sabato 22 ottobre 2011

Autunno africano.

Sahara 1980


Sabbia rovente

di petrolio in fiamme.

Foglia caduta.



Se ti è piaciuto questo post, ti potrebbero anche interessare:

Sirte.
La cacciata del tiranno. 
I
l vento del Maghreb.
Siamo in guerra. 
In morte di un dittatore.

4 commenti:

Adriano Maini ha detto...

Homo homini lupus!

Sandra M. ha detto...

...e calpestata.

Ambra ha detto...

Come rendere poetici gli ultimi orrendi avvenimenti.

enrico ha detto...

@Adri - Proprio così

@Sandra - E' una fine spesso già scritta nel DNA dei deittatori.

@Ambra - La poesia è la salvezza dell'uomo.

Where I've been - Ancora troppi spazi bianchi!!! Siamo a 104 (a seconda dei calcoli) su 250!