domenica 25 giugno 2017

Recensione - AA.VV. – Storie di Natale – Sellerio

Storie di Natale

Eccomi di ritorno, non sono morto, come potreste avere pensato, ma mi sono preso qualche giorno di riposo su una spiaggia sassosa, ma molto confortevole ma, contrariamente a quanto hanno pubblicizzato, con il mio contratto TIM, col cavolo che potevi connetterti, pertanto sono stato costretto al silenzio digitale, gettando in questo modo nello sconforto i miei amati lettori, uno dei quali mi ha addirittura telefonato per garantirsi del mio status, cosa che mi ha commosso oltre ad avermi fatto molto piacere. Dunque passiamo oltre e procediamo con qualche libro che mi ha rallegrato le ore trascorse sotto l'ombrellone.



Cominciamo dunque da questa piccola raccolta di sette racconti con file rouge della notte della vigilia di Natale, tema abusato, ma sempre valido per raccontare storie dalle più divertenti alle più lacrimose, utili anche per arricchire il catalogo. In questo caso il libretto si legge volentieri, anche fuori stagione sotto l’ombrellone come nel mio caso. Particolarmente accattivanti la storia di Tredicino, ragazzo che ha avuto dal nonno alcuni segreti del mare, con la prosa che si avvita sempre di più nel siciliano stretto a cui ci ha abituati Camilleri e quella di Recami, ricca di esasperato macchiettismo italiano, molto divertente che racconta di un tragico e fantozziano esodo nella tormenta di neve nell’Appennino tosco emiliano in seguito all’annullamento di un volo low cost, con tutti gli aspetti tragicomici del caso. Ve la caverete in due orette di lettura che vanno via veloci, in attesa di digerire la colazione in attesa del meritatissimo primo bagno della giornata.



2 commenti:

Pierangelo ha detto...

Bentornato da un tuo assiduo lettore.

Enrico Bo ha detto...

grazie grazie

Where I've been - Ancora troppi spazi bianchi!!! Siamo a 102 (a seconda dei calcoli) su 250!