mercoledì 26 maggio 2010

Cronache di Surakhis 29: La manovra di bilancio; tagli e sacrifici.

Sacrifici, sacrifici. Questa parola continuava a martellare la testa di Albertus, pulsava con ferocia, facendogli gonfiare le vene sulle tempie ormai coperte di rada peluria grigia. Ma non c'era più niente da fare, inutile disperarsi, ormai il decreto sui tagli era stato promulgato e le conseguenze non si sarebbero fatte aspettare a lungo. Non c'era altra scelta che la fuga. Aveva preparato a lungo un piano, quando le voci sempre più frequenti e minacciose che andavano a scalfire la dura crosta di ottimismo che l'Imperatore sbandierava da mesi, erano diventate un tam tam generalizzato; adesso era ora di metterlo in pratica. Poche ore prima, tutti gli schermi olovisivi avevano mandato in onda a reti unificate il dibattito parlamentare in cui il Gran Ciambellano aveva esposto i punti chiave della Manovra. L'esposizione dettagliata dei provvedimenti con la pedissequa elencazione dei tagli necessari e previsti era durata poco più di mezz'ora. Twoseas parlava con voce bassa e monotona, senza usare mai la parola "sacrifici" come era stato precisamente imposto dal Lungocrinito, sarebbe stata di cattivo auspicio e avrebbe avuto un impatto negativo sul morale della popolazione. Tagli, tagli ed ancora tagli. Su questo soprattutto si basava il perno del provvedimento e tutti avrebbero dovuto dare il proprio contributo, anche i membri del governo e i loro sodali. Appena terminata l'esposizione, dai banchi dell'opposizione si era alzata qualche timida mano, ma le telecamere avevano subito zoomato sul viso serio del Ciambellano che stringeva ancora di più le fessure quasi chiuse sotto i suoi strumenti di visione spessi e antiquati. Era stato necessario vaporizzare solo tre deputati che insistevano per parlare e in pochi minuti si era passati a discutere del più importante provvedimento che avrebbe abolito la comunicazione verbale e scritta che non fosse di argomento sportivo e dio solo sa quanto ci sarebbe stato da parlare col Campionato universale di palla quadra che stava per cominciare. Albertus aveva preso subito la sacca che, preparata da giorni, stava nella parte posteriore del suo cubicolo al di fuori dell'occhio della telecamera principale, ed era uscito velocemente nella notte aggiustandosi alla meglio la maschera di respirazione sul volto. Non sentiva neanche le zaffate di puzza che la centrale a merda rilasciava in maniera copiosa durante le ore notturne. Raggiunse il bosco in fretta nonostante la sua menomazione. Se avesse continuato con quel ritmo avrebbe raggiunto il confine con le Badlands prima del sorgere della terza luna e sarebbe stato salvo. Nessuno lo avrebbe cercato laggiù. Si tolse la maschera respirando profondamente sotto gli alberi, gli effluvi della centrale non si avvertivano quasi più. Si sedette soltanto un poco, si ripromise, per riposarsi e chiuse per un attimo l'ultimo occhio che gli era rimasto. I sardar spuntarono come per magia tra i grandi tronchi neri e gli gettarono addosso la rete a induzione che lo immobilizzò all'istante. Non riuscì neppure a piangere mentre lo riportavano al centro di prelievo. Non lo consolava più di tanto il fatto che questa volta i Tagli sarebbero stati generalizzati, che ognuno avrebbe dovuto contribuire secondo le sue capacità e secondo la sua posizione. Come dettato con precisione dalla Manovra, i Tagli questa volta sarebbero stati rivolti a tutti. Ma Albertus non si faceva illusioni, sapeva bene che a lui avrebbero tagliato anche l'altra gamba, con la scusa che così sarebbe stato più bilanciato, mentre i giornali riportavano in prima pagina che a tutti gli esponenti politici sarebbero state soltanto tagliate tutte le unghie anche se per i dodecapodi non era uno scherzo, come aveva sottolineato il ministro della Funzione Pubblica, ripreso in un video mentre inaugurava un nuovo centro di sodomizzazione sociale. Niente mani nelle tasche dei contribuenti, aveva ricordato il Ciambellano, per effettuare le ablazioni testicolari di soppiatto come in passato, tutti tagli alla luce del sole. Non piangeva più Albertus mentre stava ormai nudo sul tavolo dei sacrifici; aveva capito che era stata Sylvia a denunciarlo durante il servizio obbligatorio settimanale di escort che rendeva alla locale sede di massaggi del partito. Le luci delle lampade si fecero più forti, quasi accecanti mentre le lame sottili degli agenti del fisco si avvicinavano asettiche.


Se ti è piaciuto questo post, ti potrebbero anche interessare:

Elezioni.
Moralità assoluta.
Discopatia.

4 commenti:

Angelo azzurro ha detto...

Straordinaria questa lettura!
Quanto mi piacerebbe potermi svegliare un giorno e vedere che quello che stiamo vivendo è stato veramente un brutto sogno frutto della fantasia più frenata. Simile alle cronache di surakhis. Quanto mi piacerebbe...sigh!

enrico ha detto...

Cara Angy, Surakhis è un mondo difficile e spietato, ma a tutto ci si abitua, gli esseri viventi sono estremamente adattabili,si lamentano un po', poi si va avanti; anche i gasteropododi di Rigel 3° che fanno tanto i difficili, hanno cominciato a farsi ricrescere i tentacoli appena glieli prelevano, ma loro almeno hanno il vantaggio di non sentire la puzza della centrale a merda. Non hanno il naso i furboni. Eheheheh.

laura ha detto...

Twoseas è un'invenzione molto carina.
Il pezzo è molto azzeccato, l'unico neo è che alla fine ci si sente molto empatici verso il povero Albertus, non so se fosse previsto.

enrico ha detto...

Del povero Albertus non dobbiamo più preoccuparci. Visto che era nelle mani degli Agenti Fiscali, gli hanno asportato anche fegato e spina dorsale, poi hanno calcolato che non conveniva più mantenere in vita il donatore e lo hanno spedito direttamente alla fabbrica delle farine animali.

Where I've been - Ancora troppi spazi bianchi!!! Siamo a 104 (a seconda dei calcoli) su 250!