lunedì 20 maggio 2019

Malta 1 - Arrivando


Roccia

L'acqua
Sulle motivazioni di questo giringiro nell'arcipelago maltese, già vi ho detto. Spesso certe cose le rimandi sempre, perché tanto sono lì, così a portata di mano che prima o poi le fai o ci vai. Ad esempio, tanto per dire non sono mai stato al museo della battaglia di Marengo che è proprio nella mia città, che mi dicono essere molto interessante. Vero che posso trovare la scusa che è sempre chiuso, ma alla fine la motivazione vera è proprio questa sindrome del rimando. Dunque invece stavolta, ho preso come si dice il toro per le corna ed eccomi qua, prenotazioni fatte alla mano, da buon turista, che guido deciso alla ricerca del parcheggio di Orio al Serio, base di partenza di tutti gli squattrinati che si affidano alla lotteria delle lowcost. Vero che Ryanair è ormai una stella di prima grandezza, ma è proprio l'opposto esatto di quello che una volta ti raccontava la vulgata del viaggio aereo, una serie di coccole continue da parte di deliziose fanciulle chine verso di te che facevano di tutto per farti sentire a tuo agio. Invece il concetto del volo è diametralmente cambiato. Le cosiddette compagnie no-frill, hanno un andamento molto sbrigativo, risparmiare anche sulle minime cose e inserire il più possibile nella categoria "not included", da pagare a parte, per fare in qualche modo lievitare quella cifra iniziale, così misera da farti venire il dubbio di come possa volare un aereo con quelle cifre.


In barca
Intanto uno straccio di bagaglio lo devi pur avere e qui il costo quasi raddoppia, poi ti devi fare tutto tu dal check in on line alla stampa di biglietti e boarding pass, perché anche la carta costa e possibilmente salire e scendere a piedi alla stazione dall'aeromobile, tutti servizi risparmiati. Ovviamente non si parli neppure di un bicchiere d'acqua, che oltre all'acqua, anche il bicchiere costa. In fondo tutto questo ci sta anche, incluso il gratta e vinci, stimolato dal'invito alla beneficenza, visto che alla fine tutto è compensato dalla minor spesa, che è quella che, alla fin fine, ingolosisce i braccini corti come me; tuttavia penso che un po' meno di frettolosa malagrazia, che ti fa sentire un po' come un fastidioso utente da smaltire il più velocemente possibile, perché si sa, l'aereo deve sempre volare per poter essere redditizio, non sarebbe un costo accessorio e contribuirebbe al buonumore generale. Potrebbero sempre farlo pagare come servizio in più, che so io, una priority gentilezza a 3 euro a tratta. Va beh, bando a queste lamentazioni, in larga parte non giustificate, ma insite nell'accidia del viaggiatore, anziano per di più, che vorrebbe tutto come dovuto e l'esclusività di massa, ma era tanto per far passare il tempo di attesa tra la folla di questo sovrappopolato aeroporto. Davanti a me che sbocconcello un panino preparato dalle mani amorose di chi mi accompagna, si siede intanto, un tizio male in arnese, fauna tipica di questi aeroporti che servono destinazioni e flussi migratori di lavoratori da schiavizzare.

La maledizione delle crociere
Lo identificherei come un kossovaro in attesa di tornare a casa, barba lunga e condizioni generali precarie; mi guarda e dice :"buon appetito", con accento slavo, non capisco se è un augurio o una richiesta di aiuto, poi si corica pesantemente sui sedili comunque, anche se forniti di dissuasori e subito chiude gli occhi russando. Quelle ossa stanche ne avranno visti anche di peggio di queste panche. Finisco l'acqua della mia bottiglietta prima che mi venga sequestrata da rapaci ed attente mani controllatrici in attesa della chiama per l'imbarco e poi rimangono soltanto le quasi due orette di volo con le ginocchia in bocca, prima di vedere il colore blu del mare che si muta in costa ruvida e verde, in attesa di accoglierti. Due gratta e vinci li ho comprati lo stesso, c'era l'offerta due x uno, come fai a resistere, ma non ho vinto il milione che mi era stato promesso. Pazienza. Le pratiche di sbarco e consegna della macchina sono piuttosto veloci. Qui hai subito l'impressione che la gestione del turismo sia una cosa seria e particolarmente attenzionata, visto che ormai una bella fetta del benessere in fortissima crescita (la maggiore d'Europa in questo momento), si deve proprio a questa attività. Ah già, qui c'è il problema che si guida a sinistra e con la sinistra si deve anche cambiare. Bisogna farci un po' la mano, tanto per non prendere subito una rotonda al contrario e in contromano, che non sarebbe bello schiantarsi subito fuori dell'aeroporto sotto gli occhi del guardamacchine della Budget, immigrato nero come la pece, di certo clandestino sbarcato da poco e subito messo al lavoro.

