martedì 22 ottobre 2013

Soluzione semifinale.

Un Anonimo mi scrive un interessante commento sul post Razzismi e parole che merita senza dubbio un approfondimento quindi una Ris-post.

Dice l'Anonimo con una certa animosità anche se con qualche ragione di fondo:

Quando sento parlare anche da persone colte e con una certa apertura mentale di "razzismo grillino" non mi stupisco che milioni di Italiani votino ancora PD o PDL.Forse bisognerebbe togliere il diritto di voto a certi pensionati, che blaterano di cose di sinistra ma stringi stringi sono troppo attaccati alla loro ricca pensione da privilegiati. Non si può toccare un diritto acquisito, dicono, ed intanto i nipotini hanno acquisito il diritto alla disoccupazione, razzisti grillini che non sono altro.

Beh, caro Anomino, io non intendevo definire un concetto di razzismo grillino istituzionale, ma considerare il fatto che molti, anzi moltissimi razzisti votano Grillo, molti reduci leghisti in particolare, e lui, consapevole, si adegua. Se invece, la gente nei bar piangesse davvero per i morti di Lampedusa, lui sarebbe sulla battigia a sbracciare in mare starnazzando per salvare bambini e mostrarli alla folla entusiasta. Lui sa bene che la gente pensa: ma che si fottano e quindi "fa" il razzista a proposito. Il grillismo in fondo non ha ideologia, né razzista, né ecologista, né negazionista, né economica, semplicemente è un movimento creato da due furbacchioni che sfruttano qualunque tipologia di malcontento che sentono spirare nel popppolo e ci soffiano sopra, con buon successo naturalmente. Se non ci fossero loro due, la gente voterebbe Alba Dorata o Askatasuna o similia a seconda delle tendenze ideologiche. Sul fatto poi che i pensionati (e non solo certi) siano dei privilegiati, sono assolutamente d'accordo e infatti sulla loro ricca pensione si sta in pratica lavorando per raschiare il fondo di un barile che la mala politica, quella di promettere l'impossibile ed in alcuni casi, peggio ancora, di darlo creando l'indebitamento attuale, ha perseguito in questi anni. Purtroppo le nuove sirene suggeriscono che la soluzione sia di non ripagarlo il debito, non spiegando quanto peggiore ancora sia questa scelta. La tragica situazione della disoccupazione giovanile, è causata oltre che dalla crisi, soprattutto da una pessima classe di imprenditori (che preferiscono certo alla sfida e all'innovazione, la facile svalutazione e lo sfruttamento di chi lavora grazie alle leggi che glielo consentono), i pessimi sindacati che dei giovani se ne sono fregati alla grande, i pessimi politici, interessati solo alla loro affermazione (inclusi i nuovi movimenti, ancora più dei vecchi interessati a brandeggiare solo quando apparentemente fa crescere popolarità e consenso) e i pessimi italiani che comunque hanno continuato e continuano a votarli, premiando tutti meno le persone serie. In ogni caso eliminando per intero i pensionati (soluzione finale per alcuni risolutiva, auspicata e in parte praticata anche da Hitler e Pol Pot, con grande affinità ad alcune teorizzazioni grilline, che comunque farebbe diminuire pesantemente il PIL e contrarrebbe ancora pesantemente i posti di lavoro quantomeno delle badanti, ma non solo), non si avrebbe la creazione di alcun posto di lavoro in più, anzi e le schiere di giovani costretti a passare le giornate a prendere l'aperitivo digitando nervosamente sugli iphone (pagati quasi tutti dai loro nonni), dovrebbero rinunciare anche a questo piccolo se pur gradevole benefit. Grillo è lì che ci vuole portare, basta saperlo, poi ognuno è libero (magari ancora per poco) di decidere quello che gli pare. D'altra parte e proprio per questo motivo, si potrebbe estendere la proposta sulla privazione del diritto di voto, ma non solo a certi pensionati, diciamo magari all'intera collettività.

Se ti è piaciuto questo post, ti potrebbero anche interessare:

Il falco e la colomba

40 commenti:

Anonimo ha detto...

Caro Enrico,
quando ho scritto di certi pensionati che blaterano di cose di sinistra mi riferivo esattamente a te e non certo ai milioni di poveracci con una pensione da fame, e, a leggere il tuo approfondimento, devo dire che ci ho visto giusto, sembra di leggere un editoriale di "Repubblica", manca solo l'accenno al ricco milionario che passa le sua vacanze al 5 stelle della Costa Smeralda e poi c'è tutto.
Parlare di "2 furbacchioni" riferendosi a persone che hanno investito ed investono il loro tempo libero per un'idea di cambiamento che non c'è in nessuno degli altri partiti lascia sgomenti. Sono dei razzisti, da quando sono in parlamento non stanno facendo niente, non hanno voluto governare con il PD, milionari in vacanza in Sardegna... che tristezza. Nel poco tempo libero che (colpevolmente troppo poco) ho dedicato al movimento 5 stelle ho incontrato gente entusiasta, viva, piena di speranza, sicuramente ecologista e non razzista, tipicamente di sinistra.
E' un'idea di cambiamento, una voglia di cambiamento, un vento nuovo.
Rileggiti quello che hai scritto, e forse riuscirai a vedere che hai fatto una lista di ovvietà senza colpevoli, quando i colpevoli ci sono e sono i 15 milioni di Italiani che hanno votato PD o PDL e hanno consentito questo governo con la complicità del Presidente della Repubblica, e tante banalità bla bla bla.
La tua chiosa di chiusura sulla privazione del diritto di voto a tutti è poi di una tristezza e di una banalità assoluta, il che doppiamente dimostra quanto male possa fare l'informazione per celebrolesi che abbiamo oggi in Italia quando persone come te che apparentemente dovrebbero avere la mente aperta arrivano ad un tale livello.

Enrico Bo ha detto...

