord Texas - 1945

Eccoci di nuovo in Africa con il nostro Giuseppino, prigioniero due giorni prima della resa definitiva di Enfidaville, a percorrere il Maghreb verso Occidente fino all'estremo lembo marocchino. Qui, un colpo di fortuna. Con altri ufficiali, viene preso in carico dagli Americani, preparandosi così ad una lunga prigionia, che se pur dolorosa fu ben diversa da quanti finirono nei campi inglesi in India, per non parlare di quanti, militari italiani, ebbero la triste sorte della deportazione in Germania, lasciandoci la vita, tra fame e malattie, come mio zio.Comincia quindi l'avventura di Giuseppino al di là dell'Atlantico, attraversato su una nave trasporto nell'autunno del '43, proprio mentre in Italia, spaccata in due, la guerra prendeva un'altra piega. La meta, certo non immaginata, fu il campo di prigionia di Amarillo nel Texas più profondo, un deserto ricoperto di sassi polverosi e di rade file di pioppi agonizzanti per la sete, ricordate Los Alamos, appunto I Pioppi. Noia, inedia e lunghissime giornate da fare passare. Gli americani non avevano neanche la fantasia perversa di altri vincitori che ti facevano scavare una buca un giorno per riempirla il giorno dopo in modo da tenere impegnate le braccia, così bisognava pensare a come passare la giornata, con l'unica preoccupazione di evitare i serpenti a sonagli e le tarantole, che pare allignassero in quantità tra le baracche. Non c'erano neanche reticolati o muri, tanto come in Siberia nessuno, anche scappando, poteva arrivare vivo da nessuna parte, considerate le distanze. 

Los alamos - 1945
I carcerieri, facevano un lavoro, disinteressati in linea di massima al rapporto con i prigionieri e applicavano alla lettera le convenzioni internazionali, fornendo derrate che contenessero esattamente le quantità di calorie previste dai trattati, anche se per esempio consegnavano sacchi di farina invece che pane, che come computo calorico era la stessa cosa. Almeno c'era qualche cosa da fare, costruire dei rudimentali forni, raccogliere i cespugli secchi rotolanti che il vento teso del deserto ti portava direttamente nel campo e con l'acqua fornita come da regolamento, fare grandi pani poco lievitati e duri come il cemento, ma il tempo passava. Finita la farina, rimanevano i sacchi vuoti che venivano accantonati in fondo alla baracca. Tuttavia il tempo non passava mai. I responsabili degli ufficiali prigionieri, per vincere la noia, chiesero ai responsabili del campo che fosse loro fornita qualche cosa, qualunque cosa, per passare le giornate caldissime.  Non si sa come, forse per una casualità, arrivarono al campo uno stock di casse contenenti pennelli e colori ad olio, così di botto, tutti cominciarono una poco convinta attività artistica. Tra gli altri ufficiali c'era un pittore amatoriale, che insegnò le tecniche della pittura ad olio a tutti e le centinaia di tele di iuta dei sacchi della farina, trovarono un utilizzo insperato. Ogni giorno all'ombra delle baracche, gruppetti di artisti improvvisati ritraevano la povera natura che li circondava, in particolare le file di pioppi e la poca vegetazione che circondava il campo. Tra i prigionieri c'era anche il poeta Sereni che sarà poi conosciuto come uno dei maggiori poeti italiani del dopoguerra, ma c'era anche, guarda un po', un certo Alberto Burri, ufficiale medico, che anche lui, per la prima volta si avvicinò all'arte del pennello. 

Pare che non fosse particolarmente portato per uno stile naturalistico, ma di certo qualche cosa scattò, forse la vicinanza di tutti quei sacchi di juta vuoti e ammonticchiati, perché anche lui cominciò a lavorare di gran lena, tanto che per anni i sacchi sono stati il suo materiale prediletto, quando decise di abbandonare la medicina e dedicarsi all'arte. Il 6 ottobre del '45, Giuseppino riattraversò l'Atlantico ed arrivò a casa, finalmente uomo libero, dove lo aspettava la moglie (anche se non c'erano più i famosi Cavallini) ed esattamente 9 mesi e 10 giorni dopo venne alla luce la mia futura moglie, così anche io ho avuto il mio immeritato colpo di fortuna. Tra le poche cose che aveva potuto portare con sé, qualcuna di quelle tele di juta con quei pioppi scarni ed annoiati, che ancora oggi fanno mostra di sé sulle pareti di casa. La passione è durata e Giuseppino continuò a dipingere per tutta la vita, ritratti, case, fiori, persone. Mai più alberi però. In tutta la storia c'è però ancora lo spazio per un poco di rincrescimento. Quasi sempre i pittori che lavorano insieme all'inizio della loro attività, si scambiano qualche opera, così per stima od amicizia. Giuseppino portò con sé, oltre ad una lastrina di vetro con una sua foto nella baracca, soltanto i suoi alberi, quindi non sappiamo se non ebbe mai l'occasione di scambiare una delle sue opere con un'altra di Burri. Lui  è sempre stato un artista con scarso interesse per gli aspetti pratici della vita e forse quei sacchi di juta bruciacchiati e incollati malamente tra di loro, non gli saranno apparsi meritevoli di essere messi nella valigia del reduce, né avrebbe mai pensato di appenderli alla parete della sua futura casa al posto dei suoi pioppi. 

