martedì 1 gennaio 2013

2013

L'Anno Nuovo per Gino Gemme alias Baleta.


Eccoci qua l'anno è cominciato. Mi sento positivo, voglio essere ottimista. Intanto ci sono le previsioni di tutti gli esperti economici e finanziari che sentenziano che il prossimo, sarà un anno peggiore di quello appena trascorso. Bene, è un buon segno. Un vecchio amico, che mi aveva introdotto ai piaceri ed alle delizie della Borsa e del mercato azionario, mi aveva subito svelato il suo segreto per un guadagno quasi sicuro. Avere uno o più conoscenti grandi esperti finanziari. Chiedere a loro consiglio e fare esattamente il contrario di quanto suggerito. Non è che gli esperti siano stupidi o non capiscano nulla, non è disprezzo per chi è del mestiere, anzi è necessario scegliere proprio i più bravi ed affidabili, che diano indicazioni corrette e basate su analisi reali ed inappuntabili. Il fatto è che l'economia non è una scienza davvero esatta, ma è influenzata fortemente da eventi assolutamente imprevedibili e casuali, che stravolgono le previsioni corrette nella maggioranza dei casi. Quindi, operando come si dice au contraire, ci si azzecca, non sempre certo, ma in più del 50% dei casi. Dunque ho buone sensazioni per il prossimo anno, come si dice, I feel good. E poi ho anche tanta fiducia nei miei connazionali. Non è vero che poi alla fine siano tutti dei mentecatti e furfanti o idioti che vanno dietro al primo pifferaio che si presenta o si ripresenta, certo qualche volta lo hanno fatto, ma ho tanta fiducia, sentendo quello che dice la gente in giro, avverto che c'è una gran voglia di serietà, di persone che non fanno promesse ma dicono le cose come stanno, dure, difficili, ma vere e se hai una brutta malattia, tutti ormai hanno capito che è un grave errore affrontarla con un medico che dica: non si preoccupi, è solo un orticaria, con un paio di leccalecca al giorno passa tutto, basta che li compri nella mia farmacia. 

La gente è un po' stanca di sentire fanfaronate e promesse mirabolanti, ha voglia di credere alle cose ed alle persone serie.  Però anche io, oltre a farvi i migliori auguri per l'anno che è appena cominciato, voglio fare i miei buoni propositi. Sarò positivo fino in fondo, cercherò di mantenere questa positività anche quando vedrò la sfilata dei ladri che non appena sdoganati si ripresenteranno sul palcoscenico offesi e stupiti, chiedendo ancora fiducia, gridando al complotto; prometto di non adirarmi più quando dalla TV ricompariranno mummie e risorti, devastatori che hanno già compiuto la loro opera nefanda a promettere nuove e ancor più sensazionali meraviglie, inneggiatori di vecchie teorie che hanno già dimostrato la loro povera inutilità ed i loro errori, nuovi pifferai con facili ricette per curare le ferite infette con pannicelli caldi, capipopolo e masanielli che vogliono convincere a tagliare teste senza nulla mettere al loro posto se non il vuoto pneumatico. Prometto che non cercherò di rompere lo schermo a mazzate, come tante volte ho avuto desiderio di fare, perché, con l'età, ho capito che non serve. Perché come diceva mia nonna quando vide per le prima volta quelle figure in bianco e nero che si agitavano sul teleschermo nuovo appena esibito al bar del paese: "Sa gent lé a l'è tuta 'na finta, i fan ammà balè di buratén". Aveva già capito tutto, chi erano i burattini e chi i burattinai anche se aveva fatto solo la seconda elementare e poteva dirlo con ragione, lei che aveva visto davvero Buffalo Bill e il suo circo, in carne ed ossa, in piazza Garibaldi, incinta di  mio papà nel 1911. 


Se ti è piaciuto questo post, ti potrebbero anche interessare: 


Capodanno tra la neve.
Nong li

5 commenti:

il monticiano ha detto...

Enri' 'sto post è una meraviglia. Sono d'accordo con te che occorre essere almeno un po' ottimisti, però se rivedrò in TV o di persona certi soggetti stavolta non me ne starò zitto.
Buon anno nuovo 2013 e speriamo che lo sia.

Adriano Maini ha detto...

Ci vorrà tempo, ma la tv spazzatura potrebbe anche declinare.
Felice Anno Nuovo a te e ai tuoi cari!

sinonapoletano ha detto...

Sono appena tornato da una settimana di vacanze al mare. Sull'aereo tanti cinesi rumorosi, risucchiatori di liquidi e sputanti. Lascio 30 gradi e atterro nel freddo, nebbia e inquinamento di Shanghai. Faccio fatica ad essere ottimista. Ma domani è un altro giorno.
Buon anno.
sinonapoletano

Enrico Bo ha detto...

@Monty : grazie , robe da vecchi che si danno pace...

@Adri - difficile, vende sempre bene.

@Sino - Accidenti proprio da te che vivi nel cuore dello sviluppo economico, mi aspettavo più ottimismo. Dai i cinesi si faranno, col tempo e con calma, ma allora per noi saranno dolori davvero!!!

Anonimo ha detto...

Caro Enrico, non sei un po' troppo ottimista o i fumi di champagne di capodanno fanno ancora effetto?
Purtroppo oltre il 90% delle persone è sciocco o si comporta come tale, asseriva un mio carissimo e saggio amico (ma anche il Cipolla)per cui pifferai e combriccola l'avranno ancora vinta. Basta anche vedere i sistemi che i partiti adottano per evitare che i votanti possano realmente scegliere candidati o meglio per farci eleggere chi hanno deciso di portare su.
In ogni caso i burattinai dell'economia e della politica continueranno a spremerci e dileggiarci, puntando anche sulla voglia di "tirarsi su le braghe" che ancora molti hanno,extracomunitari compresi.
Ciao e buon anno
Federico

Where I've been - Ancora troppi spazi bianchi!!! Siamo a 104 (a seconda dei calcoli) su 250!