sabato 1 maggio 2021

Buone notizie

la mia s-guida sullo Yemen

 Le buone notizie bisogna cercarle con cura, carezzandole con affetto, ognuno nel proprio particulare, magari nell'irrilevanza e soltanto come spunti apparentemente non significanti, ma invece spie di sentimenti positivi. Ve ne dico una che naturalmente a voi non farà ne caldo né freddo e invece a mio parere, benché strettamente personale, vuol dire qualcosa. Dopo mesi di stasi apparentemente irreversibile, tale da farmi considerare la gran fatica che avevo impiegato nel mettere in piedi questo lavoro, sono riprese le vendite dei miei libri di viaggio su lulu.com, il sito che ospita la mia vetrina, dove si possono acquistare i miei 24 libri, che ho messo insieme in circa dieci anni di divertite fatiche (ma anche su Amazon, che tuttavia purtroppo si assorbe quasi completamente i miei, altrimenti lauti, guadagni. Ingordo, eh!?). Lo scorso mese infatti sono state acquistate ben 5 (cinque) copie di miei lavori. Ora voi direte, oltre al fatto di ingrassare il tuo già rigonfio portafoglio, cosa ce ne cale a noi, di questo tuo strabiliante successo editoriale che compensa certo, fin troppo esageratamente le migliaia di ore di scrittura correzione, editing, maledizioni varie levate al cielo per le difficoltà informatiche che tu, analfabeta digitale hai impegnato per mettere insieme tutto ciò. Secondo me si può leggere tutto questo, al di là del frutto economico e di soddisfazione personale, anche come indicatore generale. Infatti che qualcuno ricominci ad acquistare libri di viaggio significa chiaramente che in maniera positiva, si riprende a intravedere la possibilità di progettare avventure, di tornare alla voglia di conoscere il mondo, di vivere insomma perché fatti non fummo a viver come bruti. Io credo che tutto questo sia positivo. Sento, chissà perché un refolo di aria buona che soffia ancora leggera, ma costante, portando pensieri buoni. Forse è solo perché stamattina contrariamente al solito mi sono svegliato col piede destro, ma chissà. Voi che ne dite?


Se ti è piaciuto questo post, ti potrebbero anche interessare:

Il terzo libro: Indocina

3 commenti:

OLga ha detto...

complimenti e tanti auguri!

Anonimo ha detto...

dico che sei ottimista...

Enrico Bo ha detto...

@ Olga - grazie a te
@ Anon - a giorni alterni

Where I've been - Ancora troppi spazi bianchi!!! Siamo a 111 (a seconda dei calcoli) su 250!