@Anonimous - Caro Anonimo, ma dai, ti riferivi proprio a me, ma chi lo avrebbe mai detto!
Però devo dire che sono entusiasta del fatto che tanti giovani come te abbiano tutto questo entusiasmo e soprattutto che abbiano la voglia di credere nel cambiamento o in qualche cosa comunque. E' una cosa che fa ben sperare. E' la stessa cosa che ha detto la Fornero ieri sera ad una conferenza a cui sono stato (e non dirmi che non ti offro la testa su un piatto d'argento, o di peltro se preferisci). Concordo anche sul fatto che i colpevoli della situazione in cui si trova il nostro paese sia principalmente colpa degli italiani stessi, che hanno più o meno in massa beneficiato di un tenore di vita superiore alle possibilità del paese.
Comunque bisogna anche cercare di capire che se ci sono 3 partiti, un governo si può fare solo tra due di questi e siccome uno di questi 3 si è chiamato fuori, non c'è nessun altro governo possibile (tranne quello di Pol Pot naturalmente). Certo i 5stelle potevano salvarci da questo pateracchio , ma il capo ha preferito il tanto peggio tanto meglio (cosa consueta in quel tipo di personaggi e più voti si raccattano). Questo governo non piace a nessuno, neanche a chi lo compone, ma non ce ne sono altri possibili e nuove elezioni darebbero lo stesso identico risultato. Basta saper contare fino a tre per capirlo.
Ma non importa l'importante è mantenere la fede, io penso che qualche cosa cambierà con tanta gente decisa a farlo, certo non con Grillo (che verrà tolto dai piedi appena non servirà più) è l'altro quello molto pericoloso, quello che, si vede bene dagli occhi, sogna fili spinati dietro cui rinchiudere le schiere di ricchi pensionati come me, magari nelle risaie del vercellese, assieme a tutti quelli che hanno votato PD e PDL.
Certo quando mi interrogherà coi fili elettrici e io dovrò confessare (non resisto alle torture e parlo subito) che non ho votato né per l'uno né per l'altro, ma per le uniche persone serie che hanno lavorato per il paese negli ultimi 30 anni, forse verrò fucilato subito e mi eviterò il trapianto del riso.

FEROX ha detto...

L'accenno al ricco milionario che passa le sua vacanze al 5 stelle della Costa Smeralda lo faccio io. Che sono un pensionato di quelli che siccome non ce la fa a tirare avanti ha deciso rimettersi a cercare un lavoro, e dopo mille traversie e' riuscito a trovarlo, e ora si alza alle 5 del mattino e rientra acasa alle 9 di sera; io si' che salto come un grillo, approfittando di una pausa pranzo esigua per andare a dare da mangiare ai miei gatti, e passando le ferie in una pensioncina a due stelle e non in ville come quelle dei comici che vanno in giro a predicare ai popoli esasperati. E ho votato i partiti tradizionali e ne vado fiero, perché a sudare con la lingua si fa in fretta, i demagoghi l' hanno sempre fatto, ma a cercare faticosamente soluzioni si fa molta piu' fatica. Basta con la favoletta che i politici tradizionali sono tutti ladri e solo quelli che si confrontano con i social networks sono degni di tale nome, anche tra i politici tradizionali c'e' gente seria e preparata, e anche modesta. A me chi sta in ville sulla Costa Smeralda o comunque in dimore sontuose e va ad arringare il popolo fa venire il voltastomaco. tanto quanto i ladroni che sovente siedono sulle poltrone del parlamento. E Casaleggio vada dal parrucchiere a farsi tagliare quella criniera da cammello prima di parlare...
FEROX

Enrico Bo ha detto...

@Ferox - calma calma Ferox, il ragazzo è giovane e forse esasperato dalla gente che lo prende per il , no che lo prende in giro,e non gli dà speranza. Così è difficile credere nella gente seria e più facile farsi convincere da chi grida in piazza, è sempre stato così. Poi quelli che ragionano, piano piano trovano la strada del buon senso, di là rimangono solo quelli senza sale in zucca o che ci guadagnano e mandano i primi la macello. L'abbiamo già visto da tante parti, no?

Anonimo ha detto...

Caro Ferox,
Trovo veramente piccolo e gretto il tuo ragionamento che chi ha i soldi necessariamente non se li sia guadagnati, tanto più per il soggetto in questione che fuori di ogni dubbio non solo ha il talento ed il carisma per guadagnarseli ma anche ha subito l'ostracismo televisivo che è fonte di stipendi viceversa favolosi per coloro che sono bene introdotti nella RAI e sono dalla parte del sistema (proprio in questi giorni assistiamo alla polemica vuota sui compensi dei vari Fazio, Vespa, eccetera).
Al momento nemmeno io riesco a permettermi il 5 stelle eppure non provo invidia per chi può se se lo è meritato, piuttosto rabbia se non se lo è meritato. E stai pur certo che se mai arriverò a quel tenore di vita non sarò certo così calvinista da rinunciarci, perché sono a posto con la mia coscienza.
Tu continua pure a votare i partiti "tradizionali", che in 30 anni hanno portato dal boom economico al disastro, e chissà magari sono anche gli artefici della tua pensione da fame che ti costringe a lavorare per tirare avanti, se è questo che ti tranquillizza. Certamente il cambiamento spaventa sempre, ma è pur sempre qualcosa in più rispetto al passare la vita a recriminare o a rodersi nell'invidia.

Anonimo ha detto...

Caro Enrico, non vedo tutta questa gente seria a cui credere, se però volessi essere così gentile da illuminarmi tu, ben venga.
Il PD ha scelto il PDL con la benedizione di Napolitano perché non ha accettato nessuna delle condizioni minime richieste dai 5S, che in fondo sono quasi tutte condivisibili prime tra tutte la fedina penale pulita, ed il non volere come interlocutori la nomenclatura storica dei parlamentari PD in parlamento da generazioni quali Bersani, Bindi, D'Alema... insomma gli artefici del disastro.
Questo governo, ti sbagli, piace a chi lo compone, l'attaccamento alla poltrona è encomiabile come pure la difesa ad oltranza di Berlusconi che proprio non riescono a mandare a casa.
Quanto ai giovani come me, si, siamo esasperati non tanto o non solo dalla mancanza di prospettive quanto piuttosto dall'ottusità della maggioranza, di quelli che come te ragionano sulla strada del buon senso arrivando a credere addirittura che Renzi è il nuovo, quello che ci vuole finalmente.
Ma forse non è di lui che volvei parlarmi, chissà quali fulgidi esempi di gente seria nei partiti tradizionali stai per sciorinarmi, sono tutto un fremito nell'attesa finalmente di vedere la luce.
Mi sembra di ricordare sul blog di Grillo interventi di Don Gallo, Gino Strada, Dario Fo e Franca Rame, Stefano Rodotà, eccetera, che con alcuni distinguo e precisazioni fossero più favorevoli alle idee 5 stelle che ai partiti tradizionali ma forse mi sbaglio, avrò letto male assordato dagli urlatori di piazza, e poi si è vero che i personaggi elencati sopra viventi o purtroppo oggi scomparsi sono tutti personaggi scomodi e scorretti che non avrebbero fatto patti con PD o PDL perché non vogliono bene al paese che tanto ha bisogno di questo buon governo del fare.

Enrico Bo ha detto...

