sabato 4 maggio 2019

L'ultima figurina della pagina

da wikipedia


Ohibò (veramente non so se si scrive così), avrete notato che negli ultimi giorni ho un poco latitato dal mio dovere quotidiano, ma qualcuno sene è poi accorto? Il fatto è che mi sto preparando e il giorno della partenza si avvicina. Va bene che si tratterà di una specie di toccata e fuga, ma chissà perché la aspetto con particolare bramosia, non in quanto sia in particolare astinenza, sono infatti appena tornato da un bel giro nel Parmense, ma perché questo programmino mi stava a cuore da parecchio tempo. Era sempre lì, preparato e poi sempre messo da parte, accantonato per tempi migliori, tanto non scappa, verrà il momento. Stavolta me lo sono regalato, così almeno questa è la scusa della mia famiglia, per il mio compleanno. Ma perché questa ansia particolare di aggiungere questo nuovo paese al mio collezionistico elenco, al di là del fatto che ovviamente è pieno di particolari interessi e che meriterebbe una visita a prescindere, anche molto più approfondita? La spiegazione sta nel fatto che c'è, nel mio caso, un particolarissimo anche se futile e non certo onorevole motivo. Si tratterà infatti di completare la mia personale pagina dell'album delle figurine degli stati d'Europa. Proprio così, faticosamente è arrivato anche questo, che era l'ultimo che mi mancava e di tanto in tanto il pensiero fisso andava a quella pagina col buco bianco e vuoto da riempire, così come quando da ragazzo mi mancava solo la figurina di Garibaldi a Teano, per finire l'album della Storia d'Italia. (A me non facevano fare quello dei calciatori, perché non era abbastanza istruttivo, così almeno si ragionava negli anni '50, quindi niente Pizzaballa o altri introvabili del genere). Lo so che è una ragione debole, per molti criticabilissima, ma il maschio in generale ha questa insopprimibile e spesso presente mania collezionistica che gli fa raccogliere qualunque cosa. 

Io, dopo le figurine (tra cui l'album Panini oggi poco politicamente corretto delle Razze umane, che invece mi influenzò moltissimo nella mia voglia di andare a vedere che cosa ci sia oltre la collina) sono passato attraverso i pacchetti di sigarette, anche se non ho mai fumato e gli oggetti strani raccolti per il mondo di cui non è semplice individuare l'uso. Ne avevo fatto anche una serie di post intitolati: l'oggetto misterioso, che tuttavia hanno raccolto scarsissimo interesse, come tutto quello che scrivo del resto. Ma in fondo si sa, scriviamo soprattutto per noi stessi, almeno noi, "scrittori" della domenica. Dunque passando il tempo e venendo sempre diminuendo il mio interesse verso le cose ed il possesso degli oggetti in generale, la mia brama collezionistica che invece non si è automaticamente soppressa, ha dovuto dirigersi verso qualche cosa di più immateriale e così si è rivolta all'elenco dei paesi e dei territori visitati. Come ho già detto questo sarà il 110°, numero purtroppo ancora troppo misero per completare l'album, che data l'età è destinato a rimanere incompleto. Peccato vero? Oltretutto questa collezione non può essere portata avanti da nessun altro che non sia io. Ognuno riparte da zero in questa particolare collezione. Però posso avere almeno la soddisfazione di cercare di completare delle aree specifiche. Con questa completerò l'area dell'Europa, così come ho già terminato quella del sudest asiatico. Per altre ci vorrà più tempo e non so quale potrebbe essere un prossimo traguardo a me accessibile. Chi volesse più informazioni su questo aspetto,  dia un'occhiata alla pagina dedicata e alla cartina in fondo alla home page. Per intanto attendiamo con una certa ansia la partenza, poi si vedrà.

Nessun commento:

Where I've been - Ancora troppi spazi bianchi!!! Siamo a 111 (a seconda dei calcoli) su 250!