martedì 5 gennaio 2016

Recensione: E.Carrère - Limonov

Un libro interessantissimo per chi ama conoscere storia ed avvenimenti della Russia e dell'URSS degli ultimi 80 anni. Si tratta della biografia di Limonov  un personaggio in fondo poco noto in occidente se non agli specialisti. Scrittore dalla vita avventurosa e border line sempre di fronte al bivio tra criminalità e fama, comunque sempre controcorrente, espatriato negli Stati Uniti dove si scontra con le difficoltà di un sistema sconosciuto che lo pone di fronte alle delusioni probabilmente comuni a molti di coloro che speravano di trovare un facile eldorado, poi in Francia dove riesce a pubblicare ed infine il ritorno nella madrepatria nel momento della dissoluzione dell'impero. Qui si trova di fronte ad un mondo nuovo e ancor più violento e duro. Conoscerà quindi la prigione e tenterà la via della politica sempre da una posizione inevitabilmente perdente. 

Creatore di partiti, tra cui quello Nazional bolscevico, bramoso di rivoluzioni impossibili, irresistibilmente affascinato dalla violenza, dalla guerra, si farà trovare anche in Jugoslavia tra i miliziani slavi. Il libro è particolarmente affascinante per chi, come me, in qualche modo ha avuto occasione di vivere qualcuno di quei momenti, la dissoluzione dell'Unione Sovietica, il tentato golpe del 93, l'iperinflazione e la miseria della quasi totalità della popolazione, l'affermarsi del far west delle mafie fino all'avvento di Putin. Ci si ritroverà in mezzo a tanti nomi e luoghi che allora facevano la cronaca. Io non conoscevo questo personaggio, tipicamente russo, con il suo desiderio di eroismo autodistruttivo, ma indubbiamente la storia lo delinea come una figura di grande interesse e genera la voglia di andare a leggere qualcuno dei suoi libri (almeno 4 o 5, come Il libro dell'acqua e  Diario di un fallito, sono stati anche pubblicati in Italia. Per chi invece conosce poco la Grande Madre, si tratta di un'occasione per visitare un'epoca ormai perduta e comprenderne molti aspetti travisati, dal particolare rapporto che corre tra i russi e l'alcool, i nuovi ricchi, la tendenza all'autocommiserazione, l'estremismo obbligato che impone sempre la scelta solo tra eroismo e viltà. Consigliatissimo.


Se ti è piaciuto questo post, ti potrebbero anche interessare:

3 commenti:

José-Dominique ha detto...

Eccelente. E se vuoi avere molte informazione nuove sul vero Eduard Limonov, vedi il site TOUT SUR LIMONOV.
E principalmente in frances ma con anche 10 pagine in italiano
http://www.tout-sur-limonov.fr

Enrico Bo ha detto...

@Josè - Merci. Très intéressant ce syte. J'ai lu beaucoup. Maintenant j'irai lire quelque chose de cet auteur. C'est domnage, mais lorsque j'étais en Russie, je n'avais pas entendu rien de ce personnage.

José-Dominique ha detto...

Merci Enrico. Si tu veux lire un livre de Limonov, je te conseille "Le livre de l'Eau" (Libro dell'acqua) qu'il est facile de trouver dans sa traduction italienne.
C'est une autobiographie très originale : l'un des 8 livres que Limonov a écrit en prison, de 2001 à 2003 !

Where I've been - Purtroppo ancora troppi spazi bianchi!!! Siamo a 98 su 250!