@Anon- Caro Anonimo, Non voglio illuminarti su chi siano le persone serie in Italia e qualcuna c'é. Se chiedi vuol dire che non vuoi vederle e siccome io non ho bisogno di convincere nessuno, sarebbe inutile.
Il PD aveva offerto ai 5S un programma che conteneva tutti i punti su cui non potevano non essere d'accordo, ma per fare un accordo bisogna essere in due e a Grillo (e a chi lo guida) questo accordo per cercare di cambiare e migliorare il paese non interessa assolutamente (mentre molti dei suoi lo avrebbero assai apprezzato questo tentativo, proprio perché sinceramente cercavano di fare qualche cosa per il paese). Lui vuole solo distruggere ogni cosa alla ricerca dell'uomo e del paese nuovo (tutte cose già viste in altri tempi e altri luoghi e conclusesi rovinosamente con lacrime e sangue). Nessuno delle persone da te citatemi sembra possa essere d'accordo su come la pensa (ufficialmente e solo perché pensa di interpretare il razzismo del popolo italiano) Grillo sull'immigrazione, proprio nessuno di loro e nemmeno molti tra i suoi eletti, anche se forse è condiviso da molti suopi potenziali elettori.

Però illuminami tu su una cosa, perché il miliardario che campa tra Costa Smeralda e moglie vicina a Briatore è encomiabile e i suoi soldi tutti meritatissimi e guadagnati col sudore della fronte, quindi solo invidiato dagli infami e invece i milioni di pensionati grassi come me (peso 105 kg) sono degli sporchi affamatori egoisti che derubano lo stato?
Questo davvero mi è difficilissimo da capire, ma è possibile che all'anziano l'Alzheimer faccia da scudo.

Diego ha detto...

Ai tempi ho visto lo streaming dell'incontro Bersani - 5S.
Si è visto subito dall'atteggiamento dei 5S che erano a priori contrari a ogni tipo di accordo.
E pensare che avrebbero potuto fissare pochi punti qualificanti, pena l'immediata crisi in caso il malvagio PD avesse fatto il furbo, e quindi dar vita a un governo.
In quel caso i 5S avrebbero dovuto governare, sul serio, e la cosa è mica facile....
Molto meglio non avere impegni e poter criticare.
Ti dirò che un poco mi secca colloquiare con un anonimo, ma tant'è, devo farlo per poterti dire quanto sei beté......


Anonimo ha detto...

Caro Enrico,
E' fuori di dubbio che ci siano persone serie nei vari schieramenti politici ove però la guida è saldamente nelle mani di politici di professione che siedono in parlamento da diversi lustri e, senza entrare nel dettaglio, con i risultati sotto gli occhi di tutti.
Il PD aveva cercato un appoggio a guida Bersani che, come giustamente osserva Diego è stato rifiutato a priori e sottolineo giustamente, in quanto è assurdo appoggiare chi ha rovinato il paese da 30 anni. In Italia troviamo normale che PD e SEL siano alleati al momento del voto, SEL prenda il premio di maggioranza nonostante percentuali da prefisso telefonico, e dopo il voto si trovino uno al governo e l'altro all'opposizione, e troviamo normale l'accordo PD-PDL, troviamo invece strano che i 5S siano coerenti dopo il voto rifiutando accordi con la mala politica come dichiarato in campagna elettorale. E' il mondo al contrario.
Dimentichi anche che dopo la tragicomica riconferma di Napolitano da parte dei 5S era stata ridiscussa la possibile fiducia al PD dietro rinuncia dei vari Bersani, Letta e vecchia dirigenza del PD a guidare il governo, e dietro accordo su temi condivisibili tipo fedina penale pulita, limite temporale alla presenza in parlamento...
I 25 anni al governo di questi disgraziati parlano da soli, tutto il resto è bla bla bla, ma dai mica credi ai tweet di Letta "priorità è cambiare la legge elettorale", ne avrà già mandati un centinaio da quando è al governo...
Per il resto, trovo ridicolo e triste l'attacco bilioso contro "i miliardari", la ricchezza non è una colpa sempre ché sia guadagnata, non siamo nell'URSS grazie a Dio e se da una parte il denaro può fare danni, dall'altra anche può fare del bene. Nello specifico poi Grillo mi sembra encomiabile perché impegna il suo tempo, e tutti siamo d'accordo quanto il tempo sia importante, per un progetto che io vedo positivo nonostante gli eccessi del personaggio. I milioni di pensionati come te evidentemente derubano lo stato e giustamente sono puniti sempre di più dai vari governi che si sono succeduti negli ultimi 20 anni con il blocco della rivalutazione delle pensioni e con tasse mirate a mazziare le pensioni più basse, e si, anche per me è difficilissimo da capire quale forma di autolesionismo faccia si che benché cornuti e mazziati comunque voi vi intestardiate a votare in massa chi vi bastona invece che provare un possibile cambiamento. Guarda, c'è un tweet di Letta "priorità è il lavoro ai giovani", di sicuro domani fa qualche cosa.

Anonimo ha detto...

Caro Diego,
I pochi punti qualificanti erano stati fissati dai 5S ma evidentemente la dirigenza PD non era interessata al cambiamento, forse leggi troppi editoriali di "Repubblica" per vedere le cose con obiettività oppure vivi come Enrico nel mondo dell'Alzheimer dove ricordiamo solo quello che ci fa comodo.

Diego ha detto...

Anonimo, sai cosa ti dico?
Sei propaganda con le gambe..
Mi hai stufato.

FEROX ha detto...

Anonimo, io ho imparato a non credere mai ai demagoghi. E Grillo e' un demagogo per eccellenza, uno scaldapopoli, secondo me non e' affatto serio. Basta sentire i suoi discorsi per rendersene conto. Cavalca l' onda del malcontento, ma predica bene e razzola male. Io sono stufo di gente come lui. Non sono invidioso, perché mi vanto di essere stato e di essere onesto. Talmente onesto che pur avendo lavorato all' estero per 30 anni, ricoprendo una posizione di tutto rispetto, ora sono peraltro costretto a lavorare, pur essendo in pensione. Perché la pensione nn mi basta. Non ho ville sulla Costa Smeralda, non posso affittare pullman per andare in giro ad arringare i popoli, al massimo posso permettermi una pizza e quando va bene una farinata. Via dalla scena gli arringatori di popoli, che tra le altre cose insultano le cariche dello Stato, e avanti con le persone serie, da qualunque parte vengano. Anche se vengono da 3 stelle invece di 5.....
Ferox

Enrico Bo ha detto...

@Dieg. e Ferox - ma dai lasciatemi stare 'sto ragazzo. Ma non sentite che è la fede che lo guida. Ma non vi ricordate delle nostre assemblee tra il 68 e il 72, Le stesse parole campate per aria, la stessa aria fritta, le stesse menzogne, che però affascinavano. Anche allora la gente aveva fede e pensava che il mondo migliore sarebbe venuto seguendo i pessimi maestri, scegliendo la via facile. D'altra parte come fai a parlare di sacrifici a 'sti ragazzi che trovano da fare al massimo qualche stage di 6 mesi non pagato. Vorrebbero cambiare il mondo. Per forza che corrono dietro al primo demagogo di turno. Se poi gli dice, tutti i vecchi a casa, no a tutto, o si fa quel che dico io o niente, naturale, biologico, no OGM e altre cazzate del genere, per forza che gli vanno dietro. Lasciatemelo stare eh, che non ha colpe, per ora, vediamo quando cresce se diventa normale o come Bondi, Ferrara e D'Alema!

