giovedì 21 ottobre 2010

Caviale e kognak.

L'autunno a Mosca anticipa, e di molto, le nostre consuetudini. Alla fine di ottobre generalmente, le folate gelide che arrivano da nord, fanno camminare veloci i passanti che tirano su i baveri dei cappotti in attesa della prima neve. Gli alberi dei giardini hanno già perduto quasi tutte le foglie ed i rami, all'apparenza secchi e neri, mostrano al cielo la loro nuda disperazione. Una delle mie passeggiate preferite, terminato l'ufficio, era, girato l'angolo sul Kalzò, di fronte alla massa grigia e severa del vecchio Hotel Pekin, percorrere la Tverskaija che, con una leggera discesa, quasi volesse accompagnare i viaggiatori che dopo un lungo viaggio arrivavano da occidente, ti portava, lenta,come lo scorrere del tempo in Russia, fino alle meraviglie del Kremlino. E' una strada larga e un tempo elegante che invita al passeggio sui grandi marciapiedi su cui sfila ininterrotta la serie dei palazzi della Mosca di fine ottocento, un tempo ricchi ed eleganti.

Qui anche nella Mosca disperata degli anni 90, vedevi brillare gli ultimi fuochi del regime. Quel che rimaneva disponibile delle merci ormai in via di scomparsa, da ogni angolo dell'impero, arrivava qui per essere esibita nei negozi che dovevano rappresentare un lusso nascostamente esibito, al tempo stesso dimostrazione della potenziale ricchezza del sistema e della disponibilità della medesima per il popolo che, nella realtà non aveva effettive disponibilità di accedervi. Nel Dorije morie bianco e blu, potevi vedere qualche pesce secco dal Baltico e qualche cassetta di molluschi, nei negozi Atelier, qualche manichino triste su cui erano appesi vestiti che teoricamente potevi andarti a fare su misura, nei Chasì occhieggiavano ripiani pieni di vecchi orologi che invece di essere dati a riparare come nella mission del negozio, erano esposti in cerca di un compratore. Ma, superata la piazza Pushkin, lungo la leggera discesa, ecco apparire a sinistra, al numero 14, una magia inspettata.

In un grande palazzo ridondante di stucchi, si aprivano le pesanti porte dell'Eliseev Gastronom. Nel 1901, il ricco mercante ebreo di San Pietroburgo aveva creato questo negozio che doveva rappresentare il massimo della offerta gastronomica russa in un ambientazione di sfrenato lusso imperiale. Entrare in questo enorme salone decorato in stile neo-barocco era come fare un tuffo nel passato. Sotto il colossale lampadario di cristalli italiani, si alternavano gli antichi banconi lucidi di ottoni e di legni pregiati, sui quali, a settori, potevi trovare le squisitezze più rare e particolari provenienti da tutti gli angoli dell'impero. Dalla ricca sala dei vini, dove oltre alle più classiche vodke trovavi anche il Kognak Armeno, il pregiatissimo Ararat di 25 anni, passavi alla zona dei salumi, ricca di verietà dove trovavi i più pregiati pezzi del Mijasa Kombinat. Poco più in là sui mogani tirati a specchio, vasetti di composte tradizionali, ordinati come soldatini; sotto i candelabri dorati potevi comprare un barattolo di smijetana fresca e così via, passeggiando tra i banchi per il solo piacere degli occhi, inseguito dagli sguardi delle matrone in grembiule bianco che ti mostravano, indagatrici, i prezzi, stratosferici per i residenti che si aggiravano tristi con la sensazione del guardare ma non toccare. Che bello sognare sotto il grande orologio che scandiva le ore di un passato lontano. Ti sentivi circondato da contessine ed ufficiali in abito di gala, i cui fantasmi si aggiravano ancora guardando languidamente il bancone del caviale, con le sue centinaia di scatolette, i vasetti blu del Beluga prezioso, quelle rossa di Sevruga un po' più grossolane, le gialle del mar di Azov, il caviale rosso, le scatolette di bal'ik di cui era ghiotto il caro Zhenija, che mi ci portò la prima volta.

