giovedì 16 luglio 2015

Caldo

Risultati immagini per schede Ram
immagine dal web

Ragazzi, casa mia è un forno. Sole da due parti, mattino e pomeriggio. Adesso è anche tutta avvolta da un gigantesco preservativo verde che contribuisce ad un ulteriore effetto serra. Già perché per tirar via un tetto di amianto che un bravo amministratore, ci aveva convinto a fare, dicendo, dobbiamo affrettarci perché è l'ultimo anno che questo valido materiale è consentito, poi lo vieteranno! E' giusto capisco, che l'ignoranza vada punita, ma... Colo come in una sauna e sono perennemente di cattivo umore. Lo avrete capito dal fatto che in questi giorni continuo a girare qua e là senza costrutto, avvoltolandomi nella mia accidia incompresa. Mi siedo davanti allo schermo che contribuisce ad emanare ulteriore calore e mi dileggia continuamente e così faccio scemenze che poi vanno pagate. L'altro giorno ho ficcato con rabbia la spina del portatile nella selva di prese che stanno sotto la scrivania, una fatica da bestie, piegare la mia ventrazza debordante e ormai violata. 

Nell'inserimento è uscita una fiammata lunga una spanna e il mio laptop quasi nuovo è passato a miglior vita. Fuso, si sa come sono delicati questi strumenti. Il dottore da cui l'ho portato ha scrollato la testa e non ha cercato neppure di consolarmi, tanto, dice, c'è la garanzia. Il buono. Peccato, l'acquisto è stato fatto, come risulta dagli atti, il 4 luglio 2013 e il salvacondotto è scaduto proprio 5 giorni fa, spiacente. Bisogna cacciare quasi un millino per riavere un sostituto appena simile al cadavere che giace ormai smembrato sul tavolaccio, ingombro di cavi ed altri morti. Non ho più nemmeno la forza di protestare, con la fronte bagnata, apprendo la notizia, la metabolizzo e poi non resta che mettere mano al portafoglio. Del caro estinto mi rimangono solo 8 giga di RAM, una schedina che pur qualche cosa vale, se a qualcuno interessa, tendo la mano e la cedo per poco. Voglio chiuderla qua per oggi, mi manca il fiato. 

P.S. Se poi qualcuno ha uno script già fatto per far comparire quella menata di frase sui cookies da mettere in testa al blog e che poi magicamente sparisce se uno va avanti, per piacere mi dica come si fa.



Se ti è piaciuto questo post, ti potrebbero anche interessare: 

3 commenti:

Paolo nullo Pedone ha detto...

La tragedia — come si legge, il caldo che t'annoda — non è soltanto, o sudaticci, greca

Ciccola ha detto...

Casa mia è rovente, ti capisco. Anni fa un fulmine è cascato sul palazzo e ha cimito qualsiasi cosa attaccata alla corrente di tutti i condomini. Per fortuna quella santa di mia mamma mi aveva assicurata a mia insaputa e ho avuto un rimborso.

Sulla faccenda del cookie ti mando il link su Facebook che da telefono ora mi viene scomodo. ^_^

Enrico Bo ha detto...

@Pao - più che greca, mi sento immerso in mussakà roventi

@Cic - Grazie carissima davvero gentile

Where I've been - Ancora troppi spazi bianchi!!! Siamo a 104 (a seconda dei calcoli) su 250!