lunedì 10 ottobre 2016

Duel

dal web


Ieri sera il dibattito Clinton vs Trump può aver dato spunto ad interessanti considerazioni, almeno a me. Bisogna premettere che davvero è difficile credere che una nazione come gli USA abbiano potuto scegliere due candidati così pessimi come loro. Chi come me rimane inorridito dai nostrani Salvini e Grillini vari, dovrebbe fermarsi un attimo a riflettere. Tuttavia bisogna che la gente si faccia una ragione del fatto che se il tuo sistema elettorale ti mette di fronte ad un obbligo di dover scegliere, alla fine deve forzatamente prevalere la soluzione: li brucerei entrambi, ma alla fine mi tocca scegliere il meno peggio dei due. E' così alla fine che funziona. 

Come seconda considerazione bisogna sottolineare che gli elettori di destra americani sono davvero dei minchioni, perché appare evidente che qualunque altro candidato avessero scelto, questi avrebbe vinto a mani basse, cosa di cui i vertici del partito sembrano da tempo convinti, ma che invece non sembra ancora sfiorare la massa. La medesima pensata si potrebbe fare per gli elettori dell'altra candidata. 

Giustamente stamattina un commentatore ha notato che i due si odiano a tal punto da lasciarlo trasparire senza vergogna di fronte al pubblico, che invece di essere esterrefatto da una situazione politicamente pessima come questa, tifa come di fronte allo spettacolo del Circo Massimo e questa carica di odio feroce e pesante è così avvertibile e forte da avvicinarsi quasi, anche se non fino a questi livelli, a quella di D'Alema e Marino verso Renzi. Adesso non esageriamo, ma certo che ci sarebbe da ridere. Staremo a vedere. 




Se ti è piaciuto questo post, ti potrebbero anche interessare:

Nessun commento:

Where I've been - Ancora troppi spazi bianchi!!! Siamo a 104 (a seconda dei calcoli) su 250!