sabato 2 luglio 2016

Junglee girl – Ginu Kamani 1995




Dodici racconti brevi che sono stati pubblicati nel 95, quando l’autrice, indiana di Bombay, emigrata negli Stati Uniti con la famiglia, era poco più che trentenne. Vi si legge la sfrontatezza di una ragazza che vuol mostrarsi ribelle a tutti i costi, sia negli argomenti raccontati, spesso palesemente autobiografici, che nel modo di raccontarli. Una donna che non sopporta evidentemente lo stile di vita e le tradizioni che le sue origini vorrebbero imporle attraverso la sua famiglia, vorrebbe rinnegarle contrastandole eppure ne è pervicacemente avvinta ed affascinata. Ritorna spesso ai suoi ricordi di infanzia e i suoi personaggi sono adolescenti turbate e ribelli, appunto le junglee girls del titolo, ragazze “selvagge” e incontrollabili che non reprimono desideri e pulsioni anche se queste possono essere incomprensibili a chi della famiglia le circonda. E’ forse la cultura del nuovo mondo che irrompe prepotente in questo substrato antico e all’apparenza immutabile. Eppure per quanto faccia questa forza dirompente e dissacrante non riesce a cancellare l’antica anima indiana che sempre rimane lì, incancellabile e dominante, anzi probabilmente alla fine di questa lotta, ne esce sconfitta. Libro molto godibile per chi ama questa terra, proprio perché profondamente indiano, nelle situazioni raccontate e molto rappresentativo di quel contrasto incredibile che si vive in questo universo che si è trovato all’improvviso ad affrontare un mondo moderno con modi di vedere e di pensare assolutamente inaspettati. A venti anni dalla sua uscita è molto probabile che le ragazze di Bombay, anzi ora di Mumbai, trovino queste situazioni quanto mai attuali e credibili. Di lettura veloce non vi lascerà annoiati.

Se ti è piaciuto questo post, ti potrebbero anche interessare:

Nessun commento:

Where I've been - Ancora troppi spazi bianchi!!! Siamo a 104 (a seconda dei calcoli) su 250!