@Ano. - Caro Anonimo, perché continui a non volermi spiegare perché il miliardario santo non ha rubato niente e i pensionati hanno rubato tutto loro?
Gli streaming li abbiamo visti tutti e proprio Grillo ha detto chiaramente che non ha fatto, e non farà mai alcun accordo col PD. Fa parte della sua filosofia e quindi anzi chi non è d'accordo se ne deve andare dal suo democratico movimento. Rimanevano solo in due per fare il governo, e così rivotando e pii ancora rivotando un'altra volta all'infinito. E' strano che tu non lo voglia accettare.

Anonimo ha detto...

Caro Enrico,
Come posso spiegarti qualcosa che non ho mai scritto? Non farmi il Brunetta della situazione che non ti si addice.
Posso aver scritto che è ridicolo demonizzare o invidiare i miliardari, che Grillo ha talento e carisma per essersi guadagnato il suo lauto patrimonio ma di certo non ho scritto che non ha rubato (o ha rubato). Nemmeno ho scritto che i pensionati hanno rubato tutto, potrei al limite avere scritto che i pensionati si meritano di essere bastonati perché stringi stringi sono i primi a votare questi partiti disgraziati rifuggendo da qualsivoglia cambiamento e assurdamente preferendo le bastonate. Per questo credo che in fondo hai ragione quando scrivi che anche in caso di nuove elezioni nuovamente non ci sarà nessun vincitore, questo però non riesco veramente ad accettarlo.
Sinceramente non è che io sia un fan di Grillo come persona o del suo movimento come lo interpreta lui, un po' se vogliamo da questo punto di vista simile al PDL del padre padrone Berlusconi (che senza di lui è pari a zero), sono viceversa appassionato dell'idea di una possibilità di cambiamento che fino a ieri mi sembrava impossibile ed affascinato dall'entusiasmo di tanti ragazzi che si propongono in politica senza avere percorso "una vita in politica" come i cialtroni dei partiti "tradizionali". E si, sono sorpreso come di fronte a 25 anni di disastri ci siano ancora milioni di Italiani che fanno la croce sopra ai due principali artefici del disastro politico, finanziario, industriale e morale dell'Italia e si, lo ammetto, penso che principalmente siano i pensionati a fare la maggior parte di queste croci. I pensionati con le loro croci probabilmente stanno rubando il futuro delle nuove generazioni.

Anonimo ha detto...

Caro Ferox,
Prova a lasciare da parte Grillo e considerare invece l'idea di cambiamento del movimento 5S che potrebbe essere positiva. Sinceramente io sono stufo di vedere le stesse facce da 30 anni, ben vangano delle facce nuove di sicuro non possono fare peggio di così. Dici che hai lavorato 30 anni all'estero, con una posizione di prestigio, devo supporre ben pagato o quantomeno il giusto... sarà ben colpa di qualcuno se nonostante tutti questi anni di lavoro ti trovi ad avere una pensione che non è sufficiente. Adesso Enrico dirà che ce l'ho con i pensionati, ma per quanto ne so io che vedrò la pensione tra 30 anni se mi va bene avrò meno del 60% del mio ultimo stipendio mentre chi è già in pensione oggi normalmente è vicino al 100%, per cui mi sa che la tua azienda non ti ha versato i contributi oppure ti pagava in nero per cui alla fine il colpevole c'è.
Hai ragione quando dici avanti con le persone serie, il mio pensiero è che nei partiti tradizionali vale il principio del pecorame che al momento di uscire dal gruppo viceversa segue in massa dove li porta il D'Alema od il Berlusconi di turno.

Anonimo ha detto...

Vedo che Diego si stufa facilmente quando gli si fa notare che sta vivendo nel mondo all'incontrario.
Meno male che c'è il nuovo tweet di Letta "priorità è cambiare la legge elettorale e la riduzione dell'IVA", può rasserenarsi che domani queste due importanti priorità saranno risolte.

FEROX ha detto...

Anonimo, io ero ben pagato e l' Azienda, con la A majuscola, mi ha sempre pagato tutti i contributi. Ma io ho anche sempre pagato tutte le tasse, non ho mai barato né evaso, non ho mai fatto la cresta sulla spesa, non ho mai fatto i fatti miei pur potendolo, tutti lo facevano. Ma ora devo pagare gli alimenti, il mutuo e devo vivere. E credi che mi basti? Solo Grillo o Berlusca potrebbero farcela... io sono costretto a lavorare. O a morire.
Ferox

FEROX ha detto...

Caro Anonimo, la mia pensione attuale non e' affatto vicina al 100%, e al netto delle tasse e senza trasferta io prendo meno della meta' di quanto prendevo quando lavoravo in Russia. Questo per farti scendere a terra. Ma nessuno mi potra' mai rimproverare di non aver lavorato onestamente, e se il mondo appartiene a quelli come Grillo o altri ancora peggio di lui la cosa non mi importa. A me sta bene un alloggetto di 2 stanze, viaggiare su battelli di linea e non su panfili lussuosi, un' auto modesta e la spesa al discount. Quello che e' importante per me e' il saluto dell'immigrato che sta davanti al discount, e la sua gioia quando gli chiedo come sta. Quel sorriso e' molto piu' importante di tutte le ville di Grillo, e mi fa sentire in pace. Quando me ne andro' ci sara' qualcuno che si ricordera' di me. Non una piazza o un popolo, ma magari quel poveretto immigrato, anonimo ma ricco dentro....
FEROX

Anonimo ha detto...

Caro Ferox,
Il tuo modo di vivere in pace con la tua coscienza è degno di rispetto e condivisibile.
Mi stupisco viceversa dell'accanimento contro Grillo e genericamente contro il movimento che ha creato, questo da parte tua come di tantissime persone con le quali mi confronto ogni giorno.
Eppure la pensiamo nello stesso modo quasi su tutto.
Pensaci un attimo, tutti i partiti "tradizionali", il presidente della Repubblica, tutti i media, tutti i cosiddetti "intellettuali" di sinistra, tutti a dare contro al movimento senza se e senza ma.
Non c'è qualcosa di strano? Non è strano che la maggioranza vada dietro a queste sirene, che sono le stesse che hanno distrutto il paese da 20 anni?
In Italia è solo e sempre un bla bla bla, ci piangiamo addosso su tutto, poi però se c'è una minima possibilità di cambiare ce la lasciamo scappare, facendo nostre le tesi delle "sirene" di cui sopra che sono le uniche ad avere l'interesse a lasciare tutto così com'è.