Tra le enormi colonne in marmo colorato che si levano fino al soffitto, pesanti decorazioni in oro circondavano grandi ritratti, tra cui spiccava il suo, eccolo lì il famoso Eliseev che guarda la sua sala con occhio malizioso, come per farti capire che lui non era stupido e che ha saputo ben nascondere il suo segreto. E già, perchè la leggenda racconta che il ricco epulone, sentita l'aria che cambiava direzione, prima di far fagotto , abbia nascosto in una nicchia segreta, tra gli stucchi dorati e le colonne, tutto il suo immenso tesoro, che ahimé, non è poi riuscito a tornare a riprendere. La rivoluzione lo ha trascinato via nel gorgo della storia, lasciando soltanto lo splendido ambiente che aveva creato. Ne uscivi a malincuore, nella sera ormai scura e triste, mentre risuonavano sui larghi marciapiedi le risate dei drappelli di splendide ragazze che si avviavano verso l'Inturist ad adescarne i clienti.



Se ti è piaciuto questo post, ti potrebbero anche interessare:


Notte allo Spiektr
Rosa salmone
GRandi Magazzini.

6 commenti:

il monticiano ha detto...

Non posso viaggiare e visitare tutte le bellezze che ci descrivi ma almeno le leggo nel tuo blog e sogno ad occhi aperti.

Anonimo ha detto...

Noo!! Leggo il tuo blog tutti i giorni (e devo farti i complimenti: non ha molti rivali in quanto a interesse degli argomenti e bravura nel raccontare) e purtroppo ho notato che le foglie che cadono (che ieri non vedevo!) rallentano tantissimo la connessione!
A parte questo neo, complimenti di nuovo. :)
Elena

Primo Estinto ha detto...

Mi ha sempre affascinato Mosca e la Russia...........Il mio sguardo del mondo,ha una chiave di lettura costante:le donne, le Russe cosi semplici e complesse nello stesso tempo e la loro capacita' di accendere il camino di legna scoppiettante,anche quando esso non c'e'.

enrico ha detto...

@Monty - dopo tanti anni mi sono accorto che il vero viaggio si compie dentro la propria testa.

@Elena - Infatti adesso le tolgo, tanto avete capito che è autunno (però sono contento che siano servite a farti lasciare questo commento. Benvenuta. E grazie delle belle parole.

@ Primo - Le donne russe sono indubbiamente tra le più belle del mondo, per carità, le donne belle ci sono dappertutto, ma laggiù, è la media che fa spavento , diciamo 8 su 10 sono da copertina (fino ai 30 anni) poi la dieta le rende più normali. Comunque questa è una cifra interpretativa assolutamente interessante e di certo non sgradevole. D'altrao canto, anche l'occhio vuole la su aparte.

FEROX ha detto...

Il negozio "Eliseevskij" continua ad essere quell' elegante ambiente pieno di colonne e stucchi, solo che i suoi banconi si sono trasformati in normalissimi banconi da moderno supermercato, come a Mosca (e in qualsiasi altra citta' russa...) ce ne sono ormai decine, se non centinaia. Pero' li' ti da' la sensazione di "non trovarti nel posto giusto", quando peschi dal bancone dei surgelati annegato in una struttura di legno antico intarsiato la pizza congelata del "Dr. Oekter" (una schifezza veramente degna di tale nome...) oppure vai dalla matrona del banco carni (al centro) e le ordini "dui ftte 'd pulast, e gia' c'ai suma cam daga anche la ftta 'd carn 'd crin, ma nen tant spssa, perche' a l'ai 'el polistirolo 'n po' aut".... e tutto questo sempre contorniati dalla possente ed elegante cornice di stucchi e .... Mah! Si fa la spesa addiruttura in piemontese al magazin Eliseevskij...... O basta la'........
FEROX

enrico ha detto...

ferox sei sempre magico con le tue atmosfere cariche di poesia...io col polistirolo a vadu bin, a l'è 'n con la glicemia...

Where I've been - Ancora troppi spazi bianchi!!! Siamo a 104 (a seconda dei calcoli) su 250!