martedì 3 marzo 2015

Raid da sognare



Ogni tanto mi piace trastullarmi e sognare. Un tempo mi sarebbe piaciuto avere cose, poi sognavo di riuscire a combinare qualcosa di concreto nel lavoro, anche se non proprio diventare capo del mondo. Col passare degli anni, le cose, se non come strumenti, mi interessano sempre di meno e per quanto riguarda il successo ho dovuto constatare senza amarezza che si ha generalmente il corrispettivo del proprio valore o dello spessore del proprio pelo sullo stomaco, poco di più, poco di meno. Così ultimamente i miei desiderata si limitano alle possibilità di realizzare cose impossibili. Nei tempi morti tra un aereo e l'altro avevo già stilato un elenchino comprendente una trentina di mete per weekend lunghi, altrettante locations per una settimana di evasione e almeno una ventina di viaggi da un mesetto. Tutta traguardi minimi per un tempo che si sta accorciando a vista d'occhio, lasciandomi in grandi ambascie e preoccupazione. Tra l'altro mi è capitata sott'occhio questa mappa con 10 itinerari magici. 

Di qualcuno ho già percorso qualche tratto isolato, da San Paolo a Rio, la ruta Maya, parte della route 66, quasi tutto il tratto Spagna-Nordkap, diversi pezzi africani, una parte di transiberiana, larghi tratti della route des Indes e dell'itinerario indocinese, ma altra cosa è farli come target deciso. Ci vorrebbe uno sponsor, accidenti, neanche quello sono riuscito a mettere insieme. Beh allora avrei pensato decisamente più in grande. Immaginate un loop eurasiano, diviso in tre tratte. Alessandria-Pekino attraverso il centro Asia e la via della seta, Pekino - India, attraverso tutta la Cina, l'Indocina e traversata himalayana. Infine Delhi - Alessandria attraverso l'unico itinerario ancora aperto della route des Indes, percorrendo Iran e frontiera turca. Tre mesetti ogni tratta, da fare anche in tre anni successivi. Ci vorrebbe un bel fuoristrada ogni due persone partecipanti, il tempo a disposizione e un bel po' di danari, diciamo almeno 10.000 euro a coppia e a tratta, più le auto preparate. Per l'organizzazione, tutto sotto controllo. I mezzi si lasciano in loco per la tappa successiva, avrei già anche chi ci può pensare laggiù. Se qualcuno ha dei soldini da investire si faccia avanti, intanto lasciatemi sognare.


Se ti è piaciuto questo post, ti potrebbero anche interessare:

5 commenti:

Paolo nullo Pedone ha detto...

Lascia che io — camminante sedentario che si cammina, ormai vecchio, nel mezzo degli accade — invidi di piacere il sogno che tu porti e che tu sei

Enrico Bo ha detto...

@paolo - canuti invidiar c'è proprio. Altri fanno faranno che solo ossa lasciamo.

carmen ha detto...

bellissima idea, ma io personalmente la posso solo sognare ,

diego ha detto...

chi guida..?

Enrico Bo ha detto...

@carmen - purtroppo anch'io

@Diego - se trovi lo sponsor, guido io senza problemi

Where I've been - Ancora troppi spazi bianchi!!! Siamo a 104 (a seconda dei calcoli) su 250!