lunedì 23 agosto 2010

Pignoletto rosso.

La nuova amica Sandra , pur commossa dalla mia vena lirica e dalla figura nobile del cervo dalle grandi corna, il cui bramito nelle notti di novembre, riempie la valle, non è rimasta immune dallo sghignazzo del finale gastroculinario a cui in fondo tendevo, senza offesa agli animalisti naturalmente (dai Mariù, in fondo sai che sono un buono, è che mi disegnano così, goloso). Il fatto è che il civét di cervo è proprio buono, se poi i cari amici hanno saputo accompagnarlo con una portentosa polenta di pignoletto rosso del Canavese, (da non confondere con l'omonimo vitigno emiliano), macinato a pietra in un mulino del ‘700 (forse l’epoca del mulino non è essenziale, ma come è ben noto, una parte fondamentale dello scatenamento delle endorfine è dovuto alla convinzione di godere di una cosa di assoluta unicità o di qualità superiore, purché te lo dica qualcuno in cui tu hai fiducia, come prevede il ben noto effetto placebo; è stata dimostrata persino l’efficacia della preghiera nell’accelerare le guarigioni, dunque… va bene anche il mulino settecentesco), non ci sono discussioni, ne trae giovamento il corpo e lo spirito.

Perché torno sull’argomento? Secondo una tradizione piemontese, l’ospite amico particolarmente benvoluto, quando partecipa ad una imbandigione particolarmente ricca e festosa, se ne torna a casa con il cosiddetto vulpìn (volpino), una sorta di fardelletto costituito da un qualche tipo di contenitore ricolmo di una parte del ben di dio avanzato, in modo che nei giorni successivi rimembri ancora il godimento provato e rivolga pensieri riconoscenti alla compagnia lasciata.

Così, io, caricato di una congrua quantità di deliziosi bocconcini dell’animale in questione e di adeguata porzione di polenta, ho potuto oggi goderne appieno e si sa che il civét riscaldato è ancor più buono. Quanto alla polenta opportunamente affettata e passata in padella con un velo d’olio, ha potuto assumere quella deliziosa croccantezza che ne ha reso la dorata superficie ancor più appetitosa. Gloria dunque agli amici L. e C. ed altrettanta al nobile animale. Quanto al pignoletto rosso, benedetto chi lo ha conservato e per fortuna prodotto senza pretensioni biologiche varie. Ah, se una ricerca oculata potesse realizzarne un OGM con una produttività che lo rendesse proponibile per una coltivazione redditizia! Lo spirito del grande cervo gliene sarebbe riconoscente, e anche io, naturalmente.

Se ti è piaciuto questo post, ti potrebbero anche interessare:

http://ilventodellest.blogspot.com/2008/10/bio-mio-dio.html

http://ilventodellest.blogspot.com/2008/09/bio-o-io.html

http://ilventodellest.blogspot.com/2009/05/naturale.html

4 commenti:

il monticiano ha detto...

Enri' come la mettiamo con il fatto che non mangio cacciagione tanto meno il cervo, e la polenta di qualsiasi colore non mi piace?
Insieme al pollame mai mangiato di questi cibi.
Mi suicido adesso o aspetto un po'?

Sandra Maccaferri ha detto...

Odddio che buono riscaldato. Anche a noi capita di ricevere o/ affidare gli "scudlòòòt" ( il tuo vulpìn)con riposte le amate cibarie godute in amicizia.
Ed è sacrosanto ciò che dici a proposito dell'alone/ambiente/atmosfera psicologica quali rsposabili dello scatenamento delle endorfine.
E' talmente vero che, quando cadiamo nella tentazione di portarci a casa cibi o bevande "divine" goduti in qualche luogo in momenti perfetti...una volta a casa non dico che facciano schifo ma non sono più la stessa cosa.
Felice notte.
Sandra
P.S.: rimasto nulla nel vulpìn...spazzolato tutto?!;O)

Sandra Maccaferri ha detto...

Son sempre io.
Scusa i due o tre errorini nel commento che precede. Ma non è questo.
Mi son dimenticata di dirti che mi piace tanto la pagina del tuo blog con quelle tajine che fanno da sfondo: mi ricordano un meraviglioso "giro" nel Marocco interno e del sud e il pollo alle mandorle più buono che abbia mai mangiato.

enrico ha detto...

@Aldo- Anche per un mio caro amico la polenta e cibo buono solo per i maiali, ma ti assicuro che ha il suo perchè, per la cacciagione il fatto che dovevo consumare diverse bottiglie di Nobile di Montepulciano che col cervo ci va a nozze , quindi...
@Sandra- é proprio vero, con gli amici vicino è un'altra cosa, ma va giù bene lo stesso, devo dire.
In Marocco ci sono stato col camper molti anni fa, un viaggio bellissimo e un paese di straordinario interesse, da nord a sud

Where I've been - Ancora troppi spazi bianchi!!! Siamo a 102 (a seconda dei calcoli) su 250!