lunedì 20 aprile 2009

Problemi di igiene

Quali sono i problemi più importanti dell'umanità? Molti indubbiamente, è difficile scegliere, eppure da qualche parte bisogna cominciare. Se ognuno di noi si mettesse d' impegno nel risolverne almeno uno, forse l'uomo compirebbe molti passi in avanti. Anche io, nel mio piccolo vorrei collaborare a qualche progetto. Certo, come tutti i bambini che vogliono fare i centroavanti, ho la tendenza ad accuparmi dei massimi problemi, ma così va il mondo. Allora qualche giorno fa (anche perchè non pensiate che la gestione di questo blog sia la mia unica occupazione) ho scritto la mail seguente a questo sito che seguo e che ora sottopongo anche a voi.

Gent.ma Sig.ra Littizzetto
Mi scusi per l'approccio formale, ma non potevo fare diversamente essendo un anziano gentiluomo piemontese (veramente alessandrino, il che non è molto piemontese, come dice Eco). Essendo suo fan, non ho potuto fare a meno di notare come lei sia fortemente interessata e motivata a risolvere il problema (e non solo in modo formale) degli schizzi a pioggia che affliggono le aree circostanti ai luoghi di decenza, dopo l'uso del sanitario principale da parte di utenti maschi. Pur essendo parte in causa, in quanto non femmina, vorrei segnalarle una interessante innovazione che (sembra brevettata) ci giunge dall'Olanda, terra quindi non solo attenta ai tulipani ed ai mulini a vento, come pensano i disattenti. I creativi di una azienda infatti, hanno provveduto ad incollare la decalcomania di una mosca a grandezza naturale al centro di un certo numero di tazze campione poste in maniera casuale in luoghi pubblici, constatando una diminuzione della necessità di eseguire pulizie per eliminare le macchie da schizzo di oltre il 90 %. Sembra che questa geniale e poco costosa soluzione che si insinua con astuzia nella mente del maschio medio istigandolo alla sua naturale predisposizione violenta a colpire il bersaglio, verrà estesa in tutto il paese. Le ho esposto quindi la notizia sapendo la sua attenzione all'argomento e di cui spero possa fare cenno in chiave di utile proposta quando riprenderà in mano l'annosa questione.
Con stima e simpatia.

La signora in questione, mi subito preso in considerazione e mi ha cortesemente risposto che non solo era già al corrente dell' invenzione, ma che ne aveva anche già parlato in radio.
Come vedete, quando ci si illude di fare grandi scoperte, si rischia di fare la fine di quelli che pensano che con un referendum elimini una porcata e invece ti trovi il socio dell'eliminato al 55%.
E intanto butti nel cesso 480 milioni, pensate che schizzi!

1 commento:

Anonimo ha detto...

Qui in Russia la mosca e' cosa comunissima da anni. Specie qui a... Mosca. Solo che molto spesso la mosca.... E' VIVA!
Ferox

Where I've been - Ancora troppi spazi bianchi!!! Siamo a 102 (a seconda dei calcoli) su 250!