martedì 10 maggio 2011

Borotalco.

Immagine dal web (non è roba mia!)
Volete mandare una maledizione potente a qualcuno, fargli dare le testate nel muro, portarlo alla perdizione? Lasciate da parte bamboline vodoo, esorcismi e pozioni wannamarchesche apportatrici di negatività. Mandategli a casa i muratori. Non c'è verso, sia che decidi una pur minima sistemazione o che il tuo vicino di sotto denunci una perdita dal soffitto, ariva il Giorno del giudizio, l'Armageddon finale in cui apri la porta e la schiera dei dannati passa sul tuo corpo, inutile sbarramento al maligno e penetra irrimediabilmente nella tua intimità. Comincia così il vortice malefico che ti trascina in un gorgo senza fondo da cui è impossibile sfuggire. Intanto la macchia di umido c'è, quindi non se ne esce, bisogna spaccare. L'appuntamento è per il primo mattino e già questo basterebbe a tritare l'umore del pensionato vagotonico che non riesce a ragionare prima delle 10 della mattina, perchè se le canaglie si sono annunciate per le 8 in punto, ti devi levare alle 7 per rassettarti alla meglio per arrivare ad essere vigili al momento dello sbarco.

Naturalmente poi, la prima pattuglia di incursori non arriva appunto che alle 10, perchè si sa, gli impegni sono tanti e si fa quel che si può. Anche se hai provveduto a liberare l'ambiente da tutto il possibile, lo spazio non basta mai e tra attrezzi, cavi, picconi e trapani, oltre a sacchi di materiale che spandono polvere mefitica per tutta la casa comincia lo scavo del tunnel della TAV, che essendo stata stoppata in val di Susa deve forzatamente utilizzare uomini e mezzi da qualche altra parte. Subito viene estirpata a forza la tazza, che diventerà di colpo inservibile, tra ghigni di disapprovazione delle maestranze che buttano un occhio nella voragine crollando la testa e scambiandosi segni d'intesa. Qua è tutto vecchio, marcio, per forza che perde, bisogna senz'altro rompere tutto, bombardare, rifare da capo a piedi, sempre sperando che non si trovi di peggio e gettano gli occhi al cielo, invocando chissà quale santo protettore. Intanto tra scavi, trapani e tagli di piastrelle, nell'aria si spande un polverino sottile che ti impasta i denti di un sapore allo stesso tempo insano e carezzevole, come quando bambino venivo avvolto, a bagno finito da odiate nuvole di borotalco fastidiosissimo. I lavori comunque procedono con pause e laschi da incubo.

Capirai bisogna coordinare muratori e idraulici, due specie che probabilmente si odiano e si respingono per natura e sono impossibilitate a operare in coordinazione, forse dalla genetica che li ha resi incompatibili come tempistica. E bene va che non c'è bisogno degli elettricisti, diversamente il bailamme sarebbe totale. Marcano il territorio alternandosi, fiutando il lavoro di chi ha appena lasciato il campo e rilevandone gli irrimediabili errori appena compiuti che costringono ad accumulare altri lavori malfatti, ma sempre a causa dei precedenti. Ognuno dei due animali tiene comunque d'occhio la sua preda, anche se sa bene che alla fine se ne spartiranno le spoglie. Ce n'è sia per le iene che per gli sciacalli, basta saper aspettare il turno. Intanto i ritmi del povero pensionato, a cui i multiformi ed inderogabili impegni sono stati ormai sconvolti irrimediabilmente adegua la sua vita i cui ritmi circadiani proseguono ormai in funzione dei lavori in corso. La perdita è individuata, forse, ma tutto è sempre in grembo a Giove, speriamo che sia questa. Allora si procede con la sostituzione di braghe (i pantaloni non c'entrano, quelli bisognerà calarli solo alla fine) e tubi vari e dopo altre levatacce infami ricominciano finalmente le opere murarie di ripristino.

Naturalmente non ci sono più piastrelle idonee e vengono suggerite toppe fantasiose, ché in ogni muratore c'è l'anima dell'architetto. Alla fine non hai più le forze per controbattere, fate quello che vi pare, non posso mica morire, basta che mi rimettiate 'sto maledetto water. Calma, calma, ci vogliono almeno due o tre giorni perché il lavoro si asciughi, non vorrà mica mandare tutto in vacca? Ho capito, maledizione, ma se con lungimiranza non avessi investito la mia liquidazione in un secondo bagno, come la risolvevo? Per una settimana andavo al bar qui sotto o dovevo farla nel vaso e andare poi a riporla nei cassonetti in cortile, che non è neanche bello con tutti che ti guardano dai balconi! Fate quel che vi pare, ma vi avverto che se a bocce ferme, la tazza non è posizionata in modo che l'asse rimanga alzato, faccio un macello. Per ora se ne sono andati facendo spallucce e lasciando montagne di macerie e polveri coperte dalle attrezzature per il traforo.



