giovedì 4 ottobre 2012

Xi.

Torniamo, se vi va, a raccontare cosa sta dietro ad un ideogramma della scrittura cinese. Quello di oggi è un radicale che non è più usato da solo nella lingua moderna, ma che si associa a molti altri piuttosto comunemente. Il semplice tratto di  raffigurava, secondo alcuni una scatola con coperchio, ma senza un lato in modo che si potesse vederne l'interno, il contenuto. Come tale significava Nascondere. Secondo altri era la stilizzazione di un panno arrotolato, visto di fianco, col significato di Avvolgere. In ogni caso molti caratteri moderni si formano mettendo all'interno della scatola qualche cosa. Ad esempio in 匠 - Jiàng, la scatola contiene il segno di Scure e significa quindi Artigiano, mentre se si aggiunge il segno di Cuore, abbiamo 匠心 -  Jiàng xīn, che vuol dire Ingegno, carattere che viene riconosciuto all'artista che nelle sue opere, pur usando uno strumento, ci mette il cuore, il sentimento. Se ci mettiamo in aggiunta i due caratteri di malta e acqua abbiamo 泥水匠 Ní shuǐ jiàngche vuol dire Muratore (il cinese moderno tende per chiarezza a diventare polisillabico, pur mantenendo il significato proprio di ogni sillaba). 

Ancora, col carattere di Legno si ha 木匠 - mù jiàng, che significa Carpentiere appunto Chi si porta nella custodia la scure per lavorare il legno. Ma se privilegiamo il significato di nascondere, mettendo all'interno della scatola tre quadratini (tre casse): 品 - Pin,  che rappresentano le cose, i prodotti, la "roba" di verghiana memoria, che nella semplificazione moderna vengono sostituite da una crocetta, abbiamo 区 - Qū, sorpresa! che vuol dire Regione (il luogo dove stanno i beni, le cose, la ricchezza), mentre invece se all'interno ci si mette il carattere di Interno, preceduto da un segno fonetico, abbiamo 陋 - lòu,  Brutto, volgare, corrotto, ma anche umile diventato tale a mezzo del potere, cioè tutto quello che è opportuno racchiudere all'interno di un contenitore per tenerlo ben nascosto (forse al popolo, mi raccomando che non lo venga a sapere, se no gli girano). Davvero curioso che questa bruttura dovuta alla corruzione e l'istituzione della Regione, abbiano in quel lontano paese il radicale in comune, come se fosse un peccato originale da scontare, una tara maligna che si annida, ben nascosta, in ogni persona che il caso mette vicino al marcio acre della possibilità di corruzione. Ma credetemi, sono paesi e culture lontane e difficili, per noi, da capire.


Refoli spiranti da: E. Fazzioli - Caratteri cinesi - Ed. Mondadori



Se ti è piaciuto questo post, ti potrebbero anche interessare, se vi sono sfuggiti:

4 commenti:

Francesco Zaffuto ha detto...

si richiede la pazienza di Giobbe, anche se il tempo che resta al pianeta stringe
ciao

il monticiano ha detto...

Affascinante ed emozionante il tuo post, come sempre peraltro.

cristiana2011 ha detto...

Prelevo e porto a casa.
Bellissimo post.
Cristiana

Enrico Bo ha detto...

@Fra - ma sai, da pensionati...

@Monty - Grazie ma basta ascoltare il telegiornale per avere mille ispirazioni.

@Cri - di questi ytempi , meglio portare a casa quel poco che si può

Where I've been - Ancora troppi spazi bianchi!!! Siamo a 104 (a seconda dei calcoli) su 250!