sabato 8 marzo 2014

Una notte a Sheremetjevo

Aeroporto di Sheremetjevo - Terminal D
Eccomi qui a Sheremetjevo, l'aeroporto di Mosca, un luogo topico della mia vita.  Sono passati almeno una decina d'anni dall'ultima volta. Anni diversi certamente, in cui ancora ero intento a costruire, spesso troppo affannosamente,  in quella  fase della vita in cui corri molto e a volte anche in maniera inconcludente, con quella gran smania di fare che non ti dà tempo per fermarti a pensare alle cose che contano. Questo è stato uno dei luoghi fondamentali per me,  per le tante volte che ci sono passato, per le tante avventure che ci ho vissuto.  Certo adesso è tutto diverso,  tutto nuovo, lucido ed anodizzato. Camminando lungo i corridoi, quasi non lo riconosci più, il mio vecchio aeroporto. Le baracchette coi souvenir e i baretti improvvisati, sono stati sostituiti da locali eleganti,  non manca una griffe nella sfilata splendente del duty free, dove le cosce lunghe, sempre le stesse di allora, si attardano pigramente ad accarezzare con lo sguardo bistrato, borse ed orologi di gran marca senza mai comperare nulla. C'è il Burger King ed i pavimenti di marmo a specchio, quasi stenti a ricordare gli sguardi spenti e svogliati delle addette al controllo passaporti, mentre la fila si allungava. Eppure se passi oltre le scale mobili nuove, le file di poltroncine appena installate, i bar dai nomi stranieri che però prendono solo rubli, ecco che le vedi là,  appollaiate nel loro baracchino con lo sguardo rimasto uguale, vitreo e privo di anima, identiche ad allora, così come i pasti serviti a bordo di Aeroflot, talmente immangiabili, che forse sono rimasti proprio gli stessi di allora, ben conservati e riproposti, tanto nessuno avrà mai il coraggio di mangiarli. Adesso vado a cercarmi una poltroncina dura dove fammi una cuccia per la notte, che qui a Mosca nel terminal D, nuovo nuovo, ancora da finire, la notte è lunga da passare.

4 commenti:

tentare, nuoce ha detto...

Attento alle valige, che si sono imparati: te le vendono

cristiana2011-2 ha detto...

Se non sai come passare il tempo, dai un'occhiata al mio blog e cerca di risolvere le mie critto.
Di solito, così facendo, non ho difficoltà ad addormentarmi,scopo basilare per sopporatare i vari disagi.
Cristiana

Enrico Bo ha detto...

@tenta- le valige sono già imbarcate comunque dormo con un occhio solo anche non credo che ad un barbone sdraiato in un angolo sulla moquette unta, tentino di rubare, intanto il viaggio è finito e non ho più una lira, al massimo gli danno fuoco.

@cri - sono già le sei comunque do un'occhiata

Ciccola ha detto...

Eh, il pub del Terminal D! Dove l'acqua costa più della birra :) Li hanno finiti i lavori o spostano ancora i passeggeri col bus (e doppi controlli)?

Where I've been - Ancora troppi spazi bianchi!!! Siamo a 104 (a seconda dei calcoli) su 250!