domenica 28 febbraio 2010

Troppa libertà.

Sono proprio indignato. Sul web gira qualunque cosa e poi la gente la prende per buona! Pensate che ieri ho ricevuto da un'amica questa robaccia qua che adesso vi sottopongo:
Il capo del Governo si macchiò ripetutamente durante la sua carriera di delitti che, al cospetto di un popolo onesto, gli avrebbero meritato la condanna, la vergogna e la privazione di ogni autorità di governo. Perché il popolo tollerò e addirittura applaudì questi crimini? Una parte per insensibilità morale, una parte per astuzia, una parte per interesse e tornaconto personale. La maggioranza si rendeva naturalmente conto
delle sue attività criminali, ma preferiva dare il suo voto al forte piuttosto che al giusto. Purtroppo il popolo italiano, se deve scegliere tra il dovere e il tornaconto, pur conoscendo quale sarebbe il suo dovere, sceglie sempre il tornaconto. Così un uomo mediocre, grossolano, di eloquenza volgare ma di facile effetto, è un perfetto esemplare dei suoi contemporanei. Presso un popolo onesto, sarebbe stato tutt'al più il leader di un partito di modesto seguito, un personaggio un po' ridicolo per le sue maniere, i suoi atteggiamenti, le sue manie di grandezza, offensivo per il buon senso della gente e causa del suo stile enfatico e impudico. In Italia è diventato il capo del governo. Ed è difficile trovare un più completo esempio italiano. Ammiratore della forza, venale, corruttibile e corrotto, cattolico senza credere in Dio, presuntuoso, vanitoso, fintamente bonario, buon padre di famiglia ma con numerose amanti, si serve di coloro che disprezza, si circonda di disonesti, di bugiardi, di inetti, di profittatori; mimo abile, e tale da fare effetto su un pubblico volgare, ma, come ogni mimo, senza un proprio carattere, si immagina sempre di essere il personaggio che vuole rappresentare.

Pensate che questa robaccia qui me la vogliono far credere per uno scritto di Elsa Morante. Come è ovvio si tratterà di un sordido apocrifo di certo, perchè come tutti sanno la Morante è morta nel 1985 e qundi mai avrebbe potuto scrivere queste cosacce. Non c'è niente da fare, bisogna prendere dei provvedimenti e mettere un qualche controllo alla rete, come già fanno molti paesi più illuminato del nostro, come Cina, Iran e altri. Non si può permettere che ognuno apra la bocca e dia fiato, tanto per parlare, per mettere zizzannia, per invidia e malanimo. Presto metteremo a posto tutta questa gentaglia torva e pessimista che non ama il proprio paese.


Lo scritto, del 1° maggio 1945, intitolato Il Capo del Governo è in Pagine autobiografiche postume, pubblicate in “Paragone Letteratura”, n. 456, febbraio 1988, ovviamente si riferisce a Mussolini ed è stato riproposto recentemente dalla rivista Atti impuri.


Se ti è piaciuto questo post, ti potrebbero anche interessare:

http://ilventodellest.blogspot.com/2009/02/cronache-di-surakhis-8-elezioni.html

http://ilventodellest.blogspot.com/2009/01/niente-di-nuovo-sotto-la-neve.html

3 commenti:

Popinga ha detto...

Anch'io sospetto una manovra comunista. In realtà lo scritto si riferisce chiaramente al governo Prodi.

enrico ha detto...

Non volevo dirlo, ma tu come sempre hai la vista lunga!

Anonimo ha detto...

Elsa Morante nata a Roma il 18 agosto 1912; morta a Roma il 25 novembre 1985(Wikipedia). Quindi nel 1945 aveva 33 anni.

Where I've been - Ancora troppi spazi bianchi!!! Siamo a 102 (a seconda dei calcoli) su 250!