giovedì 19 marzo 2009

Gamberi in salsa


C’è qualcosa nella skyline di tutte le megalopoli del mondo che ti lascia un po’ senza parole. Guardi solo, cerchi di imprimerti in testa quella linea, immagini cosa ci sia dietro quel mondo, tutte così diverse e così uguali. Chicago non fa eccezione, quando arrivi dal lago scivolando piano sulle acque verde marcio. C’è una grande fiera ogni due anni e per quella settimana anche le topaie costano 200 dollari a notte e le giornate passano in un andirivieni nervoso fiera-albergo, cambiando il rumoroso cicaleccio inarrestabile delle otto ore tra gli stand, nello sferragliare della metro aerea che passa ogni cinque minuti davanti alla finestra della topaia suddetta, come in un romanzo di Chandler. Un inferno? Relativo. Infatti c’è un’opzione prima di andare a barricarsi in camera. Per andare a mangiare un boccone solitario, ci sono un sacco di localacci nelle vie laterali della grande avenue sul parco. Ti scegli un tavolo, scegli un piatto di gamberi cajun, se ti piace la salsa, una birra, che, maledizione ti portano senza bicchiere, non fa fine, si sa; paghi un supplemento e aspetti. Mentre in fondo al locale qualcuno gioca a biliardo, il locale comincia a poco a poco a riempirsi. Quella sera arriva una coppia di obesi e si siede al mio tavolo (se siete grassi, andate in America, vi sentirete meglio). Saputo che sono italiano, si sdilinquiscono subito, gente, guardate che nel mondo ci amano davvero tutti! Marito e moglie che gestiscono un’agenzia immobiliare e vendono case (col mutuo, certamente, non sapevano ancora cosa sarebbe successo). Poi arrivano dei tizi con degli strumenti, si preparano e cominciano a suonare. Ragazzi, R&B in diretta sul luogo di nascita, una cosa da sballo. Eppure non saranno stati dei fenomeni (il supplemento ai gamberi per la musica era di cinque dollari), i miei vicini mi spiegano che uno è il figlio di uno che forse è abbastanza famoso. Comunque un coinvolgimento totale, meglio di B.B.King. La salsa cajun l’ho digerita poi in aereo, tornando a casa, ma quella musica me la ricordo ancora.

Nessun commento:

Where I've been - Ancora troppi spazi bianchi!!! Siamo a 104 (a seconda dei calcoli) su 250!