domenica 15 marzo 2020

80 Motivi + 1 per visitare lo Yunnan

Donne Yi

A conclusione del giro di sensazioni che spero di essere riuscito a trasmettervi su queste tre province della Cina del sud, stimolandovi al viaggio, anche se oggi in tempo di virus, molti avranno un senso sbagliato ma naturale, di respingimento, vorrei fare un piccolo elenco di cose imperdibili di quel paese,  cominciando dalla provincia dello Yunnan o che se la volete mettere giù in altro modo, valgono la pena di sobbarcarsi le ore di volo che sono necessarie a raggiungere quella terra lontana e che merita assolutamente di essere vista e compresa.


  • Aggirarsi nel centro storico di Kunming meravigliandosi di quanto la Cina sia cambiata in pochi anni
  • Stupirsi davanti ai cento negozi di pesciolini, uccellini e fiori
  • Rimanere interdetti di fronte ad una banca quasi completamente automatica
  • Perdersi tra rocce e pinnacoli della foresta di pietra
  • Ascoltare danze e musica del popolo Yi
  • Mangiarsi due enormi fichi viola guardando il passeggio
  • Aggirarsi tra i cartelli in cinese di una grande stazione ferroviaria in cerca del tuo treno
  • Guardare il paesaggio delle montagne che scorrono intorno a te a 200 km/h
  • Muoversi tra la folla dei turisti nella città vecchia di Dali
  • Fare tai chi nel parco, dietro ad un maestro che scandisce i movimenti
  • Comprare pomeli al mercato mentre piove a dirotto
  • Entrare nelle vecchie case delle etnie Yi e Bai
  • Visitare una moschea della minoranza Hui che sembra un tempio tao a Xi Zhou
  • Perdersi nelle strade di Dali e temere di non ritrovare l'albergo
  • Girare nei templi tra gente in preghiera
  • Visitare una azienda di tagliatori di marmo tra antichi ricordi e lastre dalle venature bellissime
  • Cenare con un canestro riempito di pezzi di frutta esotica
  • Ammirare da lontano la superficie blu del lago Erhai
  • Stupirsi davanti alla varietà del cibo di strada e rifiutare vermi fritti
  • Cercare tra le montagne il paesino di Zhu Mu Lan dove la minoranza Yi vive ancora in modo tradizionale
  • Andare da un medico cinese che cura con le erbe e farsi preparare decotti
  • Fermarsi alla città murata di Wei Shan per sfuggire alla folla dei turisti locali
  • Vedere un tempio museo con le riminiscenze della storia della minoranza Bai
  • Visitare una fabbrica di sottaceti e conserve e spiegare al proprietario come si fa la bagna cauda piemontese
  • Meravigliarsi davanti alla bellezza severa di un tempio confuciano
  • Comprare peperoncino al mercato Hui di Yong Jian
  • Chiacchierare con una sensale di matrimoni che propone ragazze birmane da sposare
  • Ammirare la tecnica di produzione dei batik blu nella casa museo a Zhou Sheng
  • Fotografare aironi e papere tra i giunchi di una zona umida 
  • Stupirsi dell'abilità  degli artigiani che scolpiscono il legno a Chien Chuan
  • Vedere l'unica famiglia che da secoli produce la terracotta nera di Dian Nan
  • Rimanere colpiti dal paesaggio dall'alto della valle di Shaxi
  • Sentire il rumore dei propri passi sulle lastre di pietra camminando di notte per le vie solitarie di Shaxi 
  • Fermarsi su un ponticello ad arco della via del thé e dei cavalli percorsa da Marco Polo
  • Andare da un produttore di miscele di caffè per fare assaggi
  • Perdersi nel grande mercato tra le donne Moshuo in costume e mangiare una zuppa di noodles dal mussulmano
  • Scalare la montagna nel parco di Shi Bao Shan tra templi e caverne scolpite per onorare la grotta della vagina di pietra
  • Camminare per ore nella foresta di pini tra valli solitarie e monti scoscesi
  • Ascoltare un concerto di strumenti antichi nel cortile di un tempio
  • Fare una lezione da un maestro di calligrafia e scrivere il proprio nome
  • Salire su una collina a piedi per vedere la grande ansa dello Yang Tze
  • Fermarsi a un mercato Nashi per comprare frutta e mangiare una ciotola di riso
  • Percorrere la valle incantata dalle pareti rosse del popolo Lisu