Se ti è piaciuto questo post, ti potrebbero anche interessare:
 
Barometro d'ascolto.
La vita è un casino.
 
 
 

12 commenti:

Ambra ha detto...

Il tuo racconto è esilarante. Ho le lacrime agli occhi dal ridere. Ma anche se appena un pochino "esasperate" le scene da te descritte corrispondono a qualcosa di già penosamente da me vissuto.
E per il futuro purtroppo potrebbero ripetersi.

Anonimo ha detto...

Caro Enrico, ho appena letto un pezzo da antologia dell'umorismo. Marilena ha ricordato i tempi della ristrutturazione dei ns bagni quando, esasperata,a metà lavori,cacciò i muratori! Io volevo cacciare Lei ma infine quelli ritornarono,famelici di denaro e ammasnsiti!GLM

Angelo azzurro ha detto...

Gran brutta situazione!
Fortuna che è toccato a te e non a me!!! :O)))
Ciao Enrì, porta pazienza, va! Fortuna che hai il secondo bagno

enrico ha detto...

@Ambra - prova a sciogliere un kilo di sale dentro una pentola, se non si scioglie tutto hai una forte negatività e i muratori potrebbero ripresentarsi all'improvviso. Potrei togliere il malocchio io, ma costa... Fammi sapere.

@Gian - Guai a cacciarli sono come i morti viventi, ritornano con le bave alla bocca. Io li aspetto domattina nuovamente per finire. Non so se dormirò stanotte.

@Angy - Noi ricchi ce la caviamo sempre.

Adriano Maini ha detto...

So di persone che con le manutenzioni hanno pagato una seconda volta il loro appartamento!

astrofiammante ha detto...

su su prendila con filosofia, avrai una tazza nuova fiammante, un pavimento all'avanguardia in fatto di grafica e comunque qualche giorno in compagnia di persone che sapranno metterti alla prova con te stesso in fatto di di nervi saldi, ne uscirai forte e temprato ^_________^ ciauzzzzzzz

laura ha detto...

e ti e' andata ancora bene se non hai incocciato l'impresa londinese geniale che ha pensato di fare i bagni attaccati a una pompa anziche' alla fognatura, coem e' successo nella casa che dovevamo comprare... Per fortuna il consulente se n'e' accorto e ci ha evitato incubi futuri che avrebbeto potuto essee davvero esilaranti (da fuori...). Come vedi tutto il mondo e' paese.
Se ti consola comunque io ho l'ennesima perdita dal terrazzo che mi costringera' a rompere di nuovo; ormai ci ho fatto il callo.

Dottordivago ha detto...

Va bene tutto il resto ma non ti incaponire sull'obbligatorietà dell'asse alzato: far pipì seduti è una delle più grandi conquiste dell'uomo, inteso come maschio.

enrico ha detto...

@Adri - Io ci sono vicino, grazie della comprensione.

@Astro - Sì, intanto oggi dovevano portare la tazza e non si è visto nessuno, ma se non avessi un'altro bagno?

@laura - benvenuta nel club

@Doc - Vero, d'altronde è una delle tre indicazioni del Taoismo.

Sandra M. ha detto...

E quando la sera se ne vanno , tu ti metti a tavola. Magari hai un bel piatto di minestrone? Ti ritrovi la polvere di calcinaccio nel cucchiaio.
Ohi, ohi,...se mi concentro la sento ancora.
In bocca ... al muratore, Enrico!

enrico ha detto...

@Sandra -accidenti allora non era la curcuma!!!!

massimo ha detto...

siccome tutte le volte che vengono da me, che si tratti di elettricisti, idraulici od altro si lamentano pesantemente dell'imperizia di chi ha effettuato il lavoro precedente, all'affermazione "ma qui è tutto sbagliato, ma chi le ha fatto questo lavoro, guardi qua", un amico mi ha consigliato di ribattere: "l'ha fatto mio fratello l'anno scorso, e morto da qualche mese". Pare che dopo questa risposta balbettino imbarazzati.

Where I've been - Ancora troppi spazi bianchi!!! Siamo a 102 (a seconda dei calcoli) su 250!