giovedì 2 settembre 2021

Insostenibilità del fritto misto

dal web


 Eh no! Questa non me la dovevano proprio fare! Già. questa mattina è precipitato tutto. Avevamo messo appena da parte per un attimo le interminabili discussioni filosofiche sull'essere o avere, le dissertazioni sulla geopolitica mondiale e su come si potrebbe risolvere la crisi afgana (eventualmente potremmo proporre un convegno dei G21, includendo la repubblica dei Champ, qui a Fenestrelle, tanto essendo finita la stagione non c'è più nessuno e si darebbe vigoria anche al momento di stanca della economia turistica locale, riuscendo a decidere, praticamente all'unanimità, che domani sarebbe stato il giorno giusto per andare a tirare il collo al favoloso fritto misto di sostenibilissima leggerezza, che ci aspettava sul crinale di Pramollo come da tradizione annuale. Tanto al bar ci siamo solamente più noi e abbiamo preso possesso del dehors al completo. Tutto deciso, numero dei partecipanti con scarto automatico dei no-vax privi di crin gras, ora e disposizione sulle macchine e quindi, essendo io stato incaricato della prenotazione, mi sono dedicato alla operazione appena terminato di sorbire il mio marocchino special che l'amico Mattia prepara specialmente per me. 

La signora gentile all'altro capo del telefono, mi ha preso dati, telefono e numero di partecipanti quando, alla mia giunta finale: - Naturalmente fritto misto per tutti - mi ha gelato con una notizia ferale, inappellabile, conclusiva. - Guardi che il fritto misto non lo facciamo più, abbiamo cambiato menù -. Al solo vedere la caduta verso basso della mia mandibola, un gelo freddo si è diffuso all'intorno ed il gruppo che già si stava scannando sulla serietà del felpato sugli obblighi di green pass, ha iniziato a lanciare occhiate interrogative chiedendosi cosa stesse succedendo. Così a poco a poco si è fatta strada la tragica verità. Pare che siano cambiati i gusti alimentari della gente e causa aumento esponenziale di vegani, no gluten, salutisti e altre minchiate varie, nessuno o quanto meno pochissimi richieda più il famoso ed ineguagliato fritto misto alla piemontese. Così dato che la sua preparazione di qualità richiedeva una persona appositamente dedicata e ultimamente avanzava sempre un sacco di roba già belle che impanata e pronta per essere fritta, se ne è decisa l'espunzione definitiva dalla lista delle vivande offerta con conseguente licenziamento dell'addetto. Ecco qua, il salutismo d'accatto ha contribuito alla crisi occupazionale e noi il nostro fritto misto che non ungeva neanche la carta su cui era appoggiato tanto era asciutto, leggero, perfetto ce lo scordiamo definitivamente e ce lo prendiamo nello stoppino, caro Gallia. Poi vai a prendertela col Covid!

Se ti è piaciuto questo post, ti potrebbero anche interessare:

3 commenti:

Unknown ha detto...

gran brutta notizia!
Antonio

Juhan ha detto...

Secondo me --sì opzione disperata ma-- si potrebbe rivelare che il Fritto Misto alla Piemontese è, da sempre, OGM free[1]. Chissà...
[1] senza OGM.

Enrico Bo ha detto...

@Antonio - E' finita

@Ju - L'idea è buona chissà!

Where I've been - Ancora troppi spazi bianchi!!! Siamo a 111 (a seconda dei calcoli) su 250!