martedì 9 luglio 2013

Tai Ji e Parkinson.

Continuano a comparire sulle riviste specializzate, contributi scientifici che certificano come la pratica del tai ji  apporti considerevoli e significativi benefici alla salute. In particolare uno dei campi più interessanti sembrerebbe essere quello della diminuzione delle cadute, in pazienti affetti da gravi malattie degenerative. Di pochi giorni fa, come mi segnala l'amico Dr. Antonio Bertolotto, personaggio di spicco nella ricerca italiana sulla sclerosi multipla, un interessante articolo comparso su Medpage today, che potrete leggere per intero qui, che riporta i risultati di una ricerca condotta da P. Harmer dell'università di Salem, Oregon, prende in considerazione i costi per gli esercizi per prevenire le cadute in pazienti affetti da Parkinson. Dopo aver notato che nei praticanti di Tai Ji, rispetto a chi fa altri tipi di esercizi, le cadute diminuiscono dal 62 al 22%, riducendosi quasi ad un terzo, l'autore puntualizza anche come questa pratica produca un forte beneficio sui costi, cosa di considerevole importanza in periodi in continua ricerca di strategie per la riduzione dell'impatto economico sulla spesa sociale. La ricerca si è svolta per un periodo di 6 mesi su 65 pazienti Parkinsoniani divisi in tre gruppi, uno dei quali praticava Tai Ji due volte la settimana a confronto degli altri due che effettuavano due tipologie di rieducazione fisica di tipo tradizionale. Il risultato sia dal punto di vista del calo delle cadute in assoluto, sia da quello dei costi è risultato assolutamente significativo. Un punto di vista estremamente interessante che potrebbe essere preso in considerazione da sistemi sanitari in completo dissesto come il nostro, ad esempio. Per chi pratica questa disciplina cinese, non è certo una sorpresa constatare gli effetti dell'esercizio sull'equilibrio generale fisico e mentale, per tutti gli altri, l'importante è informarsi, poi ognuno fa come vuole. 


Se ti è piaciuto questo post, ti potrebbero anche interessare:

3 commenti:

Ambra ha detto...

Il nostro sistema sanitario è anche troppo burocratizzato per porsi alla ricerca di soluzioni più efficaci!
Ti lascio miei auguri di buone vacanze, parto tra breve.
Arrivederci a settembre.

Adriano Maini ha detto...

Da prendere in ogni caso in considerazione!

Enrico Bo ha detto...

@Ambra - Mai perdere la fiducia. Certo io sogno corsi di Tai Ji nelle case di riposo...

@Adri - anche perché l'età avanza...

Where I've been - Ancora troppi spazi bianchi!!! Siamo a 102 (a seconda dei calcoli) su 250!