domenica 6 febbraio 2011

Italia ovale!

Siamo arrivati ad un soffio. Per un pelo non ce l'abbiamo fatta. Ma che grande partita quella di ieri dell'Italrugby contro la tosta Irlanda! E che sport il rugby! Certo sapete tutti che sono un grande sportivo, ma è pur vero che lo sport fa male e fa soprattutto ingrassare, di certo ieri, affondato per un'ora e mezza in poltrona, per il nervosismo avrò trangugiato un vagone tra dolcini e frappe di carnevale che da noi si chiamano bugie o chiacchiere (ne parlerò prossimamente) e sarò ingrassato almeno di un chilo. Il rugby è il vero archetipo dell'antico sport maschile, rude ma intelligente, muscoloso e veloce, tanto è vero che piace un sacco anche alle donne, al contrario del lezioso calcio da fighette e da furbetti, tipico dell'italianità. Solo apparentemente rozzo, è in realtà lo sport che più si avvicina al gioco degli scacchi o al Go giapponese.


Un insieme di tattica, preparazione, strategia e fisicità da esercitare in un continuum spaziotemporale per arrivare alla partita perfetta. Grandi emozioni dunque per noi sportivi da divano. Attenzione, accusatemi pure di essere un modaiolo, ma io sono vicino a questo mondo da tempi non sospetti e come mi impone la tuttologia ho dovuto pormi di fronte anche a questa esperienza diretta. Provare e mettersi in gioco per capire. Facevo la terza media e la mia fisicità era prossima a quella di un budino alla vaniglia, quando non ricordo chi, trascinò me e un gruppetto di compagni di scuola al campo dei ferrovieri, detti i Feroci, dove già allora ci si dedicava alla palla ovale. Alessandria è sempre stata antesignana nelle novità, salvo poi lasciarle andare, perchè nessuno ci crede fino in fondo. Comunque sia, un volenteroso istruttore ci spiegò alla meglio le regole e poi ci dispose in fila sul campo, dove, essendo fine marzo c'era più fango che erba. Eravamo attrezzati come durante l'ora di ginnastica a scuola, scarpa Superga, pantaloncini blu con l'elastico e maglietta bianca come il latte, per il resto mi ricordo solo un freddo cane.


Ci passammo l'un l'altro quello strano oggetto ovale tra le mani tanto per familiarizzare, poi il tipo ce lo lanciò una volta per uno per capire se eravamo in grado di afferrarlo, infine decise di introdurci direttamente nella mischia. Appunto. Capimmo solo che lo spirito era quello di tenere ben stretto l'oggetto e di correre il più velocemente possibile verso la meta, mai parola era stata più significativa, mentre gli altri dovevano cercare di fermarti. Così ci muovemmo un po' qua e là inzaccherandoci per bene di mota. Sembrava divertente, ma se devo dire la verità io ero già distrutto dalla fatica. Ad certo punto, non so come mi ritrovai l'ovale in mano e sentii qualcuno che mi gridava "corri". Correre per me è sempre stata una parola grossa, ma deciso, chiusi gli occhi e mi avviai lemme lemme nella giusta direzione. Non mi accorsi di nulla, ma dopo un istante fui come investito da un treno in corsa (eravamo appunto ai Ferrovieri) che si era schiantato contro il mio stomaco in modo inusuale e violento. Precipitai verso il suolo al rallentatore, come un baobab stroncato dalle seghe.

L'accetta di uno o più boscaioli mi avevano abbattuto con una spietatezza a me sconosciuta. Precipitai senza un grido come un tronco morto, scivolando nell'umida palude a braccia avanti, la faccia piena di fango. Neppure il tempo di alzare un lamento, incapace al tempo stesso di sputare il misto di terra e di erba fangosa, che di liberarmi della montagna di corpi che mi seppelliva. Ero ormai una maschera sporca quando cercai di alzarmi, senza neppure udire poco lontano il mister che spiegava al gruppo di ragazzini eccitati i segreti del placcaggio. Mi faceva male da tutte le parti. Lasciai il campo dolente e intristito, così coperto di schifezza dalla testa ai piedi che quando arrivai a casa, la mia mamma non riusciva a capire dove fossi caduto. La domenica successiva non mi chiesero neanche più se volevo andare al campo. Io feci finta di niente, intanto imparai a giocare a scacchi.


Se ti è piaciuto questo post, ti potrebbero anche interessare:
Sport e politica.
Allegria!
Riviera romagnola.

5 commenti:

Ambra dB ha detto...

Hai ragione, il rugby piace anche alle donne. Sicuramente molto più del calcio. Ma non dev'essere così gradevole l'esperienza che hai fatto tu. Una massa di corpi che ti si schianta addosso!

Eva ha detto...

Secondo me alle donne piacciono più gli attori del film ;-)))

enrico ha detto...

Ragazze l'ho capito anch'io cosa piace alle donne del rugby, mi è bastato guardare il poster dei fratelli Bergamasco che ha mia figlia.

massimo ha detto...

è vero, non è da fighetti come il calcio e peraltro si rispetta l'avversario. Quando ci giocavo -trent'anni fa, nel dlf, come secondo centro- ci davamo (mi davano, più che altro) un sacco di botte, poi, a fine partita si faceva un corridoio in mezzo al quale passavano gli avversari che applaudivamo, e una volta passati lo facevano loro per applaudire noi. Due anni fa sono andato al Flaminio a vedere giusto Italia Irlanda del 6 nazioni, e non c'è stato uno solo che abbia insultato un irlandese. Sembravamo un altro popolo, rispetto a quelli che si vedono negli stadi di calcio. Tu comunque direi che hai un fisico da terza linea, di quelli che il piano lo spostano....

enrico ha detto...

@Max - Sì davvero un bello sport. Ma non raccolgo le insinuazioni riferiti alla mia quintalata abbondante.;-))

Where I've been - Ancora troppi spazi bianchi!!! Siamo a 102 (a seconda dei calcoli) su 250!