venerdì 22 novembre 2013

La cura dell'uva.




Doveva essere una fissa dovuta alle ristrettezze del la guerra. Sta di fatto che mia mamma ogni tanto tirava fuori la storia: a 'sto bambino bisognerebbe dargli qualche ricostituente. E dire che non ero certo un bimbo patito, anzi sono sempre stato piuttosto grassoccio, un bel  bambino in carne insomma. Sarà però che grassezza fa bellezza, ma lei aveva sempre questa idea che bisognasse pompare qualcosa per via orale, una specie di doping alimentare per meglio mettermi in grado di affrontare le difficoltà della vita. In estate, a Valle San Bartolomeo, con l'orto a disposizione proprio a fianco, non c'erano problemi di verdure a chilometri zero, direbbero oggi i Culdiretti, però sembrava non bastare mai. Così, non so come, un anno venne fuori la storia della cura dell'uva. Chissà dove l'aveva sentita questa storia, forse nel negozio all'inizio della via del Dazio, quello che mi aveva rifilato la cioccolata con la muffa o dal lattaio dove si andava con la bottiglia di vetro in mano a farsela riempire con un mestolone di alluminio (chissà come sarebbe apprezzato dagli odierni babbioni questo risparmio di confezionamento e di odiosa plastika) anche se tutti vociferavano che ogni tanto ci si mescolasse un po' d'acqua per allungarlo un po'. Comunque quell'estate, partì il trip. In cortile c'erano due pergolati, che da quelle parti in dialetto si chiamano topie, per inciso sarà un derivato dell'"arte topiaria", qualcuno lo sa? Quella vicino alla tampa, alias l'immondezzaio per voi puristi della lingua, proprio dietro il gabinetto  (eh già non ci pensavo mica che allora il cesso stava in cortile, piuttosto lontano dalla casa, come le norme dell'igiene e del buon senso prevedevano; col calore estivo, infatti, gli effluvi odorosi non erano certo graditi, anche in quei tempi ruvidi), era una Luglienga, che anche ad agosto rimaneva piuttosto aspra e piccolina. 

Ma si sa che le nostre colline sono poco adatte all'uva da tavola, così ogni tentativo di farmela ingurgitare falliva miseramente. Già ero un bimbo viziato e capriccioso come tutti i figli unici e spesso me le davano vinte purché facessi per tempo i malefici compiti delle vacanze, un libricino odioso che condensava esercizi misti di un po' tutte le materie, che per soprammercato la mia mamma comperava in due copie (diverse tra di loro naturalmente) e che toccava religiosamente riempire un po' per giorno prima di andare a giocare con gli amici e che io avrei volentieri rimandato a fine estate. Così scambiato il dovere col piacere, mi salvavo dall'uva bianca, ma ad un certo punto dell'estate arrivava a maturazione la grande topia del cortile di uva "americana". Qui non c'era salvacondotto. Pare che per ottenere beneficio salutistico, bisognasse mangiarne almeno due grossi grappoli al giorno, uno per ogni fine pasto. Il gusto deciso e diverso di quell'uva mi era particolarmente odioso e la vista di quel gigantesco e sproporzionato agglomerato di acini nel piatto mi metteva subito di malavoglia, ma non c'era pietà, la cura dell'uva, una volta partita doveva essere in ogni caso portata a compimento. Così per tutto il mese di settembre, avevo lì il supplizio che mi aspettava, viola come la morte, nel piatto bianco sbrecciato da un lato, con tutto il suo seguito di micidiali fermentazioni intestinali che mi costringevano a corse frettolose in fondo al cortile dove, chiusa in fretta la porticina malandata che si teneva serrata con uno spago, ero sempre terrorizzato dal cadere giù in quel buco che mi pareva enorme, nero e minaccioso, una promessa cupa di inferno scatologico che mi attendeva malevolo e pronto ad afferrarmi se mi fossi distratto, inghiottendomi nel mare melmoso e fumante. Da allora non sopporto assolutamente l'uva americana. E' sicuramente quella che mi ha fatto alzare la glicemia.