Enrico Bo ha detto...

@Anon. - Caro Anonimo, mi diventi più simpatico di giorno in giorno. La tua voglia di cambiamento (che in realtà è uguale a quella della maggior parte degli italiani) è commovente e degna di appoggio su tutta la linea. Purtroppo (secondo me) tu e quel 25% di italiani che lo hanno votato hanno pensato di trovarlo in Grillo, così come in Francia lo stanno trovando nella Le Pen o i Greci in Alba Dorata e così via tutti gli altri movimenti populisti ed antieuropei che stanno crescendo come un virus maligno da ogni parte, come erano cresciuti dopo la crisi della prima guerra mondiale e che portano tutti alla stessa tragica fine. Certo se ci fosse un politico davvero innovatore e serio in italia lo voterebbero in maggioranza. Per questo Grillo ha avuto tanti consensi sinceri e speranzosi di gente in fondo di buona volontà. Purtroppo in questo momento non c'è. Quello che propone (o meglio vagheggia vagamente ) Grillo è il disastro totale e definitivo per tutti, forse a lui (e a molti altri non credere)interessa o fa comodo, ma per la stragrande maggioranza sarebbe davvero la fine definitiva. E poi non devi credere che il popolo grillino sia tutta di giovani che temono di essere senza futuro. Io frequento una Università della terza età e non hai idea di quanti anziani lo abbiano votato, proprio perché speranzosi di cambiamento, senza rendersi conto che se applicate, le sue insane e folli ricette , li ucciderebbero definitivamente. Adesso proveremo con Renzi, (l'ansia di cambiamento continua) ma certo non è detto che sia effettiva.

Anonimo ha detto...

Caro Enrico,
Renzi...? Proveremo... Chi? Renzi, quello che e' nato dalle ceneri della DC, Margherita, ecc. ecc. per approdare al PD x interesse? Che ha cambiato piu' casacche lui di uno Scilipoti qualunque? Che e' Sindaco di Firenze sulla carta ma in Comune non lo vedono mai? Che e' il re del bla bla bla ai salotti tv? Che di 100 foto che gli fanno ne buttano via 99 e salvano l'unica dove non ha la faccia da ebete perche' era coperto?
Proviamo qualcun altro, please!

FEROX ha detto...

Caro Anonimo,
E infatti sbagliamo a piangerci addosso su tutto. Perche' noi stessi siamo in buona parte responsabili dello sfacelo del paese, e non sappiamo neppure apprezzare cio' che di buono e' stato fatto da partiti tradizionali in questi anni. Cito un esempio, anche se mi darai del matto: il S.S.N - Servizio Sanitario Nazionale. Con tutte le pecche che puo' avere, ma dove, ripeto DOVE, puoi vantare dei servizi completamente GRATUITI come in Italia? Io posso personalmente vantare di aver conosciuto medici e specialisti ECCELLENTI, di essere stato operato completamente GRATIS, e di aver usufruito e di usufruire tuttora gratuitamente di servizi post-operazione che in altri paesi TI PUOI SOLO SOGNARE. Ed in ultima analisi, posso solo ed unicamente dire grazie solo ai medici italiani se sono ancora vivo, non certo a quelli di altri paesi. Se avessi dato retta a quelli russi, adesso sarei CADAVERE e oggi mi verrebbero a mettere i fiori (forse) sulla tomba. E se in qualsiasi altra parte del mondo, AMERICA E RUSSIA E CINA COMPRESE, vuoi farti curare, devi andare con la CARTA DI CREDITO TRA I DENTI, e dare un deposito cauzionale, mentre in Italia no. E tutto questo grazie a chi? Al miliardario della Costa Smeralda? No di certo.
Vuoi sapere una cosa? Io non mi sono mai fidato dei ricchi, dei predicapopoli, degli scalmanati di piazza, anche se a volte dicono cose giuste. Non nego che tra i seguaci di Grillo ci possa essere gente onesta. Come c n'e' tra gli elettori di altri partiti. Ma e' anche questione di pelle. Grillo non mi piace. Devolva il 90% delle sue proprieta' a favore dei dsoccupati, e poi ne riparleremo.
Di fenomeni "grillo" la storia e' piena, basta non cascarci. E vivere onestamente, cercando veramente di cambiare le cose. Cominciando da noi stessi. Uno come Grillo non ha nulla da insegnarmi. Se vuole ho qualcosa io da insegnare a lui. Pagando, s' intende.....
Ferox

Anonimo ha detto...

Caro Ferox,
la Sanita' pubblica in Italia come anche l'istruzione e' stata una conquista incredibile non solo perche' gratuita ma anche per il livello di eccellenza. Da 20 anni in un crescendo in negativo assistiamo ad un continuo taglio del pubblico a vantaggio del privato. Grillo non ha creato istruzione previdenza e sanita' pubblica, certo, ma nemmeno l'ha distrutta, ci stanno lavorando i partiti tradizionali. Non credo i miliardari debbano fare come san francesco e regalare tutto ai poverelli, quanto piuttosto approfittare della propria notorieta', potere economico e carisma x dare un messaggio. Certo, il messaggio puo' essere negativo, pensiamo solo al cavaliere da 20 anni sulla cresta dell'onda... Pero' ammettiamolo, se non avesse quel carisma e forza di volonta' (e denaro) il pdl sarebbe zero, e anche gli altri "tradizionali" sono perdenti fino ad oggi xche' quanto a carisma al confronto sono zero.
Il messaggio positivo che vedo io da parte di Grillo e' che i cittadini devono riappropriarsi della politica, devono farsi avanti in prima persona e smetterla di delegare agli altri.
Certo, a parole si chiama fuori ma poi vuole controllare inn prima persona. Pero' il messaggio importante che condivido e' che se non si cambiano le facce al potere da 30 anni non si andra' da nessuna parte. I compagni di merende del PD, che tra le righe mi sembra il partito tradizionale che tu o Enrico appoggiate, a me inorridiscono: Letta, Bindi, D'Alema, Franceschini, Finocchiaro, Renzi (il nuovo x carita'), gente che da 20 anni e' la nostra rovina io non li voglio in parlamento. E tu?

FEROX ha detto...

Caro Anonimo,
apprezzo la tua buona fede e la voglia di cambiamento. Ma per ogni cosa che si fa nella vita ci vuole esperienza. Anche per la politica. Non dico che non ci voglia un ricambio, ma nessuno puo' improvvisarsi politico da un giorno all' altro e andare a governare. Occorre esperienza, conoscenza, onesta' intellettuale, moderazione e professionalita'. Io so fare poche cose, ma non mi sentirei di andare in parlamento. Si'. Io penso che la politica sia una professione, oltre che una missione. Deve essere fatta a tempo pieno, ben pagata ma ben controllata. Ci sono tutti i sistemi per farlo. Secondo me abbiamo una Costituzione invidiabile, certo migliorabile, e Istituzioni di altissimo livello. Certo non perfette, perché poi sono gli uomini che le devono far funzionare. Come i partiti. Quindi, bando all' improvvisazione ma si' alla novita'. I grillini vogliono dare un contributo? Lo diano, ma senza distruggere. E soprattutto si liberino di chi li puo' rovinare: Grillo.
Ferox

Enrico Bo ha detto...

