lunedì 1 ottobre 2012

Soluzioni di destra e di sinistra.

Dovunque passi, neanche tanto nascosto, odi stridore ed affilar di lame. Si stanno avvicinando le elezioni e questo è l'unico pensiero che incombe nella testa del milione o forse due di persone in Italia (e relative famiglie allargate)  che campano di politica. Certo anche loro hanno capito che la gente li brucerebbe tutti e volentieri, ma aspettarsi che loro stessi in prima persona si autoeliminino, come vorrebbe la folla, è pura utopia. Il maiale (absit iniuria verbis e senza riferimenti a maschere o a fatti reali) non si ammazza certo da solo per fare un Natale migliore. Il loro terrore è quello di un Monti bis che continui a dimostrare la loro incapacità di autoregolare la loro voracità, quindi, eccoli tutti tesi a dimostrare che ha fatto poco, male e in modo iniquo cercando l'approvazione di quel 40% (stando ai sondaggi) che non ne gradisce l'operato e tentando di accalappiare le prurigini del 20% di incerti e del 40% che invece pare approvarlo. L'argomento principale naturalmente è quello di spingere sul fatto che non sarebbe persona eletta dal popppolo, ignorando bellamente che la nostra costituzione prevede con saggezza, che quella del presidente del consiglio non sia una carica elettiva, l'altro, quello della mancata crescita, ignorando ciò che succede nel mondo ed il baratro in cui chi ci governava ci stava precipitando. 

Tutto questo in maniera salomonica, da destra e da sinistra e dai campi pieni di grilli. Si vorrebbe (ma lo vuole davvero la gente o solo il cagnaio degli eligendi?) una chiara indicazione di partito in modo che trionfi uno schieramento e che finalmente arrivi l'eletto con la sua bacchetta magica per eliminare le tasse, dare un lavoro giusto a tutti, che elimini l'odiato euro e la sudditanza ai malefici tedeschi e magari l'abolizione unilaterale del debito per decreto. Si vede che si vuole prendere esempio da quanto saggiamente fatto nei nostri paesi vicini. Vediamo un po'. La Spagna, nella cacca più di noi, ha cacciato l'odiata sinistra e messo al potere un governo di destra che, messo di fronte alla dura realtà, ha dovuto mettere da parte ogni belinata di programma preelettorale e fare le cose necessarie a salvare la ghirba dal disastro. Tagliare qualche spesa (poche perché anche lì come in tutto il mondo nel pratico è difficilissimo farlo), trovarsi alle prese con le voragini del debito regionale (cosa che dovrebbe insegnare cosa significa lasciarsi andare alle sirene del decentramento federalista, che significa solo aumento degli appetiti locali e della spreco pubblico), risolvere i problemi della banche e infine, rigore finanziario, austerità e tasse, tasse,. tasse. 

L'antitesi esatta del programma della destra classica e del neoliberismo keynesiano che va di moda nei salotti degli economisti che spuntano come i funghi a dire la loro in astratto, fregandosene del fatto che il dilatarsi della spesa (graditissima peraltro ai politici di ogni fronte) e una effettiva spinta inflazionistica sarebbero davvero le vere lacrime e sangue per la stragrande massa della della popolazione (quella che magari adesso strepita per le strade e si indigna del fatto che nessuno risolva immediatamente i problemi). E' ovvio che con una bella iperinflazione, i debiti si cancellano da soli, purtroppo insieme ai risparmi, agli stipendi e alle pensioni, ma chi se ne frega, col tempo chi è ancora nella macchina produttiva riconquisterà il livello degli stipendi, intanto non mangia, si vende la casa (così risolve anche il problema dell'IMU) e se lo trova si cerca un altro lavoro, i pensionati nel frattempo tirano le cuoia aiutando a risolvere il problema della sanità pubblica. In Francia invece, tutto l'opposto; qui hanno cacciato la destra ossequiente all'Alemanna, e sono tornati ad una sinistra carica di roboanti promesse di giustizia equa e solidale che avrebbe risolto ogni cosa. 

A tal punto che da mesi circola sul web una bufala di straordinarie cose già fatte dal "boudin" Hollande nei primi cento giorni di governo, eliminazione degli sprechi con un colpo di bacchetta, via tutte le auto blu, supertassa sui ricchi che avrebbe prodotto un tale gettito da essere già stato impiegato nella creazione di centinaia di migliaia di posti di lavori per giovani e precari e soldi a palate per la cultura, lo sviluppo, la ricerca. La realtà? Solo in questi giorni, parte il decreto stangata della cosiddetta gauche francese. Qualche tentativo di taglio nella macchina statale (10 miliardi previsti che saranno assai meno nella realtà, causa la difficoltà naturale tra il dire e il fare) e 20 miliardi di tasse, tasse, tasse, guarda caso, la stessa unica, terrificante, ma ineludibile ricetta e, attenzione, qui non c'è neanche una possibilità di recupero dall'evasione che in Francia, grazie a leggi chiare ed efficaci (non certo per maggiore onestà, che la gente è uguale dappertutto) è assai minore che da noi. Alé sento le trombe levarsi. Certo, ma che tasse, una super tassa sui grandi ricconi, il famoso 75% sui redditi oltre il milione. Leggete bene i numeri prima di suonare la grancassa. I ricconi da colpire, erano 3000, ridotti a 2000 da una serie di esenzioni, il che dà una "previsione di gettito" di circa 200 milioni. In realtà? 

