domenica 20 maggio 2018

Moldova 2 - La partenza

Moldova - Una tipica casa di campagna





Finestre
Ma adesso è ora di andare sul dettaglio, se davvero vogliamo partire per questa nuova ed inconsueta meta. Fate un piccolo sforzo viaggiatori e aspiranti tali, ma la porta è aperta anche ai normali turisti, che vogliano magari partecipare in car pooling, visto che vogliamo considerare questo, come un viaggio anche low cost. Dunque dirigiamoci verso Orio al Serio che è l'aeroporto, tra quelli milanesi, che ormai dobbiamo considerare come base per questo genere di compagnie. Sulla pista vedi infatti soltanto aerei Ryanair, che evidentemente ne ha fatto il suo hub italiano, condizionandone anche lo stile. Giustamente lo scalo, sebbene abbastanza nuovo, offre una facciata di confusionario affollamento. D'altra parte cosa volete pretendere da aerei che decollano per pochi spiccioli se non il risparmio assoluto su ogni possibilità di taglio dei costi di base. La filosofia è semplice per le compagnie cosiddette no frill, noi anziani diremmo senza fronzoli, noi ti facciamo volare e basta, tutto il resto che esula dall'obbligo di far stare su l'aereo, se lo vuoi lo paghi a parte, se no te lo fai da solo e io risparmio, in personale, materiali, spese di servizi aggiuntivi, tasse. Quindi niente cibo o acqua a bordo (e se uno stesse soffocando, mi chiedo sempre, devi prima tirare fuori la carta di credito per avere un bicchiere di qualunque bevanda?), il checkin te lo fai da casa, niente bagaglio in stiva e così via, niente stampa del boarding pass (così non tagliamo alberi, c'è anche la strizzata d'occhio di scuse pseudoecologiste) e via discorrendo. 

La cascata nel bosco al monastero di Saharna
Certamente ci sta tutto in cambio di un prezzo del biglietto più leggero che consenta alle legioni di nuovi fruitori di accedere alla scaletta del velivolo, comunque nuovo (per forza, quelli di nuova generazione consumano meno), ma coi sedili ammucchiati e non reclinabili e a prova di ginocchio. Tutto previsto e accettato ovviamente, tuttavia la sensazione di uno scalo traghetti per isole minori te lo devi digerire e l'aeroporto cessa di essere quel luogo magico ed esclusivo che ti lanciava verso il cielo, in un mondo ovattato e senza rumori in cui una signorina  sorridente (lei stessa una privilegiata), si chinava verso di te con dolci sussurri per non turbare il tuo riposo offrendoti continuamente gadget e vivande che rendessero piacevole quel tuo momento fuori dal mondo reale. Adesso invece devi accettare, anche tu complice della bramosia di risparmio, che una poveraccia reclutata a stipendi da terzo mondo e con orari di lavoro da turnista di fonderia, ti si rivolga solo per proporti cose e servizi a pagamento che siano funzionali a coprire credo interamente il suo magro stipendio. Non ero mai partito da Bergamo ed effettivamente bisogna dire che il popolo, moltissimo, che si muove in questo spazio ormai ristretto ed affollatissimo è fatto da ragazzi scanzonati, generazione Erasmus, che hanno ormai sostituito il modello Interrail di qualche tempo fa, di pochi turisti zaino in spalla e pochi soldi in tasca e legioni di lavoratori, anzi lavoratrici, con occhi bassi e un poco tristi che riescono in questo modo a tornare all'abbraccio delle proprie famiglie, guadagnando qualche ora in più con la sostituzione del bus carretta che lasciava le nostre stazioni dirigendosi verso l'est dell'Europa. 

Saharna
Al gate di partenza un'unica ragazzotta cerca di arginare come può l'orda che spinge e cerca di mettersi in buona posizione per arrivare al bus che ti porterà alla scaletta. Calma i più agitati, divide la massa dei normal dai priority (con qualche euro in più puoi pagare l'opportunità di sederti vicino al tuo compagno e di arrivare per primo ad accedere al prezioso spazio nelle cappelliere), litiga con tutti quelli che cercano di portare masserizie anche di pochi centimetri fuori della misura consentita da quella tariffa (certo tutto è poi concesso basta pagare una piccola differenza, capirà è il nuovo concept delle tariffe di volo!), mette in riga e determina le precedenze, controlla quello che una volta era il boarding pass e che adesso è di tutto e di più, dal pezzo di carta volante, mal stampato dalla mia attrezzatura casalinga che la macchinetta neppure riesce a leggere, a quelli immateriali mostrati sui telefonini, che una volta sono scarichi, l'altra non prendono, attraversando tutte le gamme di malfunzionamenti di una tecnologia che specialmente l'anziano e la badante che dovrebbe accudirlo, non hanno ancora digerito. Insomma una bella confusione a cui però questa folla dolente si è ormai abituata, tanto sa che alla fine tutti saranno caricati e tutto questo è soltanto un'ansia comprensibile portata dalla situazione. Di fianco a me Viorica, con i capelli biondo slavato e un grosso fazzoletto attorno al collo, un po' spintonata da qualche sua connazionale dal trucco pesante, mi rivolge un sorriso triste girando in su i suoi grandi occhi azzurri: "Ci vuole pazienza, abbiamo tutte fretta di arrivare a casa dai nostri figli" e nella sua espressione leggi la malinconia di un mondo che deve lasciare i suoi affetti lontano, per mesi o per anni, figli, mariti e genitori, per sopravvivere o solo per vivere un po' meglio, perché le è toccato nascere in un posto sbagliato o che, non per causa sua, è diventato sbagliato, cosa che potrebbe capitare a chiunque di noi. Basta un attimo, una situazione esterna imprevedibile o l'arrivo di barbari che mandino tutto in rovina, con poche decisioni avventate ed economicamente catastrofiche. Insomma anche il solo spostamento per raggiungere la meta che ti sei scelto, fa parte del viaggio e può dare tanti spunti di riflessione, mentre l'aereo si infila tra le nubi e gira verso oriente, dove quella voce ammaliante che mi rimbomba intesta, mi richiama sempre con costante insistenza. 

La stazione ferroviaria di Chisinau


SURVIVAL KIT

Voli - Oltre ad Air Moldova, sono disponibili i collegamenti della low cost Wizzair con prezzi attorno ai 50/60 Euro a tratta a seconda dei giorni, in partenza tutti i giorni da Orio al Serio. Durata 2:10 h. Io ho volato Lunedì 14 con W63796 -18:05 - Ritorno Venerdì 18 W63795 - 15:55. Parcheggio Parkorio a 10 min. 23 Euro per i 5 gg.


Chisinau - I nuovi edifici

Se ti è piaciuto questo post, ti potrebbero anche interessare:

Nessun commento:

Where I've been - Ancora troppi spazi bianchi!!! Siamo a 108 (a seconda dei calcoli) su 250!