domenica 20 settembre 2015

A Monaco di Baviera col Museo - 2



Monaco  - Castello di Nynphemburg
Ma che Baviera sarebbe senza la birra. Questa è la bevanda d’obbligo in tutta la Germania e qui in particolare, così si impone una bella visita ad un birrificio di tradizione come la Ayinger. Questo ha preso un sacco di premi e pur se lo stabilimento, date le quantità che deve produrre, ha tutte le caratteristiche di una grande azienda con i suoi chilometri di tubi di acciaio luccicanti ed i contenitori giganteschi, qui la birra è decisamente una tradizione che segue parametri antichi. La produzione si fa, certo, ma molte varietà diverse di birra vengono ancora prodotte con ricette di un tempo. Otto che è incaricato di mostrare tutte le fasi della lavorazione, mostra uno spiccato attaccamento al prodotto che racconta e riesce a fartelo amare. Alla fine naturalmente bisogna assaggiare ed è un vero piacere sentire tutte le sfumature delle varie tipologie, dalle bianche, alle bionde, a quelle più scure e dalle gradazioni più forti. Non si può davvero passare da queste parte e rinunciare a questa esperienza, se si considera che poi una volta all’anno, per commemorare l’editto cinquecentesco che poneva le basi del disciplinare, diremmo oggi, di questa bevanda, una fontana di Monaco versa solo birra, dunque si può capire l’importanza che riveste quaggiù l’antica “cervogia”! Teniamo sempre conto che tra pochi giorni, poi, scatterà la mitica Octoberfest, che appunto come dice il nome, cade a settembre, una esperienza che almeno una volta nella vita, nessuno si dovrebbe negare, quantomeno per ammirare le prosperose cameriere in vestito tradizionale che portano ai tavoli almeno sei boccali da litro in ognuna delle due mani. 

 
Monaco - Centro
Non avrebbe senso comunque bearsi dell’ambrato nettare senza abbinarlo al piatto più consono alla fattispecie, lo sweineaxe, il famoso o famigerato stinco di maiale con i crauti, davvero delizioso, servito nella più classica birreria bavarese, seguito, per non rimaner delusi, da un fragrante apfelstrudel caldo con gelato alla vaniglia, alla faccia di chi dice che la cucina tedesca non è valida. Piatti robusti certo, ma di gran soddisfazione a vedere anche le wienershnitzel che giravano tra i tavoli, strabordando dai piatti, pure giganteschi. Tanto poi ti accomodi tranquillo sul tuo comodo sedile, mentre ai tuoi fianchi scorrono foreste fitte di abeti rossi e pini silvestri, interrotti solo di quando in quando da radure verde smeraldo, in cui certo non ti stupiresti di vedere cervi orgogliosi o gruppi di daini e cerbiatti curiosi e digerisci tranquillamente tutto. Monaco comunque, è a pochi chilometri e passeggiare per il suo centro, ti lascia una netta sensazione di città vivibile, piena di gente allegra con la voglia di divertirsi e decisamente multietnica, che passeggia e riempie i locali. Insomma se tanti scelgono la Germania per venire a viverci, non è solo una questione di maggiore facilità a trovare lavoro, ma anche perché nel pulito e nell’ordinato ci si sta piuttosto bene. Passeggi tra chiese e palazzi imponenti, la zona dei musei, fino alla Marienplatz col carillon del palazzo comunale, tutti col naso in su ad aspettare lo spettacolo che poi naturalmente è in un’altra ora e allora devi consolarti dando un’occhiata alla famosa birreria HB, dove cominciò una storia talmente lugubre e terribile, che forse molti vorrebbero dimenticare, ma il luogo è sempre lì ed è bene ricordare che la storia si sa ripetere con frequenza inaspettata, specialmente nelle sue esternazioni peggiori. Che bello però, vedere la gente che a piedi se ne va verso il teatro o passeggia nel parco della palazzina di campagna di  Nynphemurg  tra cigni e anatre che becchettano nei laghetti che la circondano. Sembra uno stato di cose immutabile. Eppure anche qui, un tempo, cadevano le bombe.

Monaco - Marienplatz

SURVIVAL KIT


Ayinger Brauenstueberl - Aying- biergarten abbinato al birrificio Ayinger. Pranzi coi piatti tipici bavaresi. Da provare per chi ancora non lo conosce lo spettacolare stinco di maiale coi crauti a 9,50 €. Non preoccupatevi se vi sembrerà enorme, con calma va giù tutto. Atmosfera molto bavarese, allegra e festaiola.


Se ti è piaciuto questo post, ti potrebbero anche interessare:

Nessun commento:

Where I've been - Ancora troppi spazi bianchi!!! Siamo a 102 (a seconda dei calcoli) su 250!