@Anon. - I dubbi su Renzi ci sono tutti e può anche darsi che siano corretti. Per il momento non vedo altri all'orizzonte che possano tentare di vincere le elezioni una buona volta per il centrosinistra e che siano anche credibili. Si vedrà, disponibile a buttarlo a mare se si rivelerà come gli altri. I fiorentini con cui ho parlato e di cui mi fido. me ne parlano bene.

FEROX ha detto...

Caro Henry,
anche voi di sinistra vi lasciate incantare da fate turchine e scaldapopoli, come i grillini. Renzi vi ha letteralmente stregato, quasi fosse il toccasana per tutti i mali...
Certo sempre meglio di Grillo, ma....
Ferox

Anonimo ha detto...

Caro Ferox,
Caro Enrico,

Continuate a pensare che i partiti tradizionali siano la salvezza del paese e che ci sia al loro interno una possibilità di rinnovamento.
La realtà è sotto i vostri occhi e non la vedete: tanto per parlare del vostro amato PD, i soliti noti D'Alema, Letta, Franceschini, Bindi, Veltroni (ma non si doveva ritirare?), Fioroni, Gentiloni, Fassino (temporaneamente parcheggiato a Torino)... le solite facce.
Enrico dai, come fai a parlare di "centro sinistra"... è il PD, che più democristiano non si può Bindi, Renzi, Rutelli... da dove arrivano? meno male che abbiamo già il divorzio si dovesse votare oggi con quelle facce lì saremmo sposati a vita.
Nessuno dei dirigenti PD ha minimamente intenzione di mollare la poltrona.
non c'è rinnovamento, buttiamoli tutti a mare

Anonimo ha detto...

Ho appena letto il vomitevole e delirante articolo di Scalfari su "Repubblica".
Rileggendo il commento di Enrico di ieri, mi sembra un po' il suo pensiero... c'è uno Scalfari nascosto nel corpo di Enrico? Spero di no.
Di tutte le boiate dell'Enrico (Scalfari) ce n'è una che merita un commento, quando dice che il fronte anti-europeo (come lo chiama lui) ha sfondato in Italia, Grecia... ma non in Germania.
Strano, vero? Non sarà che nei paesi dove abbiamo la classe politica peggiore d'Europa (Grecia, Italia...) semplicemente sfonda l'idea di cambiamento, mentre in Germania viene premiato il Governo Merkel con un plebiscito?.
La classe politica Italiana è disastrosa, e il peggiore dei partiti tradizionali è il PD che tanto piace a Enrico (tutti e due), almeno Berlusconi non si nasconde dietro l'ipocrisia, è così come si presenta.
E' veramente un mistero per l'Enrico di Repubblica che gli anti-europeisti (come li chiama lui) arretrino in Germania, chissà forse in Germania il PD non c'è e Berlusconi sarebbe in galera o quantomeno fuori dal parlamento.
Meno male, dice Scalfari, che c'è il tandem PD-PDL a limitare la deriva anti-europeista... in 6 mesi di governo stanno chiudendo più aziende che in tutto l'anno scorso, le tasse sono aumentate, gli F35 salvi... che meraviglia.
Quando ho iniziato a lavorare 12 anni fa guadagnavo 1.300€ al mese, oggi un neo-laureato come ero io allora se ha la fortuna di trovare un lavoro a tempo indeterminato forse arriva alla stessa cifra, ma con i costi doppi di oggi, se trova un lavoro a termine con le belle formule santificate dai vari governi PD-PDL non arriva ai 1.000€. Continuate pure a votare i partiti "tradizionali"... magari Renzi, lui si che è il futuro, ha fatto gavetta nella Democrazia Cristiana-PPI-Margherita d'altronde, è una garanzia.
Tra l'altro, c'è un nuovo tweet di Letta "abbiamo abbassato le tasse", siamo a posto.

Enrico Bo ha detto...

@Ano. - Caro Anonimo. Non leggo repubblica, ma se nell'articolo dice che che nei paesi in difficoltà crescono i partiti e i movimenti populisti e antieuropeisti, dice cose innegabili. Sempre quando in un paese ci sono crisi pesanti crescono e alla fine dominano questo tipo di movimenti e poi portano alla rovina (violenta) i paesi stessi. Sempre successo così, vedi Italia del ventennio (non quello berlusconiano, che ha fatto disastri di altro genere) vedi nazismo dopo Weimar. L'Italia di oggi è avviata su questa strada. In Germania dove c'è stato un buon governo nell'ultimo decennio, dove nessuno si scandalizza se partiti opposti, non avendo la maggioranza, fanno accordi per il bene del paese, le cose marciano abbastanza bene. Non per niente lì stimano le persone serie. Mi sembra che uno dei pochi italiani stimati da quelle parti sia Monti.
Tra l'altro vedo che non sei un ragazzotto disoccupato in cerca di un lavoro che non c'è, ma uno dei tanti privilegiatissimi "indeterminati", che assieme ai malefici pensionati stanno "rovinando" il paese. Tanti auguri, Grillo ti metterà a posto.

FEROX ha detto...

Caro Anonimo, non so Enrico ma io non sono del PD. Non lo sono mai stato e non lo saro' mai. Alla faccia di Grillo
Ferox

Anonimo ha detto...

Caro Enrico,
Io penso che in Germania stimino Monti perché invece di fare gli interessi dell'Italia o almeno l'interesse dell'Europa comune, fa l'interesse della Germania e di tutti i paesi con i conti più a posto. Se l'Italia è nelle condizioni in cui è e la Germania no, è chiaro dove siano le colpe e bisogna cercarle in Italia. E' anche vero che se siamo in una Comunità Europea ed oggi ci sono stati in grave difficoltà ed altri che non lo sono, bisogna considerare la situazione attuale e sì chiedere rigore ma anche lavorare per ridurre il debito dall'esterno. L'Italia ha contribuito economicamente a fare si che paesi dell'Europa dell'Est entrassero in Europa finanziandone gli investimenti, anche la Germania ai tempi della riunificazione ha usufruito di aiuti Europei (certamente investendoli bene). Perché oggi come allora non si potrebbero destinare risorse ai paesi in difficoltà? che senso ha il falso rigore di Monti per continuare ad aumentare il debito pubblico italiano oltre il 130% del PIL, che senso ha il rigore della Grecia concedendo una ristrutturazione parziale del suo debito per sprofondare nella fame un paese intero?

