venerdì 15 luglio 2011

Chiedere la fiducia.

Avere o chiedere la fiducia a prescindere può essere anche un fattore genetico per qualcuno, ma in generale credo di più all'influenza dell'ambiente. Così io non ritengo di essere malfidente per natura, ma so perché questo dono mi è negato e voglio sempre controllare prima. Penso che tutto sia nato da un fatto specifico che, mentre sale la calura mattutina, voglio provare a raccontarvi. Avevo attorno ai cinque anni, ero un bel bimbo pacioccoso, gioia della sua mamma che come tutte, era soprattutto preoccupata di mantenermi in buona salute. Le curette "ricostituenti" che mi venivano somministrate in via preventiva avevano di certo contribuito a non configurare la struttura del bambino patito con le ginocchia ossute che andavano per la maggiore in quel periodo, tuttavia non riuscivo ad evitare, durante gli inverni che, come è noto erano assai più rigidi degli attuali, una sorta di fine glaciazione insomma, di beccarmi fastidiosi mal di gola ad ogni refolo di tramontana. La mia mamma guardava con orrore le placche bianche che avevo in gola, infine decise che il medico dovesse dire la sua. A quel tempo girava un'altra moda. A tutti i bambini bisognava tirar via le tonsille, fonte probabile di tutti i mali. Ecco dunque il luminare, che molto mi impressionò con con una specie di parabola lucente con lampadina centrale che teneva accesa sulla fronte mentre mi guatava in bocca come un lupo in cerca di preda.

- Eh, questo bambino avrebbe bisogno di mare - borbottò mentre la genitrice si incupiva sapendo che non mi ci poteva mandare. - Comunque qui bisogna togliere queste tonsille e già che ci siamo anche le adenoidi che sono solo un fastidio! - Ordinò con fare spiccio. La condanna era ormai passata in giudicato anche se io non avevo la minima cognizione di cosa volesse dire. Naturalmente ci si prese ben cura di non farmi sapere quale fosse il mio destino ed un bel giorno eccomi varcare per la prima volta la soglia dell'ospedale, avendo io provveduto a nascere direttamente a casa come si usava a quei tempi, a guerra appena terminata in cui i padri temevano soprattutto che i pargoli venissero scambiati in culla con altri di colore, lasciati in dono dalle truppe di passaggio. Ogni epoca ha le sue leggende metropolitane. Nella mia ingenuità non avevo capito cosa stessimo andando a fare, ma, essendo stato indottrinato al fatto che non ci fosse nulla di pericoloso, mentre al contempo era lasciato intendere che successivamente ci sarebbe stata grande abbondanza di gelato, mi lasciai condurre fiducioso e privo di timori.

Dopo una breve ed inconsapevole attesa, anche se i grandi stanzoni non erano positivi in sé, fui preso da mani adunche, anche se accompagnate da voci fintamente carezzevoli come quelle delle streghe dei cartoni animati, a cui però, io, poverino non avevo ancora contezza. Anche questa fu dura lezione che la conoscenza è importante nella vita. Seduto su un seggiolone, privo della rassicurazione delle braccia materne che disperatamente cercavo, guardandomi intorno spaurito, colto dalla sindrome dell'abbandono, cominciai a preoccuparmi seriamente, circondato da quei camici bianchi che non promettevano nulla di buono mentre il ciglio cominciava ad inumidirsi anche se il singulto tardava a venire. Ero un bambino timido. La figura temibile ma allo stesso tempo rassicurante di una grassa suora baffuta prese però forma incombente davanti a me e suadente e melliflua si avvicinò, come il poliziotto buono, scostando i cattivi figuri che mi circondavano e tenendo tra le mani un arnese lucente di acciaio. - Che bravo bambino. - mentì - Apri la bocca che mettiamo questa cosa, che così il dottore ti fa la fotografia.- Come è facile carpire la fiducia di un bimbo; mi lasciai andare alla dolce malia ritrovandomi di colpo tra i denti una mordacchia metallica che mi teneva le ganasce dolorosamente spalancate e il resto del corpicino immobilizzato da cinghie.

Senza fiato per la paura, prigioniero dell'orco che si avvicinava ghignante con orribili strumenti tra le mani, non ebbi nemmeno la forza di gridare mamma, anche perchè la maschera di ferro me lo inpediva. Ero impotente, che sensazione tremenda ed indimenticabile. Come Marocelli allo Spielberg, privo di anestesie, come evidentemente si usava (spero che non fosse una atroce malizia nei miei confronti), sentìi qualcosa che entrava nel fondo della mia gola per afferrare e strappare via le mie tenere ghiandole. Più volte andò e ritornò, come il nibbio rapace che divorava il fegato di Prometeo, finché fu sazio finalmente, ebbro della mia carne giovane e del mio sangue innocente. Quando mi liberarono, urlavo come un lattonzolo scuoiato e credo, poichè a quel punto i ricordi si fanno confusi, la pattuglia dei sadici se ne andò, abbandonandomi, misero sacchetto svuotato di forze a furia di gridare, nelle braccia della mamma a cui mi affidai in un deliquio rancoroso e colpevolizzante. Nei giorni successivi fui probabilmente insopportabile e impegnato soprattutto a incistare nella mia psiche una malfidenza ragionata che sarebbe stata mia futura compagna. Il gelato ci fu e in grande quantità. E questa fu cosa buona.