  • Scalare le infinite gradinate del parco di Li Ming tra rocce a forma di tartaruga e pilastri naturali
  • Essere redarguiti dagli altoparlanti sulla cima del monte a scendere a valle prima che chiuda la cabinovia
  • Andare a ballare alla festa del villaggio della minoranza Lisu
  • Farsi portare alla chiesa da due donne Lisu in costume prima della messa
  • Percorrere la grande valle dello Yang Tze tra viste sul fiume, templi tibetani e ponti sospesi
  • Girare attorno al lago di Shangrila oltre i tremila metri
  • Girare per la città vecchia e cenare a filetto di yak in una antica casa
  • Girare attorno al tempio sulla collina del centro, guardando la città dall'alto
  • Ballare in tondo sulla piazza con le musiche di villaggio
  • Visitare con calma il più grande monastero tibetano dello Yunnan e guardare la valle sotto di te
  • Assistere alla preghiera ed alla disputa teologica dei monaci
  • Salire con fatica le scalinate fino al tetto del tempio mentre i turisti inalano ossigeno dalla bombolette portatili
  • Cercare nella campagna villaggi tibetani tra pascoli di yak e fieno disteso ad asciugare
  • Cercare sotto un ponte di pietra naturale una sorgente di acqua termale bollente in cui i monaci fanno la sauna
  • Guardare dal basso in alto lo stupa gigante appena costruito che domina il centro della valle
  • Percorrere una strada tra valli e montagne innevate di 5000 metri tra pascoli e villaggi isolati
  • Aggirarsi tra le piscine naturali di BaiShuiTai tra sciamani e famigliole in cerca di benedizione e ricordare Pammukkale
  • Ricevere in regalo tre pere da una donna e comprare dei dragon fruit nelle piantagioni lungo la strada
  • Discendere le gole del salto della tigre e percorrere il trekking alto, tra strapiombi e pareti di roccia verticale
  • Dormire sotto le guglie delle montagne del Drago e vedere l'alba che le colora di rosa
  • Incantarsi nel parco cittadino di Li Jiang guardando le donne che fanno esercizi di Qi Gong
  • Fermarsi a chiacchierare con un gruppo di donne Yi in costume che stanno andando ad un funerale
  • Arrivare al remoto lago Lugu e scoprire che è una meta turistica di moda
  • Fare un giro in barca sul lago con un cinese ubriaco e un rematore canterino
  • Andare ad una festa di donne Moshuo dai facili costumi e scoprire che fanno il karaoke e S.Martino campanaro coi turisti locali
  • Fare il giro del lago entrando nel Sichuan, tra vecchi paesi Moshuo e mercatini
  • Aggirarsi nel mercato di Nin Lan tra decine di donne Yi dai grandi cappelli neri a trapezio
  • Visitare la città di Li Jiang camminando nei vicoli bellissimi tra orde di turisti
  • Ballare sulla piazza centrale con le donne Naxi in costume, tra venditori di spiedini e spaghetti fatti a mano
  • Visitare il museo della cultura Naxi e perdersi nei vialetti intorno al lago tra templi e terrazze con la vista delle montagne innevate in fondo alla valle
  • Aggirarsi tra le vecchie case di Shu He a vedere le spose che vengono a farsi fare le foto
  •  Guardare i negozietti di cose vecchie nel paesino di BaiSha
  • Essere intervistati sui problemi ecologici dagli studenti di una scuola
  • Mangiare una zuppa di spaghetti fatti a mano e un succo di melograno appena spremuto
  • Aggirarsi nel mercato accompagnando Apple a far compere tra fabbricanti di ravioli e spiegare come si fanno i plìn
  • Guardare gli stalli dove vendono animali vivi come quelli del mercato di WuHan dove scoppierà tra un mese il coronavirus
  • Guardare il panettiere che è stato a Roma e ha visto il Papa mentre fa il pane
e infine 
  • Salutare con un grande abbraccio l'amica Apple per correre verso l'aeroporto


Spero di avervi convinto. Domani parliamo delle altre due provincie. Per la serie completa dei dettagli pratici date un'occhiata alla pagina apposita a cui si accede dal frontespizio.

Giocando a Ma Jong



Se ti è piaciuto questo post, ti potrebbero anche interessare:

63 - Lotus pond
62 - L'isola di Cijin

Nessun commento:

Where I've been - Ancora troppi spazi bianchi!!! Siamo a 111 (a seconda dei calcoli) su 250!