venerdì 15 maggio 2009

Al fin la premiazione

Oggi corre l'obbligo di por fine al concorso a premi intitolato Forteza Genovese. Ebbene, come giustamente indicato da Laura, il luogo si trova in Ukraina, più precisamente in Crimea, sulla costa del Mar Nero, tra Feodosia e Yalta nei pressi della cittadina di Sudak. E' anche vero che, come ha confessato Laura stessa, in tempi di internet non è difficle svelare l'arcano, ma mi sarebbe piaciuto che si arrivasse a tanto solo se, bruciate tutte le possibilità della conoscenza pregressa e tuttavia morbosamente interessati a giungere alla soluzione, si considerasse questa alternativa come l'ultima spes. Così è stato e non me ne dolgo, a riconferma dell'utilità e della bontà del mezzo per arrivare al fine. Ovviamente mi avrete scusato se ci ho messo alcuni giorni per esaminare tutte le risposte, valutare le sfumature delle varie proposizioni, prima di decidere il vincitore definititivo. Ebbene habemus papam finalmente e questi è la stessa già citata Laura che, pur essendo stata l'unica concorrente (devo ammettere un minimo di delusione) ha indicato con precisione la location in questione. E' una bella cinta di mura ben conservata a guardia della costa, eretta dalla Repubblica di Genova nel XII secolo a difesa dei mercanti e base commerciale, evidentemente allora assai frequentata, date le dimensioni. Di qui passarono certamente i fratelli Polo nel loro primo viaggio, come descritto nel Milione. Un avamposto di Europa in terra di barbari predoni (vero Ferox?) dove l'acume e l'arguzia italiana facevano quello che gli Italiani hanno sempre saputo ben fare, vendere a tutto il mondo le eccellenze prodotte dalla loro capacità ed intelligenza. Questo è sempre stato l'unico modo per allontanare la decadenza. Ricerca del nuovo, produzione di qualità, capacità di illustrare e vendere il proprio prodotto. Meditate gente, meditate. Ma bando alle ciance, si assegni quindi il premio virtuale mostrato dall'immagine a Laura che lo ha ben meritato, anche solo per la voglia di lasciare un commento (ho notato una certa pigrizia in tale senso tra i miei lettori; ragazzi non mi fate un dispiacere se lasciate qualche osservazione, arricchirebbe il dibattito). Non posso quindi assegnare secondo ed il terzo posto, che avrebbero avuto diritto ad una cucchiaiata di prodotto, per mancanza di concorrenti. A questo proposito, segnalo un problema a chi di dovere, nel mastellino di Nutella da 5 KG sunnominato. Quando si supera la metà del contenuto, diventa difficile pescare nel magma pastoso, non dico col dito o col tocco di pane, ma anche con il cucchiaino, rendendo necessario ad una più agevole pescaggio, quanto meno un cucchiaione dal manico allungato (da affogato per intenderci) o quanto meno un lungo grissino (ma di dura consistenza al fine di evitare una sgradevole rottura con conseguente abbandono nelle sabbie mobili odorose, indicherei il rubatà di Chieri come idoneo alla bisogna), pena l'imbrattamento della mano lungo le pareti laterali, che necessiterà quindi per essere forbita di un complesso anche se non sgradito lambimento circonferenziale. Mah, son problemi, comunque io li pongo, ai tecnici il cercare la soluzione. Potrei suggerire di allegare alla confezione un attrezzino apposito dal lungo manico ricurvo, ricavabile col tappo in fase di stampaggio? Che ne dice Davide il mago dello stampo?

2 commenti:

Laura ha detto...

Sono molto fiera di essere arrivata uno... anche in assenza di un due! Purtroppo non mi piace la Nutella, ma essendo virtuale non è un gran male, posso sempre far venire l'acquolina al consorte.
Quanto ai meriti dell'ingegno italiano giusto poco dopo mezzanotte ho avuto notizia da Stefano che Lorenzo è stato accettato alla Cooper Union, la più prestigiosa mecca dell'architettura con sede nella grande mela. Ancora più esaltante del premio di Nutella...

Anonimo ha detto...

..vista la grandissima produzione della succitata delizia, potrebbe essere possibile ed economicamente vantaggioso realizzare uno stampo simile a patto di essere asservito da un'adeguata automazione che chiederei di realizzare al mio amico Lucio .....Lucio, BTW, è il direttore commerciale dell'azienda che automatizza le linee del Sig. Ferrero....Davide

Where I've been - Ancora troppi spazi bianchi!!! Siamo a 104 (a seconda dei calcoli) su 250!