Se ti è piaciuto questo post, ti potrebbero anche interessare:
 
 
 
 

13 commenti:

cristiana2011 ha detto...

Anche a me strapparono le tonsille a tradimento le infide bestie.
Ebbi pure un'emoraggia e del gelato me ne fregai, perchè a quell'epoca mangiavo poco -niente.
Cristiana

Anonimo ha detto...

tragicomico il racconto dell'operazione alle tonsille,Ho avuto anch'io la stessa esperienza ma in altra età,verso i quindici anni.Sapevo benissimo a cosa andavo incontro perchè alcune amiche mi avevano avvisata ma... tant'è arrivò il fatidico momento.Fui ricoverata il giorno precedente in clinica (Salus per la cronaca,allora vi abitavo di fronte)
per accertamenti e analisi preventive La sera mia sorella e Luisella Invernizzi vennero a trovarmi come si va da un condannato a morte portandomi ogni genere di conforto e alla fine suggerendomi di fuggire nella notte ,quando la sorveglianza era meno stretta.Apprezzai il loro interessamento ma decisi di restare impavida a subire il martirio come esattamente avvenne il giorno seguente.Infatti l'improvvido medico non calcolò esattamente il quantitativo di etere necessario ed il risultato fu un risveglio improvviso nel pieno dell'operazione con il chirurgo coperto di sangue che cercava di imbonirmi.Lo spavento avuto mi provocò alla sera una perdita di coscienza momentanea senza conseguenze.Ma il colmo fu quando le due befane citate precedentemente ( mia sorella e Luisella) iniziarono a
dirmi -Te lo avevamo detto di fuggire nella notte ecc.. ecc...- Presa da ira funesta come il pelide Achille lanciai contro di loro un anatema terribile cacciandole dalla stanza e poi mi addormentai felice e contenta (come si diceva in ogni finale di tema alle elementari) dopo la faticosa giornata trascorsa.Come vedi anch'io ho i miei trascorsi tragici.Ti saluto definitivamente perchè domani parto ,Tu continua ad inviarmi il tuo insuperabile ed impareggiabile blog,non patire troppo il caldo,bevi molto ,nutriti esclusivamente di frutta e verdura tanto non patirai di certo.A presto
Paola

enrico ha detto...

@Cri - Era una congiura di predatori di tonsille.

@Paola - Buone vacanze. Certo che anche con l'etere è stata una bella avventura. Per la frutta ormai vado a prenderla col furgoncino!

Martino ha detto...

Tutti ci risvegliavamo dall'etere prima che quella mano assassina terminasse il suo truce lavorio

enrico ha detto...

@marti - ma a me neanche l'etere accidenti!

Martino ha detto...

Più che altro, intendevo dire che, da bravi concittadini, la mano assassina era quasi sicuramente la stessa.

Ed anche la suora coi baffi

enrico ha detto...

@marti - Scusa mi era sfuggito, ma erano SICURAMENTE gli stessi!!!!!!

dony ha detto...

Io penso che sarei diventata una serial killer, dopo tale esperienza traumatizzante.
Il gelato sara' stato ben magra consolazione!
Un caro saluto.
Dony

ParkaDude ha detto...

Leggere il tuo post mi ha fatto venire in mente mia madre, cui tolsero le tonsille negli anni '60. Fu più fortunata perché la addormentarono, prima. Però, poi, niente gelato per colpa di uno stomaco prono agli "acetoni"...

enrico ha detto...

Dany - Però da allora sono diventato gelato dipendente

@Parka - Da addormentato è un'altra cosa, ma come mai adesso le tonsille non le tolgono più?

Anonimo ha detto...

Caro Enrico, devo dire anch'io la mia : non ricordo grandi dolori o traumi nella mia operazione ma certo una grande delusione : quel giorno il mitico Cercenà chiuse per ferie invernali ! !
Gianna

maaleeesh ha detto...

credo che anch'io avrei sviluppato una certa diffidenza verso tutti al tuo posto.
a me non le hanno tolte le tonsille ma ho un ricordo sgradevole legato a loro. non riuscivo a capire perche' io entravo in ospedale per il mal di stomaco spesso e volentieri, e mia cugina, che era l'unica volta che ci entrava, lo faceva per mangiare il gelato. :D

enrico ha detto...

@Gianna - Colpa tua che le hai fatte d'iverno quando il più grande gelataio del mondo sta chiuso!!!

@Maal - Questa del gelato era poi l'unica consolazione...

Where I've been - Ancora troppi spazi bianchi!!! Siamo a 102 (a seconda dei calcoli) su 250!