venerdì 19 giugno 2015

Laudato si?

Siccome oggi vado di fretta, voglio lasciarvi solo un paio di riflessioni sulle quali vi pregherei di essere caritatevoli e non rivolgermi troppi insulti, anche se in generale, qui non commenta quasi mai nessuno. Parto dalla premessa  sulla polemica innescata qualche giorno fa dal mio concittadino Umberto Eco, sulla quale mi trovo molto  d'accordo e cioè che il web è diventato un luogo dove qualunque idiota pretende di dire la sua in modo arrogante e questa infestazione è un fenomeno in continua crescita che va assumendo una sua rilevanza anche in termini sociali. Ora, appartenendo io completamente e con convinzione, a questa schiera di idioti linguacciuti e inarrestabilmente logorroici che vogliono mettere il naso e anche il resto, in cose davvero al di sopra della loro portata, oggi mi arrogherei il diritto di  pontificare (mai termine più azzeccato) su un argomento su cui la modestia e il buon senso consiglierebbero di tenere un profilo basso, se non un più corretto silenzio. 

Siccome invece ho notato, dando occhio ed orecchio ai vari media, che tutti ne stanno parlando a spron battuto, ecco qua il mio parto di oggi sulla enciclica papale. Intanto il primo punto è che la maggior parte di quanti aprono la bocca e danno fiato è l'esordio: io non l'ho ancora letta, ma...Cosa che, specialmente detta da giornalisti, forse più correttamente definibili come giornalai, mi sembra di per se stessa una ammissione piuttosto grave e da far arricciare i peli delle braccia. Vien subito da rispondere, leggitela e poi torna qui a discuterne. Quindi intanto, io la lessi, come direbbe Totò e mi riferisco ad un comico in quanto, dato il mio gruppo di appartenenza a cui ho fatto cenno all'inizio, non è implicito che dopo la lettura debba avere la pretesa di averci capito qualcosa, ma tant'è sembra che si possa anche fare così. Quindi vorrei fare solo pochissime osservazioni, sempre per volare basso. 

Mi sembra logico che, visto da fuori e affrontando la religione come un qualunque altro prodotto immateriale da offrire al mercato mondiale, il discorso che fa un amministratore delegato deve essere congruo alla linea aziendale,  ma impostato in modo da ottenere un risultato ottimale dal punto di vista del marketing. Sotto questo aspetto, mi è parso che l'intonazione generale dell'enciclica sia molto congruente con questo fine, mantenendo una intonazione, absit iniuria verbis, piuttosto cerchiobottista, infatti in quasi ogni argomento, capitolo, capoverso si può leggere una affermazione, magari apparentemente dura, subito poi mitigata da distinguo e controdeduzioni che danno adito ad interpretazioni addirittura opposte se non si legge il passo nella sua interezza e complessità. La dimostrazione di questo sta nel fatto che basta leggere qualche titolo di giornale o ascoltare le argomentazioni espresse nei dibattiti che stanno seguendo e subito si vede che vengono estrapolate frasi singole per affermare in modo subdolo e parziale che il discorso papale viene a sostegno delle proprie tesi e tutto questo in maniera assolutamente opposta a secondo di chi la dice. 

Questo, a mio parere naturalmente, è un classico di tutti i testi sacri e similari di tutti i tempi, ci puoi trovare tutto e se vuoi anche il suo contrario, così è l'interpretazione e l'intenzione, da parte di chi la fa, che saprà trasformare la stessa idea morale da religione dell'amore in religione dell'odio e così via. Non voglio soffermarmi più di tanto sulla fattispecie, ma vi invito a leggere il testo completo per farvi un'idea prima di parlarne, se no rischierete di trinciare giudizi sulla base di titoli ed esternazioni fatti da gente che a loro volta non l'ha neanche guardato. Solo un cenno su un argomento che mi sta a cuore. La parte sugli OGM è molto interessante (a parte lo svarione colossale, che non è stato ancora corretto, sulla bufala della sterilità degli stessi, ma forse anche il  ghost writer di Papa Francesco non prevede il controllo delle fonti) e già ho sentito commentatori che sbandierano: Il Papa è contrario agli OGM e altri che recitano: Il Papa è favorevole agli OGM, confermando le mie sensazioni. Interessante anche la parte riguardante la netta distinzione tra uomini e animali che non farà piacere a certo animalismo d'accatto o quella sulle banche che accoglie invece la vulgata populista, chi vorrà potrà anche leggerci una strizzata d'occhi alla decrescita felice. In ogni caso un documento interessante, anche per i non credenti, proprio per tutto quanto indurrà alla riflessione sulla interpretazione manipolatoria dei media sulla società. Adesso ditemi pure quel che volete, tanto noi idioti del web non siamo perseguibili (forse).

6 commenti:

Juhan van Juhan ha detto...

Sai 'na roba: post bello e articolato. Ti linko di là sul Tamburo.

Enrico Bo ha detto...

Grazie Ju, ma così facendo rischi di far passare anche il Tamburo al club degli idioti.
A proposito con la faccenda dei cookies, siamo tranquilli col disclaimer ho no? perché ho visto comparire su alcuni blog più "evoluti" la riga che chiede se li vuoi o no ecc. Anzi mi è arrivata addirittura la pubblicità di chi ti fa il lavoro di metterti a posto la faccenda. Ogni cosa diventa businesse io sono contento, ma se fosse obbligatorio io piuttosto chiudo il blog.

Juhan van Juhan ha detto...

Io su Eco ho già detto che non sono d'accordo con lui manco un po'. E non m'importa più di tanto, non sono d'accordo con tanti (fortunatamente!). Sui cookies stiamo vivendo un periodo interessante, chissà com'è l'oroscopo del Garante per i prossimi mesi. Se del caso trasferire tutto su Fèissbukk dove Zuck non spia ed è mooolto buono.

Enrico Bo ha detto...

ho capito, ma nel frattempo , sospendiamo i blog?

Juhan van Juhan ha detto...

Di quelli che conosco solo uno ha chiuso il blog, tutti gli altri sono in attesa.
Io ho messo un avviso su Ok, panico, chissà...

Paolo nullo Pedone ha detto...

Amen

Where I've been - Ancora troppi spazi bianchi!!! Siamo a 102 (a seconda dei calcoli) su 250!