venerdì 3 marzo 2017

Malaysia nel mirino




Bene, col Madagascar siamo arrivati alla fine e penso ne abbiate abbastanza, è ora di dedicarci ad altro. Per la verità è già quasi un paio di mesi che sto lavorando alacremente con l'amico Pierangelo alla preparazione del prossimo viaggio che avrà una meta molto suggestiva: Malaysia, Sarawak, Sabah e Brunei. Nomi esotici, fascinosi e carichi delle suggestioni salgariane della mia giovinezza. Sarà un viaggio per me importante perché mi consentirà anche di completare un paio di vezzi maniacali, propri di molti maschi italiani e squisitamente collezionistici (e da molti veri viaggiatori giustamente criticati) che poco hanno a che vedere con le smanie del viaggiatore deprivato che invece dovrebbe occuparsi soltanto del godimento delle potenzialità di un luogo, delibandosele con lentezza e senza altri pensieri. Infatti questo viaggio mi consentirà di completare l'area dei paesi del sud est asiatico a me particolarmente cara e contemporaneamente, di superare di slancio il numero rotondo dei 100 paesi visitati, un risultato che da tempo mi attizzava raggiungere. 

Ridete, ridete, ma è così. Comunque come sempre, preparare un viaggio fai da te di questo tipo, è piuttosto impegnativo e faticoso e se non fosse che per me è una cosa divertente e parte integrante del viaggio stesso, direi che bene fanno coloro che la demandano, pagando, a dei professionisti. Ho cominciato a leggermi sul web tutte le relazioni di viaggio che ho potuto trovare, molto delle quali di estremo interesse per consigli pratici e indicazioni sui punti di maggiore interesse. Poi rimanendo in agguato per un po' di tempo, ho trovato voli a prezzi interessanti, inclusi quelli per gli spostamenti locali, che farò con Air Asia, una low cost locale che effettua una marea di collegamenti per località periferiche a prezzi stracciatissimi. Vi saprò dire poi circa la sua validità. L'itinerario si dipanerà quindi per un paio di settimane nella penisola di Malacca e per un altro paio nella vasta zona del Borneo malese. Come al solito il tempo sarà insufficiente per vedere tutte le cose di interesse di questa zona e fare tutte le esperienze che varrebbe la pena disvolgere, ma pazienza me ne farò una ragione come al solito, pronunciando alla fine il solito mantra, ah, se avessi avuto una settimana in più. 

Comunque ho deciso, per la prima parte, quella continentale, di affittare con Rental car un'auto e di girare in completa autonomia per godere di maggiore libertà e variare l'itinerario in corso d'opera, per cui non ho prenotato alberghi. Le strade, controllate con Street view di Google map sembrano molto buone e per la guida a sinistra, vuol dire che ci starò attento. Per la patente internazionale vi ho già relazionato ieri. Per il Borneo invece il programma dovrebbe essere più preciso, con molti spostamente aerei date le distanze, ma mancano ancora le prenotazioni di hotel, vedremo di pensarci eventualmente nei prossimi giorni. La ragione del post vorrebbe anche essere una richiesta di aiuto a tutti quelli che abbiano esperienza di queste aree, per cui ringrazio anticipatamente tutti coloro che vorranno mandarmi nei commenti qualche indicazione (posti imperdibili, cautele, punti da evitare, tips di viaggio, ecc.). Per il momento vi allego una mappa dell'ipotesi di spostamento nella parte peninsulare, con un itinerario ipotetico di circa 1700 km. Grazie a tutti.



Se ti è piaciuto questo post, ti potrebbero anche interessare:


Nessun commento:

Where I've been - Ancora troppi spazi bianchi!!! Siamo a 104 (a seconda dei calcoli) su 250!