Uno dei "sacchi" di Burri, valutato oggi attorno ai 3 milioni di Euro

Se ti è piaciuto questo post, ti potrebbero anche interessare:

4 commenti:

Laura ha detto...

Perchì dici che era meglio la prigionia in US che in India? Mio zio si fece dei anni di prigionia in India con gli inglesi e ne diceva benissimo, ovviamente con i limiti dell'essere prigioniero. Non c'era molto da fare, ma il cibo non mancò mai, riceveva lettere dall'Italia ed insegnò ad un corvo a dire "andiamo a fare il bagnetto"... Tornò a casa a piedi, molto dopo la guerra )la strada è lunga...) e non sapeva più parlare italiano.

Laura ha detto...

*sei, non dei...

Enrico Bo ha detto...

@laura - mah, io mi riferivo al fatto che avevo ex-colleghi che erano stati prigionieri in India e ne parlavano come di una tragedia, fame, ecc. i soliti ingredienti da campo di prigionia. può darsi che l'atteggiamento di mio suocero risentisse anche del riferimento alla perfida Albione, perché gli inglesi non li poteva vedere.

Karina Omofagi ha detto...

la mia testimonianza

Ciao cari amici

Il mio nome è Karina. Voglio usare questo messaggio per esprimere la mia gratitudine a una donna che non ho mai visto, ma lei ha reso la mia vita un paradiso.

Certamente ci sulle persone maligni internet che sono umili persone in cerca di barare, ma la grande regina Madu mi ha mostrato che ci sono ancora alcune persone che si può fidare.

In realtà Ho vissuto 21 anni di matrimonio non è mai sperimentato la gioia della maternità, ho avuto problemi dai miei suoceri, ma mio marito era molto comprensivo. Un giorno, mentre stavo andando attraverso internet ho visto alcuni numeri di persone dato testimonianza di una donna in particolare su come lei li ha aiutati salvato il loro matrimonio, hanno dato il loro ex indietro, decessi curate, ho chiamato mio marito come lui ha mostrato quello che ho visto, ma mi ha scoraggiato dicendomi che queste persone sono tutti falsi e mi dovrebbero ignorare le testimonianze. Ma ho deciso di contattare questa grande donna attraverso la sua casella di posta elettronica: queenmadu211@gmail.com
Con mia grande sorpresa la donna era in grado aiutami e ora sono una madre orgogliosa di due grandi ragazzi e una ragazza che sono in gran forma. mio marito è molto orgoglioso di me e ci stanno lasciando più felicemente insieme.

Grazie alla Regina Madu Grande Helper, io continuerò a parlare del vostro buon lavoro nella mia vita. Anche mio marito è stato promosso nel suo ufficio e divenne più fiero di me. Devo confessare che sto avendo una famiglia meravigliosa e A lei sarò eternamente grato.

   Cari genitori, amici, fratelli e sorelle scrivere la grande MADU QUEEN sulla sua casella di posta elettronica perché ha probabilmente la soluzione a tutti i vostri problemi. Lei mi ha detto che potrei anche contattarlo per soluzioni su altri problemi come

1. Per l'HIV / AID o malattia correlata
2. Riportare perduto amante, anche se ha perso per un lungo periodo
3. Rimuovere cattivi incantesimi da case, imprese e l'attrazione dei clienti etc.
4. la promozione Get hai desiderato per molto tempo al lavoro o nella tua carriera.
5. Leggi tutti i vostri problemi prima ancora di loro parla di lui
6. Rimuovere la macchia nera che continua a prendere i vostri soldi via
7. Scopri perché non trasmettere nella vita e la soluzione
8. Eliminare in lotte di famiglia
9. Garantire ottimi voti scolastici, anche per i bambini con disabilità mentali
10. Arrestare spezzarsi nel vostro matrimonio o relazione
11. distruggo e inviare Nikolos (spirito dell'acqua, nite insonne, presse da forze del male) se lo si desidera il ritorno
12. Curing Infertilità nelle donne e inquietante mestruazioni
13. Scollegare il matrimonio con l'amante di vostra scelta
14. Recuperare beni rubati e sorte di persone che si fanno male.
15. Portare fortuna soprannaturale
16. Gravidanza incantesimo di concepire il bambino
17.Get truffa i soldi indietro
18. desiderare interessato alla musica popolare
19. Forse a popolare interessato al calcio
    
         Contattare QUEEN MADU oggi e so che sarà una e felice per il resto della tua vita. Email: queenmadu211@gmail.com

Where I've been - Ancora troppi spazi bianchi!!! Siamo a 102 (a seconda dei calcoli) su 250!