Enrico Bo ha detto...

@Ano. - Caro Anonimo, vedo che concordi con me quasi in tutto, per lo meno nelle premesse. Il fatto è che quando vai a cercare aiuti in giro, devi andarci col cappello in mano e chi ti deve dare i soldi, ti chiede come minimo di metterti a posto con i conti prima di dartene altri e magari li dà a uno che sembra una persona seria a un altro, che so io a Grillo, che predica che è un bene non pagare i propri debiti, direi che è un po' difficile che prestasse altri soldi.

Anonimo ha detto...

Caro Enrico,
Grillo non predica che non bisogna pagare i propri debiti ma che bisogna ristrutturare il debito.
L'Argentina è un esempio di chi non ha pagato il proprio debito dichiarando default totale, decidendo unilateralmente (potrei sbagliare in percentuale) di rimborsare solo il 30% del debito, il paese era in ginocchio al momento del default, non è peggiorato e l'economia lentamente è andata in miglioramento. Dopo 10 anni non sono al livello di prima del default. Anche la Grecia ha ristrutturato parzialmente il debito con l'accordo dell'Europa, ricevendo in cambio finanziamenti con un cappio che li sta strangolando.
Nessuno si scandalizza quando un'azienda troppo indebitata per varie cause ma "produttiva" propone ai creditori la ristrutturazione del debito, i quali possono aderire al concordato rinunciando ad una parte oppure no in questo caso facendo fallire l'impresa e perdendo comunque buona parte del credito. Non vedo quindi perché mai non debba essere concesso all'Italia la ristrutturazione del debito, dove i "creditori" in quanto comunità Europea si fanno carico del sostenere un paese membro, ovviamente dietro una politica di rigore nei conti che però deve essere fatta a vantaggio degli Italiani non semplicemente aumentando tasse a copertura dei prestiti ricevuti.

Enrico Bo ha detto...

@Ano. - Caro Anonimo, ma non ne azzecchi proprio neanche una. Intanto ristrutturare un debito significa non pagarne una parte (non pagare insomma). L'Argentina non ha fatto unilateralmente proprio nulla ma ha concordato appunto con i suoi creditori (quasi tutti esteri)appunto una ristrutturazione attorno al 30%. Pur essendo un paese ricchissimo di risorse naturali soprattutto agricole (Seminano praticamente solo OGM ehhehe) è sprofondato in un disastro totale (io c'ero a vedere) con la gente "normale" finita in mezzo alla strada e quelli più poveri che morivano per mancanza di cibo. Dopo 10 anni di lentissima risalita (grazie appunto alle risorse) il paese col cavolo che sta bene, ma è nuovamente sull'orlo del default. Quando chiedi ai tuoi creditori esteri che vuoi ristrutturare il tuo debito verso di loro (cioè non pagarli (vedi grecia) questi per darti altri soldi pretendono quanto meno che tu dimostri di fare le riforme che ti metteranno in futuro in grado di restituirli, se no non te li danno.
Per l'Italia la situazione è ben diversa, in quanto forse non sai che i creditori dell'Italia sono gli Italiani stessi per il 60% del suo debito totale. Ristrutturare significa portare via i risparmi di una vita a decine di milioni di italiani, con la logica conseguenza di un crollo verticale del PIL, della produzione (peggio di quanto successe in Argentina) , un disastro senza paragoni, il fallimento totale del paese, fame e miseria per tutti , ma quella vera non quella di oggi in cui devi sgomitare per entrare in un negozio di telefonini. Ma forse è proprio questo che Grillo desidera.
L'unica cosa triste è vedere i giovani come te che abboccano.

Anonimo ha detto...

Caro Enrico,
Ma che stai dicendo, per darmi contro ti smentisci da solo! Ristrutturare il debito significa non pagarne una parte, grazie per avere ripetuto quanto ho scritto io. L'Argentina ha unilateralmente deciso di non pagare il proprio debito dichiarando default a fine 2001, dopo di che e parliamo almeno di 1-2 anni dopo ha unilateralmente proposto ai creditori di rimborsare parzialmente il debito, poi certo c'è stato un accordo raggiungendo una certa percentuale del rimborso, tra il 30% e niente dopo un paio d'anni che hai niente magari ci faresti un pensierino anche tu, e non tutti hanno accettato portando avanti cause su cause in tribunali internazionali. L'altra assurdità che traspare dal tuo scritto è che l'Argentina fino a quando ha dichiarato default era un paese allegro e felice e dopo il default è stato il disastro, mentre è chiaramente il contrario, già c'era il disastro, la disoccupazione e la fame, e già prima del default per avere finanziamenti dall'FMI tra l'altro con interessi insostenibili da anni si stava tagliando la pubblica amministrazione, scuole, servizi... questa storia mi ricorda qualche cosa. L'Argentina fece quella scelta (non so se fu la migliore possibile), che ha provocato un crollo immediato invece che farsi comunque strozzare ma più lentamente nel tempo, cosa che ne avrebbe distrutto comunque l'economia e la ricchezza, ed i risultati fino all'anno scorso le hanno dato ragione con una crescita lenta ma non lentissima come dici tu, visto che negli ultimi anni fino al 2012 viaggiavano anche oltre il 5% all'anno. Argentina vicina nuovamente al default... eh chissà, in Argentina non parlano un gran bene della nuova presidentessa e della sua politica troppo restrittiva rispetto alle aperture degli anni precedenti, ma tant'è, noi sono 25 anni che abbiamo un governo disastroso ed ancora c'è qualcuno che pensa che non sia poi così male od almeno il meno peggio.
Veniamo all'Italia, si hai ragione, oggi il debito pubblico è ritornato in mani Italiane sempre di più, questo in particolare a partire dalla fine del governo Berlusconi; Monti prima e Letta poi, hanno fatto un lavoro di risanamento dei conti talmente credibile che le banche estere in due anni hanno ridotto l'esposizione sul nostro debito di un buon 20% viceversa rastrellato a piene mani dalle banche Italiane ben contente di avere una remunerazione sicura garantita dalla BCE con il denaro pagato allo 0,5%, invece che finanziare le imprese. Eh si, un bel lavoro hanno fatto Monti e Letta, ci siamo ricomprati tutto il debito, adesso si che abbiamo il cerino in mano, ma chissà forse Renzi ha qualche ricetta buona da raccontarci in uno dei 20 salotti televisivi o interviste con le quali ci delizia ogni mese.
Che pena poi l'immagine della fila a comprarsi il telefonino, fa il paio con Berlusconi quando dichiarava che i ristoranti sono tutti pieni... Mi sbaglierò, ma tutti questi telefonini a mio avviso sono pagati dai nonni e dai genitori con i risparmi accumulati due generazioni fa ma forse sono mal pensante, la disoccupazione oltre il 12%, la sottooccupazione a 800€ al mese, il record di imprese fallite nei primi mesi del 2013 notizia di oggi, il PIL in discesa da anni e tutti gli anni, milioni di nuovi poveri, sono tutte balle, infatti c'è la ripresa d'altro canto lo ha appena detto Letta con un tweet.