Saranno pochi spiccioli. Arnault ha già in tasca la cittadinanza Belga, gli altri lo stanno seguendo. E' facile e pratico, circa 800 ricchi francesi ogni anno (parliamo di chi guadagna oltre i 100.000 euro (1% della popolazione) si trasferiscono all'estero, molti in Belgio appunto come i proprietari di Auchan, Carrefour, scrittori famosi, mentre altri come i Rothschild, Guerlaen, Lacoste, Peugeot, Taitinger , gli sportivi Alesi, Tsonga, gli artisti Aznavour, Delon Hallyday e molti altri preferiscono la Svizzera. Non a Montecarlo perché grazie ad un accordo, i francesi trasferiti a Montecarlo pagano le tasse in Francia. Ma è facile, se ti ci trasferisci con cittadinanza Belga, invece non le paghi. Quanto diventeranno i 200 milioni previsti dalla supertassa elettorale? Pochissimi spiccioli, più o meno quelli ottenuti con la tassa sulle barche di lusso dal primo decreto montiano, che ha però prodotto come "danno collaterale" anche una perdita di qualche migliaio di posti di lavoro e di incassi nei porti turistici italiani, ma qualcosa bisognava pur dargliela anche alla Camusso. 

La ciccia del decretone gallico viene da altro, incremento delle tasse sulla casa ( ma va?), incremento della tassazione sulle grandi imprese, mentre in Francia l'auto chiude stabilimenti (ma va?). C'è anche un calo del 3,3% sul budget cultura, ma come non doveva essere un baluardo intoccabile? Salva invece la Torino -Lione. Inoltre ridotto il sistema del quoziente familiare e udite udite ristabilita la tassazione sugli straordinari, perché anche in Francia i soldi veri arrivano solo se ne prendi un po' a tutti i poveracci. Tutto questo, sul presupposto di una crescita del PIL francese dell'0,8 nel 2013, cosa già vista come irrealizzabile da tutti gli osservatori, vista anche la inevitabile spinta recessiva dei provvedimenti (ma va?). Un vero programma di sinistra, non c'è che dire. Alla fine tutti fanno quel che va fatto in queste situazioni, esattamente, con piccoli maquillage estetici, quello che sta facendo Monti, che, purtroppo, non ha altre soluzioni per tamponare i tragici errori di chi è venuto prima e che, questo sì che è davvero incredibile, invece di stare cheto e ben nascosto, alza la voce e ha ancora il coraggio di parlare.

P.S. Mi giunge notizia proprio ora che in Francia la sinistra è scesa in piazza contestando il manovrone, al grido Hollande fai qualche cosa di sinistra, mentre contemporaneamente mi arrivano ogni giorno mail da destra che lo caricano come un tamburo, vedete voi.



Se ti è piaciuto questo post, ti potrebbero anche interessare:

Economia politica 1.


8 commenti:

Anonimo ha detto...

Il quadro che fai è giustissimo !!!L'unica soluzione è quella di non andare a votare...chissà se questi beceri si spaventerebbero ?In questi giorni parlano, parlano, parlano ...ma se non fossero eletti ????
Gianna

Enrico Bo ha detto...

@Gianbna - Non direi, basta che vadano a votare 3 persone e sarebbero sufficienti, dopo il primo commento : "l'astensione del voto è un segnale preoccupante che deve farci riflettere" detto con la bocca a cul di gallina, e la settimana successiva tutto dimenticato.

Anonimo ha detto...

sentite:
io di speranze ne ho poche (e sarei pure quasi-giovane)

tanto , tutto quel magna magna mica penserete che se lo son magnato solo i politici....
era magna magna perche' tutti magnavano.......

penso proprio che siano state gestite male le risorse , e quando le risorse son finite ...beh la risposta la sappiamo.....

mi viene in mente quel famoso proverbio africano , ma solo metà del proverbio:
sai quand'era il momento buono per piantare un albero? vent'anni fa bello mio.
Appunto : vent'anni fa.
imho

Enrico Bo ha detto...

@Imho - Te lo appoggio completamente. Il debito pubblico sarà pure mostruoso, ma gli interessi degli interessi degli interessi, che lo hanno via via creato, li hanno incassati tutti i cittadini che nella loro vita hanno anche solo una volta acquistato titoli dello stato e a questo punto credo che siano in pochi a chiamarsi fuori. Adesso è venuto il momento di renderne un po', però se parli di tasse a tutti vengono i capelli diritti.

Anonimo ha detto...

Et depuis hier , une taxe sur la pension des retraités!!
Nice n'étant pas loin de Monaco , nous allons nous y installer .Y a-t-il un camping pas trop loin du casino ?
Jac.

Enrico Bo ha detto...

@Jacky - Desolé, mais pas de solutions pour les Français à Monaco, il faut en avant dévenir Belges (comme Arnault). Si non, vous pourriez choisir de dévenir Italiens, mais ici il n'y aura plus de retraites!

Anonimo ha detto...

La tua disamina non fa una grinza. Penso che più che non votare occorrerebbe andare al seggio e verbalizzzare tramite il presidente dello stesso (che però a questo punto deve lavorare) che non si riconoscono nessuno dei candidati. Le schede restano valide ed i 930 vanno tutti a casa. Pura utopia? Almeno proviamoci.

Enrico Bo ha detto...

@Anon - Sarà pur vero, ma i 930 almeno voteranno sé stessi, e ahimé questo già è più che sufficiente ad eleggerli senza problemi

Where I've been - Ancora troppi spazi bianchi!!! Siamo a 104 (a seconda dei calcoli) su 250!