lunedì 27 dicembre 2010

Fichi alla mandorla.

Natale è proprio un coacervo di tradizioni. Sembrano fatte apposta per mettere insieme i ricordi, le cose care. Ti faranno sentire un po' melenso certo, però che calore, che senso di piacere crogiolandosene. Ecco ne ho appena finito una che mi è particolarmente cara. Era l'ultimo rimasto dal pacchettino avvolto nella stagnola, stretta e chiusa nella carta colorata. Ne sento ancora il gusto dolce e pastoso, solo appena amarognolo alla fine. Penso ci voglia molto a prepararli, fatica e attenzione, il gusto di fare le cose bene con affetto. Credo che si prendano i fichi secchi, ma solo quelli migliori, belli grandi, carnosi e non asciutti, li apri e ci metti dentro un mandorla, poi li unisci per quattro a croce e in fine li passi in forno, che rimangano ancor più zuccherisi e delicati, quasi croccanti fuori e pastosi dentro a meglio descrivere il sentimento di chi li ha fatti per te. Tutti gli anni me li porta una mia cara amica, che mi sa goloso e mi vuole bene.

Li ha sempre preparati il suo papà, una persona davvero speciale che in tutte le cose che ha fatto nella vita ha messo sempre la stessa attenzione, la stessa determinazione di farle nel modo giusto, come vanno fatte. E quest'anno che non li ha più potuti preparare, non avevano lo stesso sapore, anche se dolci e morbidi come si addice alla bellezza dei ricordi; la sottile punta amara alla fine, era un poco più forte, forse era troppo venata di tristezza. Dai Maresciallo, lo sappiamo che li stai facendo ancora, da qualche parte; non ce n'è di uguali e qua continueremo a ricordarceli, sfregando appena i polpastrelli che per un po' rimangono appiccicosi, mentre il profumo caldo rimane ancora a lungo nella mente e nel cuore.


Se ti è piaciuto questo post, ti potrebbero anche interessare:

3 commenti:

Anonimo ha detto...

adesso non ce la faccio proprio a dirti niente di più che grazie! gli occhi sono troppo appannati, le emozioni mi travolgono. Grazie ENri, ti voglio bene
Mariu

Sandra ha detto...

Questo inimitabile "chè" di evocativo che hanno certi cibi..da groppo in gola.

enrico ha detto...

@Mariù - Lo so.

@Sandra - Lo so il groppo è sempre un problema, ma vanno giù lo stesso...

Where I've been - Ancora troppi spazi bianchi!!! Siamo a 104 (a seconda dei calcoli) su 250!