lunedì 1 febbraio 2010

Wǒ, Nǐ, Nín.

Non c'è niente da fare , l'uomo, l'individuo, nasce prevaricatore e vuole comandare. Ci sono voluti millenni per arrivare e far accettare alla gente di buon senso la più imperfetta forma di governo, la democrazia. Quella dove alla fine la gente sta meglio, ma anche lì qualcuno ha sempre tanta nostalgia dell'uomo solo al comando;l'uomo solo poi non aspetta altro. E questa è una caratteristica comune sotto tutti i cieli della terra come dimostra l'esame dei pronomi personali cinesi. Partiamo dalla prima persona singolare, IO.
L'ideogramma 我 - Wǒ, è formato come al solito da due parti, a sinistra la stilizzazione della mano (Shou) che tiene a destra una alabarda (Ge), infatti, secondo la tradizione quando un uomo tiene in mano una lancia e la brandisce, afferma il suo io, il suo potere e aggiungerei il suo desiderio di prevaricazione, la necessità di imporsi con la forza alle idee degli altri. Nella sua forma piu' antica il carattere raffigurava due lance incrociate, a rappresentare la lotta per affermare la propria volontà, tanto per cambiare. Ma se passiamo al secondo carattere, la seconda persona singolare TU, (你 - Nǐ) mi pare che l'atteggiamento filosofico taotista cinese riprenda il sopravvento , infatti accanto al segno stilizzato dell'Uomo (a sinistra) troviamo il carattere del bilancere, quell'attrezzo che i contadini cinesi portano sulle spalle con appesi due cesti o due secchi per trasportare i liquidi, che infatti sono simboleggiati dai due trattini a lato del perno centrale. Tu, ovvero la persona nostro pari che sta di fronte a noi, non è altro che un uomo in grado di trasportare il nostro stesso peso, un essere uguale a noi, di pari diglità. E guardate invece il terzo carattere 您 - Nín, quello che si usa come segno di cortesia per rivolgersi a chi ci sta di fronte, un po' come il nostro "LEI". Usa lo stesso carattere del Tu, ma sotto è disegnato l'ideogramma che significa Cuore (molto riconoscibile dalla forma del triangolo coronato da tre grossi vasi sanguigni che ne escono fuori) per significare affetto e deferenza e che viene utilizzato in tutte le parole in cui ha parte importante il sentimento. Delizioso, vero? Con questo tocco gentile, mi ritiro quindi, accompagnando il gesto con un breve inchino in linea con il post, suggeritomi per la verità dal mio maestro Ferox.

8 commenti:

Angelo azzurro ha detto...

Ammetto che questi ideogrammi hanno un fascino particolare quando se ne conosce l'origine. Grazie Enrico, è sempre interessante passare di qui.
Ti confermo che mia figlia FORTUNATAMENTE prende ancora sul serio lo studio della geografia. E' anche all'ultimo anno perciò si salva dal disastro...
Un caro saluto

astrofiammante ha detto...

sempre molto interessante capire questi segni...tu lo sai anche parlare il cinese? mio figlio lo sta studiando, ma è molto difficile e in effetti dovrà ridare l'esame ;-(

enrico ha detto...

@Angy-meno male per lei, se si appassiona le sarà comunque utile, oltre che piacevole.
@astro - ho fatto solo un corso da autodidatta che corrisponde ad un livello elementary, ma il mio interesse era soprattutto di capire i meccanismi della lingua che mi ha affascinato essendo stato in Cina una trentina di volte per lavoro in dieci anni. Coraggio a tuo figlio, fa molto bene a studiarlo, è il futuro, checchè ne pensino i miopi comunque non è una lingua così difficile come sembra, necessita di un forte sforzo mnemonico ma la grammatica è ridicola se non banale per chi ha fatto latino o greco.

Ferox ha detto...

Domanda Feroce: cari Amici di Henry, e quindi per riflesso un po' anche amici miei in quanto Henry e' mio amico (io sono il famigerato FEROX...) a proposito di cinese e giapponese: se vi chiedono chi e' il Ministro dei Trasporti Cinese, Voi d' istinto risponderete: Fur-Gon-Chin. Ma se uno vi chiede il Ministro dei trasporti Giapponese, Voi cosa rispondete?.... eh?

Annarita ha detto...

Bellooo, Enrì! Non mi riesce di proferire altro. Resto ammirata davanti al fascino un po' misterioso di questi ideogrammi.

Salutoni.
annarita

enrico ha detto...

@Ferox - ad Alessandria diremmo Takalasu Kanduma (ma è troppo localdialettistico).

@Annarita - Grazie cara, negli ideogrammi cinesi ci si perde e ce ne si innamora ti assicuro, a prop. sai chi ospita questo mese il carnevale della Matematica?

Annarita ha detto...

Certamente Enrico. Sono i Rudi Matematici.

Baciottolo;)

enrico ha detto...

Grazie Annarita, sei sempre gentile.

Where I've been - Ancora troppi spazi bianchi!!! Siamo a 102 (a seconda dei calcoli) su 250!