Un forte
Poi adagio adagio ci si fa l'abitudine, tanto qui la velocità è piuttosto bassa, anche se il traffico è gagliardo. L'isola, colpita da improvviso benessere, è gravida di auto e le strade non erano certamente previste per questo exploit, anche se ci si sta adeguando, per la verità, creando ancora maggiori problemi di intasamento a causa dei moltissimi lavori di ampliamento. Via dunque lungo la costa nord a velocità di conserva, un po' per non andare a sbattere, un po' per capirci meglio sulle direzioni da prendere. Ma come accidenti si faceva quando non c'era google map? Rimane uno di quei misteri insoluti. Intanto si staglia all'orizzonte la penisola di Bugibba, dove ho prenotato una camera per le prime cinque notti. E' una lingua di terra di un paio di chilometri che si protende nel mare, completamente ricoperta di una massa informe di case, palazzi, condomini, raffazzonati e costruiti nel disordine più assoluto, la classica colata di cemento che non vorresti mai vedere, specialmente in luoghi che dovevano essere tratti di costa piuttosto belli. Bene dirai tu, parlate proprio voi che avete devastato per decenni ogni tratto di mare italiano a partire dalla Liguria e adesso mi venite a fare la morale se lo fanno anche gli altri? Il grano è grano e se non volevi continuare a grattare la terra sassosa con le mani per cavarne quattro lenticchie e due capperi, bisogna pur darsi da fare e poi da qualche parte vuoi pure andare a dormire, no?!

Condomini
Vero, vero, forse sono fenomeni impossibili da evitare, certo che qui le cose in una ventina d'anni devono essere cambiate parecchio e anche adesso vedi solo in giro gru, camion con le oro belle betoniere e gente che scarica piastrelle e mattoni. Insomma il primo impatto non è accattivante, complice il fatto che questa zona è anche quella che ospita il turismo più risparmioso, quindi a qualcosa si deve pur rinunciare. L'albergo tuttavia è onesto e proporzionato al suo costo. Tutto sembra però ancora leggermente fuori stagione, quando ci si sta organizzando per far fronte alla massa degli attesi arrivi. Si va a fare un giro nelle via adiacenti tanto per orizzontarci, praticamente tutto pieno di negozi ed esercizi commerciali, bar, locali, ristoranti, che fanno presagire arrivi di massa. Su ogni vetrina annunci con ricerca di personale, cuochi, camerieri, commessi, receptionist. Una macchina oliata che sta per mettersi in moto. Nei vari locali, parecchi italiani che lavorano, ragazzi svegli e veloci che si muovono con rapidità. Qui bisognerà ragionarci un po'. Cercare di capire come mai nella vicina Sicilia, che come ho avuto modo di vedere, gli interessi turistici e le meraviglie dell'arte e della cultura (ad onta di quel che dice Briatore) sono almeno nella misura da 1 a 100 o anche di più, i giovani devono emigrare in cerca di uno straccio di lavoro e qui, invece devono arrivare a frotte dall'estero per coprire le richieste. E' un mistero da chiarire.

La costa



SURVIVAL KIT

Parking IVM - Orio al Serio - 30,90 per 10 gg. scoperto. Efficientissimi. in 5 minuto all'aeroporto. All'arrivo erano già lì e mi hanno telefonato se mi ero perso mentre mi facevo un cappuccino. Consigliato.

Scogliere
Volo - Ryanair partenza 14:30 ritorno 7:00. In orario. 122 Euro a testa A/R con priority (posto prenotato e 2 bagagli a mano di cui uno di 10 kg). Niente da eccepire.

Noleggio auto - Via Ryanair (costava meno) da Budget. Una giapponese, la più piccola, la meno cara, chilometraggio illimitato, tanto km non ne fai molti. Con assicurazione totale anche per le franchigie, 182 Euro per 9 gg. da aeroporto ad aeroporto. Praicavelocissima

Hotel Euroclub - il fliegu str. - St Paul's Bay. Tre stelle per il turismo di massa, oltre cento camere, due piscine, ristorante. Piuttosto anonimo. Camere spartane ma pulite, rifatte tutti i giorni. La doppia senza colazione 40 a notte +1 di tassa di soggiorno. Colazione è a 7,50 euro a testa. TV. Wifi in camera e frigo, sono indicati a pagamento ma a me non sono stati richiesti, forse per il fuori stagione. Venendo via ho visto che era in offerta a 35, in maggio è quasi vuoto. Alla sera c'è anche animazione. Al centro del quartiere di Qawra, dove in piena stagione si scatena la movida. Accettabile per il prezzo, senza infamia e senza lodo. Comodo per la stazione autobus o se dovete andare a Gozo. Navetta per l'aeroporto.


Mercato del pesce

Se ti è piaciuto questo post, ti potrebbero anche interessare:


Nessun commento:

Where I've been - Ancora troppi spazi bianchi!!! Siamo a 111 (a seconda dei calcoli) su 250!