mercoledì 28 settembre 2016

Morte all'olio di palma!

dal web



Al salone del gusto è stato fatto un interessante convegno in cui si consigliava a chiunque volesse salvare una sua azienda produttrice di prodotti da forno, di sostituire l'olio di palma e di puntare ad una strategia di comunicazione che lo evidenziasse, cosa che da un po' come noterete nelle pubblicità, sta già avvenendo. Concordo al cento per cento. E' inutile mettersi contro le lobbies, quando partono decise contro un nemico comune, siano i vari Greenpeace e succedanei contro gli OGM o i teonaturaliani contro la Monsanto. Quando sono partite le multinazionali dei vari grassi vegetali contro l'olio di palma, si capiva subito come sarebbe andata a finire. Le varie trasmissioni popolaresche spingono sull'argomento amplificando i fatti negativi e ignorando quelli a favore e la gente ha un nuovo nemico contro cui combattere. Morte all'olio di palma. Il fatto che questo sia più sano in effetti di tutti i suoi succedanei che verranno utilizzati al suo posto (o che venivano utilizzati prima) come l'olio di girasole, non frega niente a nessuno. 

Il fatto che sia molto più "verde" dei suoi concorrenti perché per produrne la medesima quantità serve solo un settimo della superficie con relativi antiparassitari e fertilizzanti, non interessa. Dagli al mostro, pur senza saperne nulla. Ovviamente qualunque azienda non ha nessun interesse a mettersi di traverso o a spendere soldi per far cambiare parere agli ignoranti o alle zucche vuote. Gli va dietro, senza problemi, anzi lo utilizza come spunto di comunicazione. Non vuoi l'olio di palma e preferisci i vari grassi disponibili sul mercato, dal cocco alle miscele di semi vari? Eccoti accontentato, te li rifilo e posso scrivere sulla confezione "senza olio di palma", anzi magari te lo faccio pagare un po' di più. Su, via, è una rincorsa a chi lo fa per primo. Chi si adegua  al volo conquista più mercato di mamme che vogliono "cibo sano" per i propri pargoli.  Anzi magari ci scrivo sopra anche che non contiene glutine sulle bottiglie di acqua. Venghino signori che più gente entra, più bestie si vedono! 




Se ti è piaciuto questo post, ti potrebbero anche interessare:

6 commenti:

Simona [Ciccola] ha detto...

Io sapevo che la spinta a boicottare l'olio di palma derivasse dal problema della deforestazione fatta a tappeto e in maniera scellerata per produrre questo olio che costa molto meno.
Ora la gente è convinta che sulle confezioni c'è scritto "senza olio di palma" perché fa male?

Enrico Bo ha detto...

La spinta deriva dalle lobbies degli oli concorrenti che venivano estromesse dalla maggiore convenienza dell'olio di palma. La scusa "verde" è stata gonfiata a dismisura perché quella economica non sarebbe accettata dal consumatore. In ogni caso la quantità di prodotto necessaria a sostituirlo becessita di una superficie di terreno sette volte superiore con altrettanto maggiore inquinamento da antiparassitari, consumo di acqua, fertilizzanti, ecc. ecc.

barni ha detto...

Io non so niente dell'argomento, ma mi risultava che gli oli tropicali fossero molto più ricchi di grassi saturi rispetto alla media. Se qualcuno sostiene che l'olio di palma fa molto meno male dell'olio di girasole dovrebbe gentilmente spiegare perchè, anzichè dirlo e basta.

Enrico Bo ha detto...

@ Barni - L'olio di palma è un grasso saturo, come il burro per intenderci, quindi sotto questo punto di vista fa male come il burro, mentre gli altri grassi vegentali sono insaturi e quindi sotto questo aspetto fanno meno male, però sono deidrogenati al contrario dell'olio di palma e quindi sotto questo aspetto sono peggiori e fanno molto peggio. Naturalmente tutta questa fuffa è stata esagerata nella sua importanza dai nutrizionisti da televideo che puntano esageratamente su questi aspetti, che nella realtà alimentare hanno una importanza relativa. Tutto dipende dalle quntità Se mangio un chilo di merendine o di nutella al giorno, mi farà male da una parte se ci mettono l'olio di palma, dall'altro se ci mettono l'olio di girasole o di colza o di semi vari. Comunque un grasso ce lo devono mettere perché se no fanno schifo. Nel cioccolato c'è il burro di cacao che è sempre la stessa musica,tanto per capirci.

barni ha detto...

Grazie della risposta. Ovviamente, quando parlavo di chi non ha spiegato, mi riferivo all'autore dell'articolo e non a te. Ma vorrei approfittare della tua gentilezza per chiederti ancora di risolvermi un dubbio che la tua risposta mi ha sollevato: io sapevo che i grassi idrogenati, tipo margarina, fanno malissimo. Tu dici che fanno lo stesso anche quelli deidrogenati: ma dal nome non dovrebbero essere il contrario degli altri? Grazie, Enrico, e ciao

Enrico Bo ha detto...

@Brni - Scusa ma ho fatto un refuso, in realtà l'olio di pala di norma viene deidrogenato al contrario di altri oli e grassi vegetali. Ma fanno male entrambi sia quelli idrogenati che quelli deidrogenati. Ilproblema è sempre la quantità. In realtà, il componente principale dell'olio di palma, L'acido palmitico è presente sia nell'olio d'oliva che nellatte materno. Guarda questo intervento che è beneesplicativo:
https://www.youtube.com/watch?v=a0yP1swvzxo

Where I've been - Ancora troppi spazi bianchi!!! Siamo a 102 (a seconda dei calcoli) su 250!