venerdì 11 marzo 2011

Quǎn.


Come si diceva nelle balere della mia giovinezza, "a gentile richiesta" esaminiamo oggi l'ideogramma "Cane". Come molti altri pittogrammi di quadrupedi (cavallo, maiale, drago, tigre) il segno raffigura l'animale rampante visto dal lato sinistro. Il segno, che nella stilizzazione moderna (e ancora di più nella semplificazione usata nei composti) è meno evidente, viene bene chiarito dalla sua evoluzione a partire dal primo di oltre 4000 anni fa, che vedete nella serie. Il cane viene dunque rappresentato eretto sulle zampe posteriori mentre fa le feste con la bocca aperta. Vi ricordo che il cane è l'undicesimo segno dello zodiaco cinese, le cui caratteristiche, sono ovviamente intelligenza, fedeltà, grande moralità, attitudine a proteggere i deboli, ma carattere influenzabile. L'ultimo anno con questo segno è stato il 2006. Il carattere è usatissimo negli ideogrammi composti, sia nella forma completa che come radicale semplificato.


Ad esempio ponendolo dopo il segno di bocca abbiamo ovviamente: Abbaiare - Fèi - 吠 ; inserendo il segno di Parola tra due cani (uno intero e uno ridotto) abbiamo Prigione - Yù - 狱 , in quanto in tribunale quando due persono si azzuffano verbalmente come due cani si finisce con la prigione (almeno lì è così); ponendo sopra al cane due bocche si ha : Guaire, piangere. lamentarsi - Kū - 哭. Infine ponendo dopo il cane il carattere di Bocciolo abbiamo Trasgredire, infrangere, offendere - Fàn - 犯 rendendo l'idea di cosa può fare un cane libero in una aiuola fiorita. Il pittogramma è molto elegante e si dice che Confucio lo ammirasse moltissimo usandolo nei suoi esercizi di calligrafia. A quei tempi era un animale piuttosto raro, come oggi del resto, anche se dopo la campagna di Mao che lo aveva praticamente fatto scomparire come gli altri animali "mangiatori ad ufo" , oggi è molto trendy presso i cinesi ricchi avere un cane, assurto ormai a status simbol di benessere all'occidentale. Non state a preoccuparvi troppo della faccenda che da quelle parti i cani si mangino. In realtà è una cosa piuttosto rara, anche se già segnalata da Marco Polo (ne parleremo). A me, in 20 anni non è mai stato offerto e credo che bisogni andare in appositi ristoranti specializzati. Anche se una volta, l'amico a cui chiedevo che carne fosse quella che avevo nel piatto, mi rispose: "Se buono, mangia e non chiedere".



Se ti è piaciuto questo post, ti potrebbero anche interessare:





4 commenti:

Ambra dB ha detto...

Sono da un po' latitante per mancanza di tempo. Allora sono passata almeno per un saluto. Buona giornata.

cristiana2011 ha detto...

Grazie Enrico, balere o no, sei un gentiluomo.
Da sempre, il mio scarabocchio d'attesa' è il muso di un cane; ora mi eserciterò e ci disegnerò accanto il pittogramma.
Grazie
Cristiana

ParkaDude ha detto...

Confermo, più che altro si può trovare cane nel Guangdong, ma solo in alcuni ristoranti. Ricordo però a Meizhou (città anonima e sconosciuta) le gabbie nel vicolo del mercato sotto la mia finestra con gli animali da macellare: polli, oche e cani.

enrico ha detto...

@Ambra - è sempre un piacere sentirti, buon WE

@Cri - Davvero mi ha fatto un piacere, anzi se qualcuno avesse qualche curiosità in argomento (se saprò farlo) lo si farà più che volentieri.

@ParKa - Infatti e non credo che i cinesi ci vadano gran che matti, più che altro è una curiosità.

Where I've been - Ancora troppi spazi bianchi!!! Siamo a 102 (a seconda dei calcoli) su 250!