martedì 31 maggio 2016

Zuò

I caratteri cinesi più divertenti, perlomeno quelli che a me intrigano di più, sono i pittogrammi, quelli cioè che si traducono in una vera e propria stilizzazione di una figura, in cui, chi li ha immaginati e tracciati per la prima volta, ha cercato di racchiudere tutto quanto possa far capire immediatamente all'osservatore, quanto si vuole dire, sforzandosi di mostrare nel segno un'idea, un significato preciso, attività davvero avanzata nel progresso mentale dell'umanità. E' il caso di quello che vi presento oggi:  (zuò), che mostra il ben conosciuto carattere di Uomo, Persona  (rén), ripetuto due volte e  (tǔ)  che rappresenta il Suolo, la Terra, disegnato come una linea orizzontale sulla quale sono appoggiate o da cui crescono tutte le cose. In questo caso possiamo immaginarle come dei sedili, dei punti di appoggio su cui stanno appunto seduti i nostri due omini schiena contra schiena o fianco a fianco. Il carattere infatti è proprio il verbo Sedersi, star seduto e per esteso come di consueto in questa lingua in cui aggettivi, sostantivi, verbi o congiunzioni non sono concettualmente separati, Sedere, talvolta inteso anche come parte del corpo. Il carattere è molto usato in combinazione con altri per formare molte parole anche moderne. Ad esempio lo si può unire a 药 (yào), Farmaco, che come nella nostra etimologia di origine greca significa anche Veleno,  a testimonianza di come tanti concetti filosofici siano comuni anche in culture apparentemente lontanissime. 

In questo caso, il significato salta all'occhio, 坐药 (zuò yào), Farmaco da sedere, quindi Supposta. Non ridete, può essere molto utile se siete soli in Cina e avete problemi opposti alla solita maledizione del viaggiatore e avete dimenticato le supposte di glicerina in Italia. Io ad Hong Kong ho dovuto usare la mia arte di mimo, di fronte ad un farmacista e diversi clienti meravigliati ma già intimamente convinti che i Gua Lò sono gente strana e non è stato facile, anche per la mia dignità. Andando oltre, è altrettanto interessante la parola 坐探 (zuò tàn), che si ottiene aggiungendo il carattere che significa Esplorare, Cercare di scoprire, quindi chi è che standosene comodamente seduto tra la gente e facendo finta di nulla cerca di scoprire qualche cosa? La Spia nemica. Eccolo lì, beccato al bar o in un ufficio, tranquillamente seduto a far finta di bere un thé o a lavorare, mentre invece tende l'orecchio per scoprire i vostri segreti. Ancora, unito a 垫 (diàn), Imbottire, Cosa riempita, Mettere una cosa sotto un'altra dà 坐垫 (zuò diàn), Cosa imbottita messa sotto il sedere, dunque Cuscino. E per finire un chengyu molto carino: 如坐针毡 (rú zuò zhēn zhān), lett. Come-Sedere-Ago-Feltro. Stare seduti su un morbido feltro come se fosse coperto di aghi, cioè: Stare sulle spine.


Se ti è piaciuto questo post, ti potrebbero anche interessare:

De

Nessun commento:

Where I've been - Ancora troppi spazi bianchi!!! Siamo a 104 (a seconda dei calcoli) su 250!