Enrico Bo ha detto...

@Ano. - Caro Anonimo, vedo proprio che di Argentina ne conosci poco e ti auguro davvero (perché così questo capiterebbe anche a me) di non provare mai quello che è accaduto laggiù. In ogni caso la procedura scelta laggiù è stato un accordo.
Per quanto riguarda l'Italia, stravolto dall'odio che ti hanno istillato verso le cattive banche, non riesci a realizzare che il debito (attraverso le banche) ce l'hanno in mano i cittadini risparmiatori, lavoratori e pensionati a decine di milioni. Grillo li vuole uccidere e certo questo risolverebbe il problema dell'economia. Anche a Weimar è successo così. Dopo quasi sempre nasce una dittatura che ti auguro sempre di non dover provare. A grillo piacerebbe molto credo e vedrai che nel prossimo parlamento eruopeo sarete in parecchi a braccetto Grillo, Le Pen, l'olandese e i vari compari. Potrebbe già da ora federarsi con la lega con cui ha moltissimi punti economici (e non solo) comuni. Al parlamento italiano può lasciare le discussioni sulle sirene, le scie chimiche e i chip nel cervello. Che tra le altre cose devono essere sensibilissimi ai tweet di Letta!

Anonimo ha detto...

Caro Enrico,
mi sa che per i telefonini inspiegabilmente hai ragione, c'è ancora un mercato nonostante tutto. Mi trovavo venerdì pomeriggio ad entrare in un negozio di un noto provider di telefonia mobile per un cambio tariffa, premetto che l'ultima volta che ci sono entrato dentro con un certo interesse è quando ho fatto il contratto 10 anni fa. Sembrava il paese di bengodi, decine di telefonini spaziali e tablet esposti in teche luminose come da Cartier, non c'era il pienone ma comunque nonostante fosse venerdì ore 18.30, i 3 commessi del negozio erano occupati a fare ricariche o a vendere i loro prodotti a nuovi clienti. Ho approfittato del pensionato davanti a me che pur dovendo solamente fare una ricarica da 10 euro ci ha messo un'ora per raccontare come spende il suo credito telefonando al nipote che grazie a Dio ha trovato un bel posto nell'amministrazione comunale purtroppo però non in città ma in un paesino a ben 50 km di distanza poverino e si sente così solo, per osservare gli altri avventori: uno straniero per ricarica da 10 euro, due ragazzine che cambiavano tariffa ed una signora che acquistava per il pargolo. Per cercare di non pensare a fantasiosi ed agghiaccianti metodi di eliminazione dell'anziano mi sono impicciato della signora, una quasi giovane come me con figliolo per il quale era fondamentale acquistare l'ultimo modello di smartphone. Il pargoletto, un quindicenne di un metro e 80 vestito come un rapper dei bassifondi di Los Angeles era fissato per l'ultimo modello di IPhone e ne magnificava le caratteristiche ed i vantaggi tariffari senza imbroccare un congiuntivo od un condizionale nemmeno per sbaglio. La signora che tra l'altro era svestita in modo ragguardevole non lasciando nulla all'immaginazione discuteva con il ragazzino ed il commesso di tariffe che garantissero migliaia di SMS e giorni di conversazione compresi nel prezzo, e di top smartphone grossi come fogli A4 con prestazioni a me ignote che mi sono detto, tanto vale impicciarmi e rivolgerle la parola curioso di capire perché il ragazzino meritasse cotanto premio (e ammettiamo anche che la mammina meritava di suo, abbigliamento o no). Vengo a scoprire che il ragazzino è ripetente in 3° media perché la scuola è matrigna e non ne capisce il genio, e che semplicemente il nuovo smartphone gli era stato promesso; fatte queste premesse alla fine il premio Nobel spunta un Iphone da centinaia di euro, di cui 200 da pagare subito cash il resto a comode rate mensili da 70 euro al mese per qualche anno, tariffa per telefonate ed internet infinite compresa. Mentre alfine il pensionato si allontana con la sua ricarica da 10 euro e io mi appresto a fare una modifica da sfigato al mio contratto, il dramma si consuma accanto a me: il contratto monumentale del pargolo richiede un conto corrente e/o una carta di credito valida sul quale addebitare automaticamente i costi mensili, mica sono scemi a dargli un Iphone da 800 euro così senza garanzie, la signora dà una carta ricaricabile che risulta non valida, strabuzza gli occhi, tutte queste garanzie, ma siamo matti... suo marito non ha un conto corrente? (chiede speranzoso il commesso che vedeva svanire l'affare) Ah si che ce l'ha, adesso lo chiamo e chiedo, spero che mi risponda che da quando è cassaintegrato è sempre in giro che non so nemmeno dove va, dichiara la signora spazientita. Fortunatamente il marito è reperibile e fornisce un conto, fa contenta la famigliola e soprattutto il commesso, il contratto è fatto. Beh, al momento il telefonino tiene, l'Italia è salva.

Anonimo ha detto...

Caro Enrico,
quanto all'Argentina, come tanti italiani ho dei parenti che nel 2000 hanno mandato i figli a studiare in Università in Italia per paura dei disordini che c'erano già prima del default, forse non ti ricordi che ci sono stati dei morti addirittura, nel 2002 hanno perso un negozio per la crisi, tanti loro amici hanno perso il lavoro però sai, sono concordi a dire che il default ed un governo completamente nuovo alla luce di come sono andate le cose è stato un fatto positivo, c'è stata una forte ripresa ed oggi sono in una situazione inimmaginabile rispetto al 2001. Probabilmente Grillo ha fatto il lavaggio del cervello anche a loro.

Enrico Bo ha detto...

@Ano - Caro Anonimo, certo se son contenti di tutto quello che hanno passato, di certo vuol dire che al masochismo non c'è limiti, considerando che il paese sta per andare di nuovo in default , grazie alle ottime politiche che ha fatto dopo il primo. Tutto questo nonostante che l'Argentina aveva due punti di enorme vantaggio sull'Italia. Una grande ricchezza produttiva agricola da poter esportare e il fatto che il debito non era in mano agli abitanti stessi ma erano tutti verso l'estero. In Italia sarebbe molto ma molto peggio per tutti.

Enrico Bo ha detto...

Carissima, quella dei telefonini è davvero un mistero, Io ho avuto le tue stesse sensazioni in ben tre negozi diversi, Oltre mezz'ora di coda in ognuno, tra la stessa fauna che tu descrivi.

Where I've been - Ancora troppi spazi bianchi!!! Siamo a 104 (a seconda dei calcoli) su 250!