Se ti è piaciuto questo post, ti potrebbero anche interessare:

13 commenti:

Manuela Garreffa ha detto...

hahahahha il bagno in cortile vorrei che tornasse in auge, l'ho sempre pensato, altro che monolocali con tutto in un ambiente... ora poi anche nelle case grandi sta prendendo piede l'idea nordamericana di fare tutto un ambiente buttando giù le pareti, ho visto in TV gente che nemmeno ha messo la porta del bagno, orroreeeee... ma dimmi, l'uva americana è quella che noi chiamavamo uva fragola? Ne avrei mangiato dei chili.

Dottordivago ha detto...

Amo l'uva americana, anche se è difficile trovare quella buona, che non sembri un deodorante per la macchina.
Col fatto che ha la buccia spessa, mi spremo gli acini in bocca, almeno 20 o 30, poi inizio a gustarla, poi ricomincio: una perversione.
Ma in questo periodo il prodotto non mi soddisfa, devo chinare il capo e accontentarmi di un buon moscato d'Amburgo, purtroppo francese ma migliore di quelle zozzerie plastificate, ad altissima resa, che molto spesso arrivano dal sud.

Enrico Bo ha detto...

@manu - oppure i minibagni senza finestre con la ventola di aspirazione! Certo è l'uva fragola.

@Doc - Ma il moscato d'Amburgo è nettare senza pari, lo amo sopra ogni cosa, ho fatto un post ad hoc: mmm... adesso non trovo il link, pazieza

tentare, nuoce ha detto...

Rammento i poveracci all'olio di fegato di merluzzo

Enrico Bo ha detto...

@Tent - Mai subito per mercede divina!

Enrico Bo ha detto...

@Paola- Grazie cara, Il fatto è che l'infanzia è una miniera d'oro per chi vuole raccontare (piccole) storie.

Anonimo ha detto...

Groppo in gola e risata liberatoria rivedendoti a mangiare l'odiata uva "cla sa ad magiustra".Le avventure giovanili ci accomunano in un misto di commozione e divertissment(penso di averlo scritto sbagliato). "Cuntinua a sgatè et vigrai cha-t-truvarai semper pù materia cla pias."

Paola

Anonimo ha detto...

buona, buonissima l'uva americana.

antonio

laura ha detto...

E ne abbiamo chili....

Ciccola ha detto...

L'uva la mal sopporto anch'io, invece adoravo fare i compiti estivi. Il mio libro durava sì e no una settimana!

Enrico Bo ha detto...

@Laura e Antony - Più che altro invidio il terrazzo e la sua vista!

@Cicc. - e poi , tutto il resto della vacanza?

Anonimo ha detto...

Carissimo, ti ringrazio tanto per i bellissimi racconti che mi mandi da leggere. Sara' perche' abbiamo piu' o meno la stessa eta' e abbiamo vissuto quei favolosi anni 50 e 60 anche se in citta diverse, ma le tue esperienze assomigliano tanto alle mie e i ricordi affiorano ogni volta che leggo quello che scrivi in modo cosi piacevole, come io non saprei mai fare. Anche nel vigneto di mio nonno, a San Lorenzo, dove anche io passavo buona parte delle estati, c'era un meraviglioso albero di cachi che io amavo particolarmente guardare quando iniziava l'autunno e i frutti arancione spiccavano nelle mattine nebbiose. ora non c'e' piu' perche' il gelo lo ha ucciso in un inverno molto freddo ma non ho dimenticato la sua bellezza. Ancora grazie e continua a mandarmi queste cose cosi' belle..... Buona serata.Vanna

Enrico Bo ha detto...

@Vanna - Grazie carissima. Certo ricordare è piacevole e anche guardare avanti lo è. Forse ancor di più.

Where I've been - Ancora troppi spazi bianchi!!! Siamo a 102 (a seconda dei calcoli) su 250!